Quantcast

Dalla Svizzera con “Only To Be There” il collettivo Terry Blue sbarca in Italia  foto

Più informazioni su

Transfrontaliero è una parola bruttarella e cacofonica, ma noi, cittadini di frontiera, ci siamo abituati ai rapporti transfrontalieri, progetti tranfrontalieri e, perchè no, musica tranfrontaliera. Di qua e di là dal confine si colloca il collettivo Terry Blue, già acclamato dal pubblico e dalle radio della natia Svizzera, premiati nel 2020 con il “Preis der Relevanz” per l’impegno sociale della loro musica, e, ora transfughi in Italia con il nuovo doppio album Only To Be There, uscito ieri per la label bolognese Areasonica Records. preceduto dal singolo Safe And Clean

Nato nel 2013 come progetto solista del cantautore e compositore Leo Pusterla, Terry Blue non tarda a delineare la sua natura di collettivo, che con l’aggiunta di numerosi membri fra musicisti, sound designer, autori ed artisti visuali, crea fin da subito un fervido nucleo di menti creative, e insieme a loro un mondo artistico eterogeneo fatto di suoni, parole ed immagini.
Ben collocabile nella corrente new-folk e new-soul, la musica di Terry Blue mantiene salde le sue radici spiccatamente alt-folk di stampo dylaniano e coheniano, mentre delinea i suoi caratteri distintivi con i testi sempre di spessore e le interpretazioni vocali del fondatore Leo Posterla.

terry blu

Già disponibile su tutte le piattaforme musicali “Only To Be There” è composto di 28 i brani chr attraversano paesaggi sonori molto diversificati: dal jazz – mondo a cui appartengono diversi membri del collettivo – al new-soul/funk, dalle metriche hip-hop alle sfumature acustiche del folk, il tutto contornato da una matrice pop-indie/rock britannica.

terry blu

CHI È TERRY BLUE

Leo Pusterla: Compositore, voce, chitarra acustica, chitarra elettrica, pianoforte, processing, sound design

Andrea Zinzi: Chitarra elettrica, chitarra acustica

Giuliano Ros: Basso elettrico

Matteo Mazza: Batteria, batterie elettroniche e percussioni

Eleonora Gioveni: Backing Vocals e interventi poetici

Andrea Cosentino: Sound Design, mix & mastering

Martina Santurri: Concept grafico

DISCOGRAFIA

Six Ruins, One Less Hope (2013), Like Burning Trees (2016), Mécanique Ep (2018), Even If This Winter Seems To Last Too Long (2018), Songs For Lyons (2018), Only To Be There (2020).

 

 

 

 

 

Più informazioni su