Quantcast

Viaggiare all’estero. Più facile con visto, eTA per il Canada ed ESTA per gli USA elettronici

Viaggiare al di fuori dell'Unione Europea ed entrare nel paese di destinazione: come ottenere un visto, un'eTA per il Canada o un ESTA per gli Usa

Per viaggiare al di fuori dell’Unione Europea ed entrare nel paese di destinazione, potrebbe essere necessario possedere un visto, un’eTA, autorizzazione di viaggio obbligatoria per poter andare in Canada senza visto o un’ESTAautorizzazione di viaggio obbligatoria per poter andare negli Stati Uniti senza visto. L’obbligo e il tipo di visto da richiedere dipendono da vari fattori, fra cui la destinazione, la cittadinanza e la finalità del viaggio. Sul sito web visti.it, seguendo una procedura online, è possibile richiedere il visto per molte destinazioni popolari, come India, Vietnam, Australia, Egitto, Kenya, Sri Lanka, Cambogia, Myanmar, Nuova Zelanda, Oman, Tanzania e Cuba, l’eTa per il Canada e l’ESTA per gli USA.

Viaggiare all'estero visti.it esta

Il visto, l’ESTA (per gli USA) e l’eTA (per il Canada), infatti, non sono altro che autorizzazioni ufficiali che consentono di entrare e/o soggiornare in un paese per un certo periodo di tempo e vengono rilasciati dal paese stesso che, attraverso questi documenti, esercita il controllo sul traffico di viaggiatori in entrata. È pertanto necessario richiederlo prima di mettersi in viaggio e, in genere, consiste in un documento, un timbro sul passaporto o un adesivo che può essere apposto sul passaporto.

Viaggiare all'estero visti.it esta

Per ottenere questi documenti in formato digitale, sono necessari tre passaggi:

– Selezionare il paese in cui si desidera viaggiare sul sito visti.it;

– Compilare il modulo online inserendo i dati necessari per richiedere facilmente il visto, l’ESTA per gli USA o l’eTA per il Canada;

– Pagare online in modo sicuro con Visa, Mastercard, CartaSi, American Express, Postepay o PayPal.

La procedura online richiede circa 5 minuti e, dal momento in cui verranno ricevuti via mail, il visto, l’ESTA per gli USA o l’eTA per il Canada potranno essere stampati o mostrati al Dipartimento per l’Immigrazione dal proprio tablet o smartphone, se richiesto. La compagnia aerea potrà verificare, in base ai dati presenti sul passaporto, se si è in possesso di un ESTA o di un’eTA in corso di validità. La stampa della conferma di approvazione non è quindi necessaria, anche se, nell’eventualità di controlli casuali, potrebbe velocizzare il processo.

Viaggiare all'estero visti.it esta

Richiedere un’ESTA per gli USA è obbligatorio per tutti coloro che progettano di effettuare un viaggio negli Stati Uniti per via aerea o marittima, bambini e neonati compresi, anche nel caso in cui si tratti di un transito, a meno che già non si possieda un visto o un passaporto statunitense. È possibile richiedere un’ESTA per gli USA non solo per sè stessi, ma anche per un’altra persona o per un intero gruppo di viaggio e, dal momento della sua concessione, resta valida per due anni (fermo restando la validità del passaporto, allo scadere del quale anche l’ESTA va nuovamente richiesta), durante i quali si possono effettuare diversi viaggi verso gli Stati Uniti, ognuno dei quali non deve superare i 90 giorni di permanenza.

In alcuni casi, per quanto riguarda la richiesta di un ESTA, acronimo di “Electronic System for Travel Authorization”, ovvero, “sistema elettronico per l’autorizzazione al viaggio” obbligatorio per entrare negli USA, i tempi affinché una domanda venga elaborata, concessa o respinta potrebbero aggirarsi intorno alle 72 ore (circa tre giorni) ma, nel caso sia necessario ridurre i tempi di consegna, é possibile contrassegnare l’opzione “urgente” nel modulo di richiesta: in questi casi l’ESTA viene solitamente concesso entro una media di un’ora → Richiesta ESTA urgente. È consigliabile, comunque, richiedere l’ESTA appena si decide di recarsi negli USA, anche senza aver già stabilito i termini del viaggio.

l’ESTA, che può essere richiesto dai cittadini dei paesi aderenti al Visa Waiver Program (tra i quali, solo per citarne alcuni, ci sono l’Italia, il Belgio, la Francia, la Svizzera, la Germania, la Grecia, i Paesi Bassi e la Spagna) è stato introdotto dal Department of Homeland Security come permesso di viaggio obbligatorio (per chi non è titolare di un visto o di un passaporto statunitense) al fine di controllare in modo più capillare ed efficace i flussi di visitatori in entrata negli USA, ed è in vigore dal 2009.

La richiesta di un’ESTA per gli USA può essere inoltrata sin d’ora, nonostante le misure restrittive dettate dall’emergenza sanitaria, dal momento che la sua validità è di due anni. Per rimanere comunque aggiornati sulle disposizioni indicate nei decreti ministeriali in materia di contenimento del contagio da Covid-19, consultare il sito di Viaggiare Sicuri, servizio del’Unità di Crisi della Farnesina.