Quantcast

Libertas, ora i play-off con Santa Croce per continuare a crescere:”Grande compattezza dei ragazzi” foto

La stagione regiolare conclusa domenica con Brescia. Adesso la sfida con i toscani. Parla coach Battocchio.

La Libertas Cantù (volley maschile A2) archivia con una sconfitta a testa alta (1-3) di domenica contro la Centrale del Latte di Brescia al Palafrancescucci fase 1 della sua stagione. Ed ora inizia ad affrontare i play-off ai quale ha accesso (con salvezza inclusa) dal decimo posto, ultimo utile per giocare questa fase supplementare della stagione. Il primo avversario è Santa Croce.

volley maschile A2, libertas in campo a Lagonegro coach battocchio e gioctori
libertas cantù vince a mondovì e conquista play off a2 volley maschile

La Lega Pallavolo Serie A ha ufficializzato date ed orari per gli ottavi di finale dei Play Off A2, qui di seguito:

– Gara-1 è prevista per domenica 28 marzo 2021 alle ore 18.00 presso il PalaParenti di Santa Croce sull’Arno (PI)

– Gara-2 è prevista per sabato 3 aprile 2021 alle ore 19.30 presso il PalaFrancescucci di Casnate con Bernate (CO)

– Eventuale Gara-3 è prevista per mercoledì 7 aprile 2021 alle ore 19.00 presso il PalaParenti di Santa Croce sull’Arno (PI)

 

Coach Matteo Battocchio esamina l’andamento del torneo, fatto di alti e bassi e qualche intoppo causa Covid:”Penso che la regular season nel suo complesso sia non sufficiente – continua il Coach canturino – perché nessuno di noi voleva arrivare al decimo posto. Nessuno di noi è contento di questa posizione in classifica. Detto questo, ci sono delle cose che ovviamente vanno messe in considerazione: non devono essere alibi, ma delle cose chiamate in causa per fare un bilancio complessivo. Credo che la seconda parte di campionato ci abbia visto crescere. Onestamente penso che possiamo fare qualcosina in più, soprattutto dal punto di vista dell’aggressività mentale, dobbiamo essere più consapevoli dei nostri mezzi e avere meno paura in alcune situazioni. Altrettanto onestamente devo dire che siamo stati molto bravi, anche se è molto pericoloso dirlo, perché abbiamo fatto qualcosa in più. Nella situazione in cui eravamo, penso che in 9 su 10 avrebbero mollato. Invece ci siamo compattati tra di noi, i ragazzi sono stati bravi a trovare soluzioni, a reagire e a ri-tirare fuori un livello di gioco che penso sia molto molto alto”.