Quantcast

Va’ Sentiero pubblica il libro fotografico Voci dalle Terre Alte, bellezze e fragilità di un’Italia nascosta foto

Più informazioni su

Sentiero Italia è il trekking più lungo al mondo e a percorrerlo per intero ci hanno provato, anzi sono ancora in cammino, un gruppo di giovani amanti delle “terre alte”. La loro spedizione si chiama “Và Sentiero” e ne abbiamo parlato più volte, specie quando i loro passi hanno percorso le sponde del lago di Como e una giovane lezzenese si è unita alla spedizione per un lungo tratto.

va sentiero libro

La prima parte di “Và Sentiero” è stata raccontata attraverso Facebook e Instagram),  un video nel quale compare anche il nostro territorio e, ancor meglio, con un libro fotografico curato da Sara Furlanetto, co fondatrice del progetto e specializzata in fotogiornalismo e documentaristica. Dopo la prima edizione e grazie al successo della campagna crowdfunding il libro fotografico di Va’ Sentiero “Voci dalle Terre Alte” va in ristampa. Fino al 4 marzo è possibile  aggiudicarsi una copia di questa testimonianza inedita dedicata alle bellezze e fragilità di un’Italia nascosta.

va sentiero libro

La spedizione è partita il 1° maggio 2019 da Muggia nel Golfo di Trieste e, con un cammino di oltre 3.500 km, dalle Alpi fino all’Appennino centro settentrionale, si è fermata a Visso nelle Marche, metà esatta del Sentiero Italia, raggiunto il 30 novembre 2019. Lo scopo del viaggio è duplice: da una parte, promuovere il Sentiero Italia, favorendo la consapevolezza ambientale e il turismo lento, responsabile e sostenibile; dall’altra, valorizzare le Terre Alte attraversate, rispettando le peculiarità locali ed ambientali, contribuendo a sostenere il tessuto socio-economico di aree interne in via di spopolamento.

I giovani trekker non hanno viaggiato sempre soli, grazie al format partecipativo della spedizione, alla quale chiunque può aggregarsi per una o più tappe,  si è  creata una carovana  in stile Forrest Gump. Il progetto ha riscontrato sin dal principio una significativa affluenza di camminatori: oltre 1.500 nei  primi 7 mesi (in media, più di 7 compagni di viaggio al giorno!).

Lungo il percorso non sono mancate le difficoltà che il gruppo ha dovuto affrontare, specie nei primi mesi: dalle forti nevicate a bassa quota di maggio, alle devastazioni provocate dall’uragano Vaia nell’ottobre 2018, dalle tantissime zecche tra il Friuli-Venezia Giulia e il Trentino-Alto Adige, agli inevitabili acciacchi fisici (tendiniti, infiammazioni, vesciche) di assestamento. Insomma, un cammino di alti e bassi, metaforicamente e non, ma nulla che la forza del team non possa superare.
Di grande aiuto, anche l’ottima accoglienza finora ricevuta dalle comunità locali. Le persone incontrate hanno sempre manifestato apprezzamento e disponibilità a supportare concretamente il progetto: il team della spedizione è spesso ospitato da strutture che spaziano tra rifugi, bivacchi, ostelli, parrocchie e oratori, stazioni dei Vigili del Fuoco, sedi delle sezioni CAI e anche abitazioni private.

va sentiero libro

Il libro “Voci dalle Terre Alte – da Muggia a Visso”  è un racconto in 200 scatti e 175 pagine per indagare i paesaggi e i volti incontrati durante i primi 7 mesi di “Va’ Sentiero”.
Stampato per la prima volta ad aprile 2020, “Voci dalle Terre Alte” è letteralmente andato a ruba tra gli amanti della montagna e del turismo sostenibile: dopo aver esaurito 400 copie in appena un mese va in ristampa grazie ad un crowdfunding e per ordinarlo c’è tempo solo fino al 4 marzo.  Oltre al libro sono previsti anche altri premi, quali la tshirt di “Va’ Sentiero”, il buff realizzato in collaborazione con Vibram e il pile tecnico di Montura. Ma scegliendo di acquistare di “Voci dalle Terre Alte” si contribuirà anche al sostegno di una parte dei costi della terza tranche della spedizione di “Va’ Sentiero”, che da questa primavera attraverserà Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna.

Il progetto editoriale nasce dal desiderio di dare alla luce una restituzione cartacea dei paesaggi, dei volti e delle storie che i sei ragazzi di Va’ Sentiero hanno incontrato dal Friuli-Venezia Giulia alle Marche durante i primi 7 mesi della loro spedizione sperimentale lungo il Sentiero Italia, il trekking più lungo del mondo. Un cammino senza precedenti intrapreso non per ambizioni sportive, bensì per promuovere il Sentiero Italia all’insegna del turismo lento e della consapevolezza ambientale e per valorizzare le peculiarità locali delle Terre Alte, contribuendo a sostenerne il tessuto socio-economico e a contrastarne lo spopolamento.

va sentiero libro

Un eccellente lavoro sulle Terre Alte italiane. Dalla preziosa documentazione fotografica di Sara Furlanetto emerge chiaramente l’identità plurale del nostro Paese, così essenziale per il suo futuro, specialmente in questi tempi difficili. Il Touring Club Italiano, che sostiene il progetto di Va’ Sentiero fin dal suo inizio, non può che rallegrarsi di fronte al lavoro e alla passione di chi si prende cura del Paese: proprio come l’associazione, nata con questo stesso intento 126 anni fa” scrive Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italiano

Raccolte nei 4 capitoli Identità di confine, Abbandono, Cura, Spazi, le immagini del volume restituiscono la prospettiva maturata nella prima tranche del cammino, dalle Alpi agli Appennini: Come spiega l’autrice Sara Furlanetto: “Ho voluto creare un percorso visivo che restituisse la complessità della dimensione montana, tra luci e ombre. Camminare lungo il Sentiero Italia non solo ci ha regalato paesaggi incredibili, ma anche un’umanità ricca e sfaccettata, fatta di storie di abbandono e restanza. Spero che questo libro stimoli il lettore a mettersi in cammino, con una buona dose di curiosità”, da qui il titolo del libro, “Voci dalle Terre Alte”.

va sentiero libro

 

 

Più informazioni su