Quantcast

Sparire o Sparare , il singolo dei fratelli Gabucci scritto sullo sfondo del Lago di Como foto

Più informazioni su

Ispirati dalle acque del lago di Como i fratelli musicisti Danilo e Vittorio Gabucci, stanno per uscire con il loro primo singolo dal titolo “Sparire o Sparare”. Danilo e Vittorio, uniti dalla fratellanza e dalla passione per la musica, sono nati a Torre del Greco, ma lombardi di adozione. Eredi della vena artistica familiare, faranno il loro esordio sullo scenario musicale il prossimo 28 febbraio sui principali store digitali: Spotify, Apple Music, iTunes, Google Play, YouTube music, Amazon, Pandora, Deezer, Tidal, iHeartRadio, Shazam.

“Sparire o Sparare” è un singolo autoprodotto, scritto e musicato sullo sfondo del Lago di Como, città nella quale vivono entrambi ormai da diversi anni. Vittorio alla voce, Danilo agli strumenti, realizzano un grande sogno: la voglia di farsi sentire con un sound che esprime un’emozione più lontana dai tecnicismi e più vicina al cuore.

Studio della musica, del canto, dell’arte, passione per la ricerca contemporanea musicale hanno guidato le scelte del brano facendo incontrare i due fratelli all’inizio del percorso artistico dopo un periodo di separazione in due città diverse, al confine tra nord e sud.  Alla fine, attratti dall’atmosfera del lago, hanno fissato a Como il punto dell’intreccio della vita artistica e familiare per comporre il brano: “Sparire o Sparare”.

fratelli gabucci

«Nasciamo entrambi sul mare– racconta Danilo Gabucci-, in una città in provincia di Napoli, proprio al centro del golfo, dove lo sguardo viene rapito dalle isole. A casa nostra da sempre si respira la bellezza, papà è un maestro d’arte, pittore, scultore e poeta, e ha dato un’impronta molto marcata alla nostra formazione».

Danilo sin da bambino è un sognatore, si appassiona alla musica e all’età di 12 anni inizia a studiare pianoforte, a comprenderne l’armonia e le regole. Durante la maturità decide di studiare la chitarra, si appassiona ai ritmi blues e soul. Vittorio, invece, fin da piccolo ha la passione per il canto che negli anni ha coltivato fino alla produzione del singolo, nel quale si vuole portare l’attenzione dell’ascoltatore su quanto, davanti alle difficoltà, sia inutile “Sparire” e quindi scappare e “…farsi la guerra per esser soli”, con l’obiettivo di stimolare alla riflessione.

«Durante il periodo del primo lockdown riflettevamo sul momento particolare che tutto il mondo sta vivendo– conclude Vittorio Gabucci-. Abbiamo deciso quindi di trascrivere in musica un tema attuale come quello della difficoltà di comunicare, soprattutto all’interno di una coppia, durante il periodo che ci ha costretti alla convivenza per contenere il virus. Avevamo voglia di sperimentare un linguaggio universale prodotto nella nostra officina musicale e questo è il primo di tre brani legati da questo tema».

Più informazioni su