Quantcast

Oggi il nuovo decreto legge del governo-Draghi: ancora niente spostamenti tra Regioni foto

Messo a punto ieri tra Governatori e Ministri. Chiesti puntuali ristori per le categorie più colpite dalle ripercussioni economiche

E’ in arrivo oggi il nuovo decreto legge, il primo del Governo-Draghi, per contenere la diffusione del Covid in tutto il territorio nazionale. Le Regioni, tra cui la Lombardia con il governatore Fontana, ieri hanno messo a punto con il Governo i dettagli e le richieste.: vacini, scuola, ristori ma soprattutto «misure di base omogenee con eventuali restrizioni dove più alta è la circolazione del virus» come riporta il “Corriere della Sera” nell’edizione odierna.

Il  decreto legge, come detto, dovrà essere approvato oggi nel consiglio dei ministri. La riunione di ieri è stata guidata dai ministri della Salute Roberto Speranza e degli Affari Regionali Mariastella Gelmini. La principale decisione riguarda il divieto di spostamento tra le Regioni, anche in zona gialla: la norma sarà prorogata per altri 30 giorni. Si va verso la conferma anche del limite di due persone — senza contare i minorenni — per le visite ai parenti

I governatori avevano portato al tavolo un documento con diverse richieste: l’ipotesi che circola è che il monitoraggio venga effettuato a inizio settimana e non venerdì per non far arrivare la decisione sui colori delle zone troppo a ridosso del week end), parametri («da rivedere») ed omogeneità delle misure. Le Regioni hanno anche chiesto che «in via strutturale, lo stesso provvedimento che introduce restrizioni per il Paese e poi restrizioni particolari per singoli territori, attivi gli indennizzi».

 

Da definire la quoestione colori anche se le Regioni hanno escluso l’ipotesi di un unico colore – arancione scuro era stato ipotizzato – per le prossime settimane. Attualmente resta in vigore la divisione in quattro fasce: bianco, giallo, arancione e rosso. A breve sarà pronto anche – ci sta lavorando proprio il nuovo premier Draghi – il nuovo Dpcn. E’ in scadenza il 5 marzo.