Fotografare la neve e i paesaggi innevati: mission impossible? La snowboarder Raffaella Brutto svela come fare foto

Più informazioni su

    Oltre coprifuoco e lockdown, c’è qualcosa che da Nord a Sud interessa la penisola italiana: la neve. I paesaggi imbiancati, siano essi di montagna, collinari o perfino di città, sono sempre molto suggestivi, eppure – al contempo – così ostici da fotografare.

    Com’è possibile allora scattare foto pronte per essere condivise, utilizzando solamente uno smartphone di ultima generazione? Wiko, il brand franco-cinese di telefonia, ha interpellato per l’occasione un’autentica esperta della neve, la campionessa italiana di snowboard Raffaella Brutto (presente su Instagram con il profilo @raffaellabrutto).

    foto neve

    Tre volte partecipante alle Olimpiadi invernali, oggi impegnata tra la Svezia e l’Austria in competizioni internazionali, Raffaella Brutto ha fornito alcuni pratici consigli, alla portata di tutti, per immortalare al meglio la neve, senza essere dei professionisti.

    Un assunto da cui partire, non potendo contare su una reflex, è di prediligere le impostazioni manuali/professionali della fotocamera del proprio smartphone, presenti sui modelli flagship Wiko, per poter adeguare a seconda della scena messa a fuoco, sensibilità e, soprattutto, bilanciamento del bianco.

     

    • L’immancabile regola dei terzi anche sulla neve. Che ci si trovi di fronte a un mare azzurro, a una verde collina o a un panorama innevato, il primo consiglio è di rispettare le giuste proporzioni tra la terra innevata e il cielo azzurro. Inquadrata la scena, a quel punto sarà possibile alzare o abbassare la linea dell’orizzonte per dare maggiore enfasi a una parte della composizione o all’altra. Per aggiungere maggiore significato alla foto, si potrà inserire un elemento (es. un albero) in uno dei punti laterali dell’inquadratura, evitando di posizionarlo al centro, per non cadere in scatti banali e piatti. Il grandangolo dello smartphone, in questi contesti, è un valido aiuto.

     

    • Se la scena è troppo bianca, puntare sull’intensità di un ritratto. In caso non si possa contare su un paesaggio d’impatto e soprattutto su un cielo cristallino che contrasti cromaticamente il resto della scena (il meteo, si sa, può giocare spesso brutti scherzi), Raffaella Brutto suggerisce di puntare su un ritratto. Sullo smartphone come il modello View5 di Wiko è possibile attivare l’obiettivo di profondità per un piacevole effetto bokeh. L’effetto sfocato darà risalto alla figura e lo sfondo monocromatico passerà in secondo piano.

     

    • Multi scatto in action! Per le foto in movimento, quelle che interessano la giornata tipo di Raffaella, il consiglio è di tenere fisso il telefono senza seguire il soggetto, in modo da aver ben chiaro lo sfondo che si vuole utilizzare, tenendo premuto il tasto della fotocamera e cogliendo diversi scatti in sequenza, fin dai momenti prima del passaggio del soggetto nella scena. A quel punto, si potrà scegliere la foto che dà più senso di movimento e dell’azione.

     

    • No all’instacool e alle foto fake. Come si diceva, la neve è tanto bella quanto insidiosa da fotografare. Per questo motivo, si può cadere nella facile tentazione di abusare di filtri, correzioni, abbondanza di HDR, credendo di ottenere un effetto wow, finendo invece con l’avere in galleria uno scatto esageratamente finto. Raffaella preferisce puntare sulla luce naturale. La fotografia è anche attesa del momento e della luce migliori.

     

    • L’eccezione: il bianco e nero. Dove c’è una regola, c’è sempre un’eccezione. Quando si vuole caricare la foto di enfasi, quando si vuole aggiungere un tocco “antico”, quando le condizioni meteo sono davvero avverse, si può ricorrere al bianco e nero. Impostabile facilmente nel momento della condivisione di una foto, donerà subito un tocco di eleganza.
    foto neve

    Consigli alla mano, non resta che tentare. E se gli impianti sciistici sono chiusi, basterà recuperare gli scarponcini e l’abbigliamento adatto per lanciarsi in piacevoli passeggiate, pronti a scattare gli scenari candidi e innevati con il proprio smartphone.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Più informazioni su