Sabato grasso a Cantù: un po’ reale un po’ virtuale salta fuori il Carnevale foto

Più informazioni su

    A Cantù, patria del carnevale ambrosiano in provincia di Como, le sfilate sono annullate, per questo motivo l’associazione Carnevale Canturino ha sfruttato l’archivio di immagini raccolte in tanti anni di sfilate e carri allegorici, e “tra reale e un po’ virtuale salta fuori  il Carnevale” trasmesso sui  social sito web www.carnevalecanturino.it  e facebook www.facebook.com/CarnevaleaCantu. Domani, 20 febbraio, il terzo ed ultimo appuntamento di questa 95° edizione digitale del Carnevale Canturino.

    Sabato Grasso, l’appuntamento che il Carnevale riserva ai propri appassionati sarà duplice e, come sempre, strepitoso e sorprendente.
    Prima di svelare, però, cosa si accinga a far capolino dallo smisurato pentolone creativo del sodalizio canturino, ricapitoliamo, per un solo istante, gli eventi che hanno allietato questa settimana, appena trascorsa. I carristi delle contrade canturine hanno proposto un proprio video celebrativo. E così abbiamo rivisto, nei diversi anni delle loro sfilate, i Baloss, il Coriandolo, la Maschera, i Buscaitt, Lisandrin, gli Amici di Fecchio e i Bentransema. Tutti guidati da Truciolo, la maschera simbolo della Città di Cantù, oltre che dello storico Carnevale.

    Ogni giorno, inoltre, sui social del Carnevale, sono apparse simpatiche filastrocche, recitate da due abilissimi interpreti e scritte da autori classici, da Lorenzo il Magnifico a Gabriele D’Annunzio, per citare soltanto due tra i più celebri, ma anche contemporanei, come Rodari e Gasparini.

    Generico febbraio 2021

    Sabato 20 febbraio il crescendo di iniziative raggiungerà il suo apice. Infatti, alle 14,30, la Gran Sfilata del Sabato Grasso andrà in onda, in pompa magna, in simultanea sul sito (www.carnevalecanturino.it) e sul gruppo (www.facebook.com/CarnevaleaCantu) del Carnevale Canturino con la riproposizione delle dirette e delle sfilate dell’edizione 2020. Edizione bruscamente interrotta al termine della seconda domenica di corso, a motivo dell’emergenza sanitaria che impose il lockdown in tutta Italia. L’occasione di sabato pomeriggio sarà, dunque, propizia per tornare ad ammirare quei carri maestosi per dimensioni e prodigiosi per meccanica che i carristi, faticosamente, avevano costruito durante i lunghi mesi invernali ma che, sfortunatamente, dovettero troppo presto venire ricoverati presso “La bottega di Truciolo”, in attesa di tempi migliori che – speriamo tutti! – possano giungere presto.
    Ricordate? I Buscait avevano proposto “Giro giro tondo… Non fate cadere il mondo!”, un invito ai potenti della Terra ad unirsi in coro al famoso canto infantile, a tornare anch’essi bambini e guardare con stupore la meraviglia del Creato, consapevoli del fatto che, soprattutto, in mano loro riposino le sorti dell’umanità.

    carnevale canturino

    I Lisandrin presentarono “Il can can lo facciamo noi”, carro satirico che esibiva la politica italiana come un gran can can! Per non parlare dell’Europa…
    Gli Amici di Fecchio, con “Ralph spaccatutto”, invitavano il supereroe, con le sue possenti braccia, a riportare alla normalità la politica dell’Italia, che sembra ridotta ad un colabrodo.
    “Se il mare vuoi salvare… aiutaci a riciclare” era il tema presentato da La Maschera, attraverso un carro allestito con bottiglie di plastica che diventavano il corpo e i lunghi tentacoli delle meduse, contrapposti al grande pesce di cartapesta: un manifesto ecologico che, sfilando per le vie di Cantù, intendeva sensibilizzare a favore del riciclo.
    Un altro comicissimo carro satirico, quello dei Bentransema: “Tra gallo e galletti siamo sempre più poveretti”. Tutti vogliono comandare sul popolino, tartassato dalle angherie del potente di turno. Ma, se ci sono troppi galli a cantare, difficilmente spunterà l’aurora di un nuovo giorno!
    Chiudevano l’edizione numero 94 del Carnevale Canturino, nell’anno 2020, i carri dei Baloss e de Il Coriandolo, entrambi incentrati sulle tematiche ecologiche. I primi, con “Sommersi in un mare di plastica”, rappresentavano il tema dell’inquinamento causato dalla plastica. Particolarmente simbolici erano i nidi di gabbiano, realizzati con bottigliette e vari oggetti di plastica recuperati in mare. I secondi, con “Australia”, un carro di denuncia, realizzato in collaborazione con il maestro viareggino, Emilio Cinquini: un grande albero al centro del carro evocava il grido di allarme della Natura, che chiede aiuto. Ricordiamo che, durante il 2019 l’Australia e, non tanto tempo prima, l’Amazzonia stavano andando letteralmente in cenere, a causa degli incendi dolosi, appiccati per conquistare terre nuove da sfruttare economicamente.

    Grazie, dunque, ad un sapiente montaggio video, il revival che sarà presentato nel pomeriggio di Sabato Grasso ci porterà a rivedere anche le scuole di ballo che l’anno scorso avevano animato la festa per le vie di Cantù, accompagnando i carri in sfilata: Lady Anna, La danza, Colisseum, Newenergy Arosio Fitness Dance, Dance Academy & Musical School di Cantù.
    Ma la vera novità di quest’anno, che costituisce una sorta di “numero zero”, le prove generali, di un futuro Veglione per le prossime edizioni del Carnevale in presenza, è affidata a “Magia&Fantasia”, il Gran Galà on line del Carnevale Canturino. Alle ore 20 di sabato 20 febbraio, infatti, in contemporanea sul sito, sul canale YouTube e sul gruppo Facebook del Carnevale, uno spettacolo di magia e un intrattenimento fiabesco e poetico allieteranno la serata conclusiva di questa edizione digitale. Non saranno necessari accrediti, prenotazioni, password, account, pin e altre diavolerie moderne per assistere a questo spettacolo (totalmente gratuito) che, siamo certi, saprà catalizzare l’entusiasmo di grandi e, soprattutto, dei più piccini, tutti riuniti in felice compagnia.

    carnevale canturino

    Apre la serata Fabio Frigerio, presidente del Carnevale Canturino, in veste di presentatore dell’evento. A lui spetterà anche il compito di rendere gli onori di casa agli artisti invitati ad animare questa serata tutta scoppiettante e divertente

    La scaletta prevede il tributo alle tradizioni locali, affidato ad Alberto Savioni, un poeta che, nel 2017, recitò per uno spot del Carnevale Canturino. Nell’elegante galà “Magia&Fantasia”, l’autore ci proporrà una poesia, estratta dal suo ultimo impegno editoriale “Quant me scàpa la puesia”, scritto in vernacolo canturino e recentemente presentato ai lettori locali.
    Il tema della serata volge presto al suo momento più misterioso e magico. E’ il tempo, quindi, di passare il testimone ad un altro personaggio a dir poco fantasmagorico, quasi caleidoscopico, sfavillante e sfolgorante. In diretta dalla Bottega di Truciolo, dove vengono costruiti i carri allegorici del Carnevale Canturino, il Mago Valery ci proporrà ben tre spettacoli di prestidigitazione, illusionismo e trucchi inverosimili. Il Mago Valery (www.facebook.com/magovalery oppure www.magovalery.it) si distingue per la sua straordinaria abilità nell’arte dei giochi di prestigio che lo ha consacrato tra i migliori maghi a livello internazionale. E’ stato il testimonial magico della Coppa FIFA per lo sponsor ufficiale dei Campionati Mondiali di Calcio e per ben due volte ha rappresentato l’Italia ai Campionati del Mondo di Magia, a Dresda nel 1997 e a Lisbona nel 2000. Nella sua lunga carriera ha avuto modo di inventare giochi di prestigio per alcune prestigiose companies mondiali, tra cui Microsoft, Rolls Royce, Harley Davidson, Chanel, Bayer. Il Mago Valery è anche spesso ospite della Tv Svizzera e ha presentato le sue mirabolanti magie in numerosi programmi sulle reti televisive italiane.

    Tra una magia e l’altra, si alterneranno sul palco virtuale del Gran Galà del Carnevale due narratrici di autentico, puro talento. Prende la parola Francesca Marchica, con i suoi pupazzetti che danno voce ad un racconto inedito – di sua invenzione –, pervaso da una vena fantastica ed affabulatoria, capace di catalizzare l’attenzione ammirata dei bambini più piccoli. Francesca è un’insegnante della prestigiosa scuola superiore di Bormio e da molti anni fa parte del “Gruppo Animando” Alta Valtellina (www.gruppoanimandobormio.altervista.org oppure www.facebook.com/GruppoAnimando). Dal 2005 il Gruppo Animando si dedica, con grande successo, ad attività di animazione per bambini. L’associazione è formata da animatori con diversi anni di esperienza nel settore dell’animazione turistica. Le attività di intrattenimento ed animazione proposte sono: super baby-dance, spettacoli di burattini; vivi la favola, giocopark, cabaret, karaoke, musica dal vivo e baby mini-club. Abbiamo già avuto modo di apprezzare, questa settimana, l’arte narrativa di Francesca Marchica, poiché ci ha regalato due video-filastrocche di carnevale, andate in onda sui social (Facebook, Instagram e sito) del Carnevale Canturino.
    Al termine del secondo spettacolo di illusionismo, Tiziana Scrivo, autrice di “Ines e Anita”, un romanzo sulle tematiche adolescenziali e “Dalila, l’eroina di Glauco”, una storia di dipendenza, per l’occasione, proporrà una fiaba di sua invenzione. Una favola molto leggera, spensierata ma, al contempo, appassionata.
    Lo spettacolo “Magia&Fantasia”, con la terza ed ultima esibizione del Mago Valery, chiuderà (ma solo per il momento!) i festeggiamenti del Carnevale Canturino.

    Infatti, se la situazione sanitaria lo consentirà, è seria intenzione del direttivo del Carnevale organizzare un evento sui generis durante l’autunno, con un occhio privilegiato ai bambini. Di questa iniziativa daremo prontamente notizia attraverso la stampa. Nel frattempo, incrociamo le dita…

    Più informazioni su