Ats Insubria, due apprensioni: i nuovi positivi tra i ragazzi e le varianti del virus di Viggiù foto

Il punto sulla diffusione del virus. I giovani quelli più colpiti negli ultimi giorni.

Ci sono due apprensioni per i vertici di Ats Insubria che oggi – via zoom – hanno fatto il punto della situazione sull’evoluzione del virus con la stampa. La prima rappresenta il lieve incremento di numero di contagi da noi (nel comasco) nell’ultima settimana: 898 i positivi in tutto il territorio e di questi un numero significativo sono giovani sotto i 24 anni. Diverse le classi attualmente in quarantena fiduciaria ed i ragazzi che svolgono lezioni con la Dad.

 

E se questo è un motivo di preoccupazione – sottolineato dal direttore sanitario di Ats Insubria Giuseppe Catanoso – i colleghi presenti al punto stampa hanno sottolineato la seconda apprensione di queste ore: tenere sotto controllo le varianti inglese e scozzese (identificata) che sono state rilevate nel comune di Viggiù, ad un passo da Roderto ed il comasco. A Viggiù zopna rossa da ieri decisa dalla Regione per i tanti casi di questa variente riscontrati, in particolare tra i bambini delle scuole elementari e nidi. La gente resta a casa, fino a sabato screening su tutti i residenti per riscontrare nuovi positivi.

Non escluso uno screening su tutta la popolazione vicina(dunqua anche i comuni della fascia comasca) anche se finora non è previsto in modo ufficiale. Impossibile dire perchè questi casi di variante inglese e scozzese del virusn sono aumentati proprio a Viggiù. I vertici di Ats Insubria non sono stati in gradi di stabilirlo.

 

GLI HUB DEL TERRITORIO PER LE VACCINAZIONI

Villa Erba forse anche se non ufficiale, probabile invece la scelta su Lariofiere. Lo deciderà una apposita delibera della Regione in fase di preparazione. Dalle prossime settimane, dunque, la vaccinazione di massa sarà fatta in queste due strutture della provincia. Lì si andrà – dalla fascia 18 – 60 anni – a fare il vaccino vista la ottima disponibilità di parcheggi e spazi.