Asf autolinee ed il primo giorno di bus in zona gialla: nessuna criticità sulle varie linee foto

L'azienda:"Presenza rilevate di gran lunga inferiori al 50% della capianza dei bus. Registrata una fisiologica diminuzione dell'utenza"

Nel primo giorno di zona gialla per la Lombardia, Asf Autolinee non registra significative problematiche legate al trasporto degli studenti e del resto dell’utenza, nemmeno nelle fasce orarie più critiche, in concomitanza con l’ingresso e l’uscita degli studenti dagli Istituti scolastici. Lo rende noto l’azienda di trasporto cittadina con una nota ufficiale. Le presenze rilevate sono di gran lunga al di sotto del 50% imposto dal Dpcm e non si è registrato alcun superamento del limite di capienza massimo. L’azienda, dopo gli accordi presi nei tavoli tecnici e istituzionali, ha infatti provveduto a implementare il servizio con 150 corse sul servizio urbano ed extraurbano, con l’obiettivo di assicurare il distanziamento sociale ed evitare assembramenti sui propri mezzi”.

studenti trasporti

Rispetto al primo ritorno degli studenti a scuola “in presenza”, è stata rilevata una fisiologica diminuzione dell’utenza, diminuzione ampiamente prevista, visto che gli istituti dovrebbero rispettare il limite del 75% di studenti in frequenza. Il monitoraggio costante delle corse ha evidenziato sulla corsa più affollata di giornata, una corsa extraurbana, 51 utenti presenti sul mezzo, a fronte di una disponibilità di 64 posti, quindi come detto ben al di sotto del tetto del 50%.

 

Ricordiamo che, nella maggioranza dei casi, per il trasporto degli studenti vengono utilizzati mezzi snodati che possono contenere fino a 70 utenti tra posti a sedere e in piedi e che non sono imputabili all’azienda di trasporto pubblico eventuali assembramenti alle fermate dei bus o violazioni delle normative anti-Covid. L’impegno dell’azienda nel monitoraggio continuerà anche nelle prossime settimane, con analisi e rilevamenti sulle linee, in modo da modificare o integrare il servizio laddove dovesse essere necessario, per continuare a offrire un servizio di qualità a tutti gli utenti che scelgono di muoversi con il trasporto pubblico.