Il giallo di Mattia Mingarelli: il giudice riapre il caso, nuove indagini da svolgere foto segui la diretta

Accolta la richiesta della famiglia del ragazzo di Albavilla. La sua scomparsa nel dicembre di due anni fa in Valmalenco.

Ad oltre due anni dalla tragica scompardsa – fitta di misteri e dubbi ancora da chiarire – il giudice del Tribunale di Sondrio ha riaperto il caso sulla morte di Mattia Mingarelli, il giovane di Albavilla trovato morto in Valmalenco. Il legale della famiglia del giovane ha infatti presentato ricorso, chiedendo riaprire il caso e di svolgere nuove indagini. Richiesta pienamente accolta, con nuovi accertamenti da svolgere. Nel dicembre 2018 il giovane era sparito a pochi metri dalla baita della famiglia. Corpo poi ritrovato qualche settimana dopo. La vicenda era destinata a chiudersi così visto che la Procura aveva chiesto l’archiviazione del caso. Secondo gli inquirenti si sarebbe trattato di una morte accidentale causata da una caduta.

mattia mingarelli ragazzo scomparso chiesa valmalenco

La famiglia di Mattia però non ha mai creduto a questa tesi. La sorella Elisa (video sopra) anche a noi poche settimane fa aveva spiegato il perchè della lolro contrarietà alla tesi della Procura. Da qui l’impugnazione e la richiesta di riaprire il giallo.