Bucchi suona la carica alla Pallacanestro Cantù:”Qui per dare una mano a questo club” foto segui la diretta

Il tecnico bolognese ha una vasta esperienza. E' stato chiamato per risollevare le sorti della formazione: domenica pesante ko a Pesaro.

Ha già diretto il suo primo allenamento (ieri pomeriggio) con i ragazzi. Oggi pomeriggio – sala stampa del Toto Caimi – viene presentato ufficialmente a stampa e tifosi (a porte chiuse). Piero Bucchi inizia la sua avventura alla Pallacanestro Cantù con entusiasmo e tanta voglia di fare bene. La speranza dei tifosi è che riesca a dare la “scossa” giusta alla squadra, reduce da un paio di prestazioni negative. L’ultima (video sopra) di domenica a Pesaro

piero bucchi dirige primo allenamento pallacanestro cantù
piero bucchi dirige primo allenamento pallacanestro cantù

L’allenatore bolognese arriva in Brianza forte di oltre 25 anni di esperienza. Nato il 5 marzo del 1958, Bucchi ha all’attivo 623 presenze in Serie A con ben 329 successi. Sono 56, inoltre, le panchine in Serie A2, che si aggiungono alle 161 collezionate tra coppe nazionali e coppe europee. In campo internazionale il coach bolognese ha allenato per sette stagioni in Eurolega.

 

Nella sua carriera Bucchi ha collezionato un palmarès ricco di premi. Nel 2000 è stato eletto “Allenatore dell’Anno” alla guida della Benetton Treviso, con cui ha vinto una Coppa Italia nello stesso anno e una Supercoppa nella stagione successiva. Nel 2006 ha inserito nella sua bacheca personale un’altra Coppa Italia, vinta con Napoli, che si somma a quella di LegaDue conquistata nel 2012 con Brindisi. Quattro, invece, le promozioni in Serie A: con Rimini nel 1997, con Napoli nel 2002, con Brindisi nel 2012 e con la Virtus Roma nel 2019.

piero bucchi dirige primo allenamento pallacanestro cantù

LA CARRIERA

La lunga e stimata carriera di Bucchi da capo allenatore inizia nel lontano 1996, alla guida del Basket Rimini, che allena sino al 1999, riportandolo in Serie A e raggiungendo una sorprendente qualificazione alla Coppa Korac. Poi il già citato biennio vincente a Treviso, seguito da una breve esperienza in Polonia, a Breslavia. Nel novembre del 2001 il coach emiliano approda a Napoli, dove – da subentrato – centra subito la promozione in Serie A. Dal 2002 al 2005 vive gli anni d’oro della Virtus Roma, guidando l’allora Lottomatica in Eurolega e allenando grandi campioni. Nel 2005 torna a Napoli dove partecipa nuovamente alla massima competizione europea. Quindi, la prestigiosa chiamata dell’Olimpia, società che allena da 2008 al 2011, centrando le Top 16 di Eurolega. Dopo Milano arriva la tappa pugliese: per cinque stagioni, infatti, tra il 2011 e il 2016, è l’head coach di Brindisi, quinquennio che precede le esperienze alla VL Pesaro e alla Juvecaserta. Prima di approdare a Cantù allena di nuovo la Virtus Roma, la sua ultima squadra (2018-2020), conquistando un’altra promozione in Serie A.