Alessandro Fancellu di Binago nel nuovo team italiano di ciclismo professionistico ideato da Ivan Basso

Più informazioni su

Alessandro Fancellu, classe 2000, nato a Binago è stato scelto per entrare nella nuova squadra italiana di Ciclismo professionistico ideata da Ivan Basso con i title-sponsor EOLO, azienda italiana leader nei sistemi wireless e KOMETA, azienda agro-alimentare internazionale dal cuore italiano, sviluppato assieme alla Fondazione Alberto Contador.

La rosa definitiva dei nomi che compongono il nuovo team italiano, è stata presentata ufficialmente oggi da Luca Spada – presidente e fondatore EOLO – Ivan Basso, Giacomo Pedranzini – Amministratore Delegato di Kometa – e Alberto e Francisco Contador, assieme alla maglia ufficiale che i 20 componenti dell’EOLO-Kometa Cycling Team indosseranno nella prossima stagione della categoria UCI ProTeam.

Alessandro Fancellu ha riportato una grande vittoria alla Vuelta a León del 2019, dove ha vinto la tappa regina con arrivo sull’impegnativa salita del Puerto de Ancares. Ma il grande risultato di Fancellu è stata la splendida medaglia di bronzo conquistata ai Campionati del Mondo Juniores di Innsbruck. Il ciclismo non è stato il primo sport nella vita di Fancellu: ha giocato come attaccante nella squadra dell’Oratorio Solbiate. All’età di dodici anni ha deciso di smettere e, su consiglio dei genitori, ha iniziato a pedalare per praticare attività fisica.

Luca Spada, Presidente e fondatore di EOLO, commenta: “Crediamo fortemente nel progetto che oggi prende ufficialmente il via e siamo entusiasti di supportare una squadra italiana di giovani talenti. Noi di EOLO condividiamo con il ciclismo la voglia di unire tutto il Paese in una sola rete unica che attraversa grandi e piccoli comuni, quelli nei quali ci impegniamo ogni giorno con la nostra missione di portare internet dove gli altri non arrivano. Questo sport insegna la massima importanza del gioco di squadra, dell’impegno e della fatica per raggiungere i risultati prefissati, valori che come EOLO condividiamo e che mai come oggi sono fondamentali per tutto il Paese, alle prese con la ripartenza post-covid.”

Giacomo Pedranzini, Amministratore Delegato di KOMETA aggiunge: “Con determinazione KOMETA porta avanti già da 3 anni il suo impegno nel sostenere i progetti ciclistici della Fondazione Contador. I nostri obiettivi e valori sono fin dall’inizio in perfetta sintonia con quelli di Alberto Contador e Ivan Basso: ci impegniamo a promuovere una corretta alimentazione e uno stile di vita attivo, senza perdere di vista l’enorme vantaggio che uno sport come il ciclismo porta all’ambiente. Oggi, grazie all’importante ingresso di EOLO il progetto assume ancora più forma, vigore e sostanza nel perimetro di valori comuni come la sostenibilità, la responsabilità e l’innovazione.”

Ivan Basso, Sport Manager ProTeam EOLO-KOMETA Cycling Team ha concluso: “Sono tre anni che lavoriamo a questo progetto e ora arriva il momento in cui prende un’altra forma, un’altra dimensione, un’altra velocità, un’altra speranza. Siamo molto grati a EOLO per aver creduto in un progetto a lungo termine e aver preso l’iniziativa con grande entusiasmo, e ringraziamo Kometa per aver portato avanti il loro impegno. Sono molto orgoglioso di poter contare su una squadra in più in Italia che entra nel grande ciclismo, con la maggioranza dei corridori italiani e un quartier generale per la squadra.”

Le prime gare in cui il team concorrerà sono il GP Valencia, la Vuelta Valenciana e la Vuelta Andalucia. Il primo debutto in Italia sarà invece al Trofeo Laigueglia il 3 marzo.

Più informazioni su