Pool Libertas torna di nuovo in campo contro Siena:”Più attenzione dai miei ragazzi” foto

Coach Battocchio alla vigilia del match odierno in terra toscana. Domenica sconfitta netta a Casnate, oggi il recupero della prima di andata.

48 ore dopo, il Pool Libertas Cantù torna in campo in un ‘back-to-back’ quantomeno inusuale. Domenica le due squadre sono scese in campo per la prima giornata di ritorno, mentre è previsto per oggi pomeriggio – alle ore 18.00 presso il PalaEstra di Siena  – il recupero della prima giornata di andata contro i padroni di casa della Emma Villas Aubay Siena e la Libertas Cantù (volley maschile A2). Domenica, a Casnate, netto 3-0 dei toscani apparsi in grande condizione e con un livello qualitativo davvero notevole sotto la regia di Marco Fabroni.

 

libertas cantù gara casalinga contro santa croce

 

Coach Matteo Battocchio presenta così la sfida:“Recuperiamo la gara di andata in una situazione un po’ anomala. In questo momento dobbiamo, al di là dell’assenza di Viiber, valutare il recupero di alcuni atleti e la loro gestione al meglio perché ancora un po’ acciaccati. Il campionato è ancora lungo, e non possiamo permetterci di perderli per tanto tempo. Domenica abbiamo fatto un ottimo primo set, che abbiamo perso spesso per demeriti nostri, quindi su questo esigo più attenzione. Poi, secondo me, non abbiamo retto anche fisicamente, oltre che a livello mentale, e ci può stare. Ma esigo più attenzione, soprattutto nello sfruttare le loro imprecisioni e i loro momenti di difficoltà, e non sprecare tutto con errori anche banali, e che non hanno a che vedere con la forma fisica e con la situazione che stiamo vivendo. Io mi aspetto, soprattutto dai giocatori più esperti e che conoscono la categoria, che in queste cose siano molto più attenti e più presenti. Dovremo limare queste cose, ben sapendo che entrambe le squadre sono in una situazione diversa rispetto alla gara di ieri, ed essere pronti a sfruttare ogni possibilità che i nostri avversari ci concederanno”.

 

GLI AVVERSARI

Coach Alessandro Spanakis, arrivato questa stagione dall’Olimpia Bergamo, con la quale ha conquistato la Del Monte® Coppa Italia A2/A3 e il premio Anderlini come miglior allenatore di Serie A2, non può schierare in cabina di regia il veterano Marco Fabroni, arrivato in corsa dalla Cave del Sole Geomedical Lagonegro, quindi spazio a Filippo Ciulli, lo scorso anno alla Peimar Calci. Opposto è il mancino Yuri Romanò, vincitore per il secondo anno consecutivo del premio Badiali come miglior Under 23 di Serie A2. La coppia di schiacciatori è formata dagli esperti Dore Della Lunga (ex Perugia e Trento, tra le tante) e l’ex Piacenza Igor Yudin. Esperienza anche al centro con Rocco Barone, una lunga carriera in A1 con Vibo Valentia, Perugia e Latina, e il confermato Matteo Zamagni. L’ex Bergamo e Brescia Pasquale Fusco è il libero.