Quantcast

Niente da fare per la Libertas Cantù: ancora un ko a Casnate, Siena passa in tre set foto

I brianzoli per la prima volta al completo dopo diverse settimane. Non al top Mariano e Bertoli. Coach Battocchio:"Fino a febbraio sarà così, dobbiamo avere pazienza"

POOL LIBERTAS CANTU’ 0

EMMA VILLAS AUBAY SIENA 3

(20-25, 22-25, -25)

POOL LIBERTAS CANTU’: Viiber 5, Motzo 15, Bertoli 5, Mariano 4, Monguzzi 6, Mazza 4, Butti (L1), Malvestiti, Corti, Galliani, Picchio . NE: Regattieri, Pellegrinelli, Gianotti (L2). All: Battocchio, 2° All: Abbiati, 2° All: Redaelli (battute vincenti 2, battute sbagliate 19, muri 6).

EMMA VILLAS AUBAY SIENA: Fabroni 1, Romanò 14, Della Lunga 9, Yudin 15, Barone 1, Zamagni 7, Fusco (L1), Ciulli, Della Volpe, Fantauzzo 1. N.E.: Panciocco, Truocchio, Crivellari (L2). All: Spanakis, 2° All: Pelillo (battute vincenti 5, battute sbagliate 16, muri 4).

 

Arbitri: Alessandro Rossi (Imperia) e Paolo Scotti (Cremona)

Addetto al videocheck: Riccardo Canali

 

La prima partita del 2021 al PalaFrancescucci va alla Emma Villas Aubay Siena, che ha disputato una partita concreta contro un Pool Libertas Cantù, per la prima volta a ranghi completi dopo la partita del 17 novembre a Reggio Emilia contro la Conad. Niente da fare per i brianzoli a Casnate: il Palafrancescucci resta tabu da inizio stagione: finora 5 sconfitte consecutive. Finisce 0-3 per i toscani.

Coach Matteo Battocchio recupera in extremis Luca Butti come libero, mentre schiera in regia Robert Viiber, con Matheus Motzo opposto, Matteo Bertoli e Romolo Mariano schiacciatori ma non al top della forma, Dario Monguzzi e Federico Mazza centrali. Coach Alessandro Spanakis risponde con Marco Fabroni al palleggio, Yuri Romanò opposto, Dore Della Lunga e Igor Yudin in banda, Rocco Barone e Matteo Zamagni centrali, e Pasquale Fusco libero.

Libertas Cantù sconfitta a Casnate contro siena volley maschile a2

La Emma Villas Aubay parte subito forte, trascinata da Yudin e Romanò, tanto da costringere Coach Battocchio a fermare il gioco (4-9). Il Pool Libertas approfitta di un errore degli avversari per tornare sotto (9-11), ma è sempre l’opposto mancino di Siena a ricacciare indietro gli avversari (9-13). Cantù alza il muro con Bertoli e Viiber e si riporta a -1 (12-13). Si lotta palla su palla, ma un paio di errori dei canturini lanciano i senesi, costringendo Coach Battocchio a chiamare il suo secondo time-out (16-20). Il muro degli ospiti stoppa gli attaccanti di casa, e un attacco di Yudin nell’angolo consegna il parziale ai suoi (20-25).

 

Il secondo set inizia con tanti errori, sia da una parte che dall’altra, soprattutto in battuta. Un attacco fuori di Bertoli permette alla Emma Villas Aubay di andare +2 (7-9), ma il Pool Libertas non molla e resta attaccato nel punteggio. Bertoli mura Romanò ed è parità a quota 13. Yudin si carica la squadra sulle spalle, e costringe Coach Battocchio a fermare il gioco (15-18). Al rientro in campo un errore in ricostruzione costringe il coach canturino a chiamare il suo secondo time-out in breve tempo (15-20). Nel finale Cantù torna sotto (22-24), ma un attacco di Della Lunga consegna il parziale ai suoi (22-25).

Nel terzo set il Pool Libertas prova a scappare con Viiber (4-1), ma la Emma Villas Aubay con un muro di Yudin su Motzo e una pipe di Della Lunga pareggia e sorpassa (7-8). Motzo risponde palla su palla, ed è di nuovo vantaggio interno, seppur minimo (11-10). Un ace di Romanò ed è doppio vantaggio esterno (12-14). Il momento è decisivo: Siena difende il vantaggio acquisito dagli assalti di Cantù, allunga con Romanò, e chiude con un ace di Fantauzzo (19-25).

Libertas Cantù sconfitta a Casnate contro siena volley maschile a2

Queste le parole di Coach Battocchio a fine partita: “E’ arrivata una sconfitta contro una squadra più forte di noi. Siena ha giocato molto bene nel muro-difesa, è riuscita a ricevere molto bene, un po’ per demerito nostro e un po’ per merito loro, ed è complicato poi riuscire a fare punto dato che con un palleggiatore come Fabroni è difficile leggere il loro gioco. Non mi sento di dire niente ai ragazzi: abbiamo bisogno di tempo, e sappiamo perfettamente che fino a febbraio le cose sono così. Dobbiamo avere molta pazienza, ma dobbiamo anche tenere conto del fatto che oggi siamo stati battuti da una squadra molto più forte di noi, e costruita per vincere il campionato. Bisogna avere anche l’umiltà e la coscienza di quelli che sono i valori in campo”.

 

Photo credit: Patrizia Tettamanti