San Bernardo, non basta un mostruoso Woodard: si arrende a Brescia dopo l’overtime foto

Williams debutta senza lasciare il segno. I brianzoliad alto livello per larghi tratti.

Niente da fare stavolta. Nonostante una pioggia di triple (13 con il 52%) e nonostante essere stata avanti nel punteggio per larghi tratti del match, la San Bernardo Cantù è costretta ad arrendersi alla più quotata e più esperta Brescia, accarezzando soltanto l’idea di centrare il secondo successo consecutivo in campionato, che avrebbe dato un’ulteriore iniezione di fiducia dopo i due punti conquistati contro Trieste nel recupero infrasettimanale: 89-92 dopo un supplementareS. Una partita comunque di altissimo livello quella disputata dall’Acqua S.Bernardo che, dal “PalaBancoDesio”, esce sconfitta solo dopo un overtime, al termine di 45’ di battaglia vera. Alla compagine di coach Pancotto non basta uno straripante Woodard da 28 punti, autore di un ottimo 8/11 dall’arco.

 

LA CRONACA

Cantù si presenta alla palla a due con con lo stesso quintetto delle sfide contro Trento e Trieste, confermando quindi gli stessi cinque per la terza partita consecutiva: Johnson in regia, Woodard e Pecchia sugli esterni; Thomas e Kennedy sotto canestro. Brescia, invece, risponde con Chery playmaker, Moss e Crawford sugli scarichi, e Sacchetti-Burns come coppia di lunghi.

 

Il primo canestro della partita è subito di splendida fattura: Woodard incarta un alley-oop perfetto per Kennedy, che, indisturbato, realizza la schiacciata del 2 a 0 iniziale. Un attimo dopo lo stesso Woodard abbandona i panni dell’assist man per indossare quelli del realizzatore, un vestito che alla guardia titolare di Cantù sta talmente tanto a pennello da vederla segnare nove punti consecutivi, con tre “bombe” a bersaglio su tre tentate. 11 a 4 dopo due minuti di gioco. Sessanta secondi dopo è invece Johnson a scatenarsi, con cinque punti in fila che costringono coach Buscaglia a interrompere il gioco. Al 3’ Cantù ha già conquistato la doppia cifra di vantaggio, 16 a 6. Al rientro in campo, però, la musica in casa Germani non cambia e Cantù è brava ad approfittarne, con Thomas autore del momentaneo +12. Ancora Johnson e Kennedy i protagonisti del feroce allungo della S.Bernardo, avanti anche di tredici lunghezze (22-9); tre triple di Kalinoski, però, non consentono a Cantù di scappare, con Brescia di nuovo sotto. Un Johnson audace, però, e un Procida “on fire”, permettono ai canturini di chiudere comunque avanti di dieci: 32 a 22. A mandare in archivio la prima frazione una super tripla di Procida, sulla sirena.

 

L’avvio del secondo periodo è la fotocopia di come era finito il primo, con Cantù ancora bollente da oltre l’arco: Leunen prima e Johnson poi, infliggono punti pesanti agli ospiti, scivolati nuovamente sotto i dieci punti di scarto. 38-27 al 13’. L’ex Burns e il veterano Vitali, però, sono scatenati e Brescia accorcia sensibilmente le distanze, portandosi a un solo possesso da Cantù. 46-43 a tre minuti e mezzo dall’intervallo. Time out Pancotto. Alla ripresa del gioco Chery fa subito meno uno, con Burns, poco dopo, autore del canestro del sorpasso. 46-47 a un minuto abbondante dalla pausa lunga. Nei secondi finali Johnson e Cline segnano rispettivamente per Cantù e Brescia, sancendo così la parità al 20’. 49 a 49 al rientro negli spogliatoi. All’intervallo sono già 30 i punti della coppia Johnson-Woodard: 16 per il primo, 14 per il secondo. Dall’altra parte, invece, doppia cifra per Burns (13) e Kalinoski (12), a referto con 4 triple su 5.

 

L’equilibrio in campo permane anche in avvio di secondo tempo, con le due squadre sul 53 pari a due minuti e quaranta dalla ripresa. Poi, all’improvviso, la fiammata canturina: Kennedy e Woodard tornano protagonisti come nel primo quarto, guidando Cantù al +5 (58-53). Cantù che, un minuto più tardi, torna avanti di tre possessi, obbligando Buscaglia a chiamare time out. L’Acqua S.Bernardo è decisamente in serata e con lei Woodard, autore dell’ennesima tripla personale, locali di nuovo avanti di dieci. 67-57 al 27’. Un mini-parziale della Germani, però, ricuce parzialmente lo strappo, con gli ospiti a -2 dopo un bel contropiede finalizzato da Cline, in schiacciata. Al 30’ è avanti Brescia, tornata in vantaggio dopo un’eternità: 67-68, di Moss la “bomba” sulla sirena che regala alla Germani il meritato +1.

 

Il quarto e ultimo periodo inizia sulla falsariga degli altri, con Woodard ancora una volta rovente da oltre l’arco dei tre punti; settima tripla per l’esterno canturino su dieci tentativi. È Woodard show: il tiratore di Oklahoma City ne rifila un’altra a Brescia e sale a quota 26 punti, trovando l’ottava “bomba”. 73-70 al 33’. Kennedy in difesa alza il muro in un paio di situazioni ma Brescia è gagliarda nel centrare il ritrovato vantaggi. 75-78 a tre minuti dalla fine. Nel finale Cantù rischia di pagare caro l’imprecisione dalla lunetta, con un solo libero a segno su quattro tentati; tuttavia, nell’ultimo minuto Kennedy non sbaglia, realizzando entrambi i liberi a disposizione. Finale di partita tesissimo, con le due squadre che si danno battaglia fino al 40’. Non basta, infatti, per decretare la vincitrice: si va all’overtime.

 

Nel supplementare Vitali e Kalinoski fanno la differenza, trascinando Brescia in vantaggio. A scuotere Cantù, però, ci pensa ancora una volta Woodard, autore di un “canestrissimo” sulla sirena dei ventiquattro secondi. Ancora Vitali, da tre, punisce la S.Bernardo, sotto di quattro a due minuti dalla fine. Nell’ultimo minuto torna a fare la voce grossa Burns, autore del +5. Nel finale sono decisivi i liberi: Brescia non ne sbaglia uno, Crawford fa 2/2 e regala ai suoi due punti pesantissimi. Finisce 92 a 89 per la Germani, a Cantù non bastano i 28 punti di Woodard e i 26 di Johnson. Ad attendere i canturini, ora, la sfida alla Unipol Arena contro la Reggiana, nel giorno di Santo Stefano.

 

Acqua S.Bernardo Cantù-Germani Brescia 89-92 dts
(32-22, 17-27; 18-19, 13-12; 9-12)

Cantù: Thomas 4, Kennedy 14, Woodard 28, Procida 3, Leunen 7, La Torre, Bigby-Williams, Lanzi n.e., Johnson 26, Bayehe, Baparapè n.e., Pecchia 7. All. Pancotto

Brescia: Cline 4, Vitali 16, Parrillo, Chery 6, Bortolani, Ristic 11, Crawford 14, Burns 17, Kalinoski 15, Moss 7, Sacchetti 2, Ancellotti n.e.. All. Buscaglia

Arbitri: Vicino, Grigioni e Dori.

 

 

 

LE INTERVISTE IN SALA STAMPA

 

https://www.facebook.com/watch/?v=236210334609868