Quantcast

Paura per il nuovo virus in Inghilterra: voli bloccati fino al 6 gennaio, incubo per i comaschi foto

Centinaia di persone bloccate all'improvviso. Le preoccupazioni del Ministro della sanità inglese.

Ore di apprensione per le famiglie dei comaschi che lavorano in Inghilterra. Il blocco dei voli da Lonbdra dopo la scoperta della variante inglese del virus fa sempre più paura. E mentre in Gran Bretagna scatta l’esodo da Londra e dalle zone più colpite, molte capitali europee bloccano i voli. Domani riunione d’emergenza fra i leader europei sull’emergenza. Di Maio, Ministro degli esteri, assicura che si farà tutto il possibile per non lasciare soli i connazionali – e sono diverse migliaia – che vivono in Inghilterra. Tra di loro anche tanti comaschi, bloccati all’improvviso a pochi giorni dal ritorno.

 

Regno Unito, ministro della Salute: “Il nuovo virus è fuori controllo”

Il ministro della Salute britannico Matt Hancock ha detto che il nuovo ceppo del nuovo coronavirus era “fuori controllo” per giustificare la stretta decisa per Londra e parti dell’Inghilterra, che secondo lui potrebbe durare fino a ”la distribuzione di un vaccino. “L’unico modo per arginare il nuovo ceppo è limitare i contatti sociali”, ha detto Matt Hancock a Sky News. “Sarà molto difficile farlo fino a quando non verrà distribuito un vaccino”, ha aggiunto. Il governo del conservatore Boris Johnson ha annunciato sabato sera un nuovo lockdown duro a Londra, nel sud-est dell’Inghilterra e in parte dell’est, costringendo oltre 16 milioni di persone a rimanere a casa e rinunciare alla riunione di Natale. Le attività non essenziali sono state chiuse e tutti i viaggi al di fuori di queste aree di forte allerta, sia che si rechino altrove nel Regno Unito o all’estero, sono vietati. “Questa è la sfida che dovremo affrontare nei prossimi due mesi”, ha avvertito Matt Hancock. Il Regno Unito ha informato l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) della diffusione più rapida del nuovo ceppo, “fino al 70%” secondo il primo ministro Boris Johnson”.

 

Nel frattempo il governo olandese ha sospeso tutti i voli passeggeri dal Regno Unito fino al 1 gennaio, dopo la scoperta nei Paesi Bassi di un caso di contaminazione con una nuova variante britannica del coronavirus. Il ministero della Salute olandese “raccomanda che qualsiasi introduzione di questa variante del virus sia limitata il più possibile, limitando e controllando il movimento di passeggeri in arrivo dal Regno Unito”. Il Belgio si è unito ai Paesi Bassi nel vietare i voli dal Regno Unito, interrompendo anche le connessioni ferroviarie con il Paese nel tentativo di arginare la diffusione della nuova variante del Covid-19 individuata nell’Inghilterra sud orientale. In Italia, il ministero degli Affari Esteri guidato da Luigi Di Maio ha comunicato alla Gran Bretagna l’interruzione dei voli. “Come governo abbiamo il dovere di proteggere gli italiani, per questa ragione, con il ministero della Salute stiamo per firmare il provvedimento per sospendere i voli con la Gran Bretagna”, ha annunciato su Facebook Di Maio. Poi è arrivata la firma del ministro della Salute Speranza: i voli sono sospesi fino al 6 gennaio.

Anche Germania Austria hanno bloccato i voli mentre in Francia un blocco anche dei treni sembra altamente probabile. Fonti governative citate da Le Parisien affermano che la Francia “senza dubbio” adotterà la misura “in coordinamento a livello europeo”. La Spagna chiede una “risposta coordinata” dell’Ue sullo stop dei voli con la Gran Bretagna, altrimenti procederà autonomamente come hanno fatto altri Paesi, tra cui l’Italia. “Il Governo spagnolo ha chiesto questa mattina alla presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, e al presidente del Consiglio, Charles Michel, una risposta comunitaria coordinata a questa nuova situazione”, affermano le fonti dell’esecutivo spagnolo, secondo quanto riporta El Pais. Attraverso un portavoce, la Commissione europea ha esortato gli Stati membri a “coordinarsi” sulla questione.

Gli Stati Uniti fanno sapere invece che al momento non hanno intenzione di bloccare i voli.