Un giallo sul lago di Como, Franco Vanni presenta il libro “La regola del lupo”

Più informazioni su

Due colpi di pistola, all’alba, spezzano il silenzio e la quiete del lago di Como. Un uomo viene trovato morto, riverso sul tender della sua barca a vela al largo di Pescallo, nel comune di Bellagio. Inizia così il romanzo noir “La regola del lupo”, il secondo per Baldini+Castoldi, firmato da Franco Vanni, giornalista de «la Repubblica» fa qualche tempo passato allo sport, ,a per anni alla cronaca dove ha seguito centinaia di casi di nera e giudiziaria. Il libro di Vanni si è classificato secondo nella sezione editi della prima edizione del Premio Scritture di Lago.

Dopo “Il caso Kellan” uscito nel 2018, torna nelle pagine di Vanni, Steno Molteni, giovane giornalista che  scrive per il settimanale di cronaca nera «La Notte», vive a Milano nella stanza 301 dell’Albergo Villa Garibaldi e guida una vecchia Maserati di un amico. Molteni si precipita a Bellagio per scrivere dell’iccisione del ricco imprenditore Filippo Corti, detto «Il Filippino». A bordo dell’imbarcazione sul lago di Como dove il corpo è stato tirovato con il Corti c’erano i suoi tre migliori amici e nessun altro: due uomini e una donna. Chi ha sparato e perché?

Un’indagine serrata con incontri interessanti sul nostro meraviglioso lago, questo è il romanzo “La regola del lupo”, uscito da qualche mese, ma ancora molto alto nelle classifichje di vendita. Abbiamo incontrato l’autore Franco Vanni a Ciaocomo radio.

franco vanni la regola del lupo

Più informazioni su