Il Premio Letterario “Europa in Versi” alla sesta edizione: per autori che sognano

Torna il Premio letterario targato La Casa della Poesia di Como, con la sesta edizione di “Europa in Versi e Prosa”, che si porta dietro interessanti novità per gli autori affermati o aspiranti tali. Ai vincitori delle sei sezioni del premio infatti l’organizzazione promette due trattamenti speciali: per gli inediti, una pubblicazione presso la casa editrice I Quaderni del Bardo con annessa promozione, per gli editi, oltre a una ricompensa in denaro, la possibilità di presentare la propria opera a un vasto pubblico.

Un’occasione speciale per chi ha un libro nel cassetto: non sempre capita di poter essere pubblicati gratuitamente da una casa editrice intenzionata ad assumersi il “rischio d’impresa” e ad accompagnare gli autori non solo nel percorso di editing e pubblicazione, ma anche in quello di promozione.

L’associazione, guidata dalla presidente Laura Garavaglia, insieme a I Quaderni del Bardo, di Stefano Donno, si faranno infatti carico dell’organizzazione di dirette su Facebook, Instagram e YouTube durante le quali gli autori avranno l’occasione di presentare le proprie opere e dialogare con un ampio pubblico. Non solo, agli autori delle opere inedite vincitrici sarà garantito anche un colloquio, in vista di un’operazione di editing, con uno dei giurati. Giurati tra i quali figurano, oltre a scrittori e poeti anche illustri come Milo De Angelis, persino esperti dei settori editoriale e giornalistico, quale Roberto Galaverni de Il Corriere della Sera.

Sei le sezioni entro le quali partecipare: prosa e poesia, sia edita che inedita, una sezione dedicata ai giovani under 30 e una nuova sezione dedicata alla saggistica e alla narrativa inedita a tema Culture religiose. “Un premio letterario è sempre luogo di conferme e novità, o meglio, occasione in cui i bravi autori ripropongono il loro talento, ma anche dove nuovi scrittori fanno capolino. A questa edizione sono stati candidati circa 600 testi e infatti è stata un’edizione ricca di partecipanti, e partecipanti di qualità.” ha affermato proprio Milo De Angelis a proposito della buona riuscita del Premio Europa in Versi 2020, facendo balenare le molte possibilità offerte e colte dai partecipanti. Ci sono insomma buone ragioni per mettersi in gioco, il tutto entro il 30 aprile 2021.

Il Premio è aperto ad autori italiani e stranieri che abbiano compiuto il 18° anno di età alla data di iscrizione al Premio. Ulteriori informazioni e scheda di partecipazione disponibili su https://europainversi.org/.

Martina Toppi