Banco Alimentare della Lombardia: donati 2.500 hamburger pregiati alle mense dei poveri di Como

Più informazioni su

A Como è arrivato un regalo che anticipa il grande gesto solidale della Colletta Alimentare, (promossa e organizzata anche quest’anno dal Banco Alimentare, ma attraverso una gift card acquistabile dal 21 novembre all’8 dicembre nei supermercati aderenti). Un regalo prezioso perchè giunge proprio nel momento in cui c’è più bisogno di aiuto. 2.500 hamburger di manzo di razza piemontese sono appena stati donati al Banco Alimentare della Lombardia e distribuiti attraverso i camioncini di Siticibo alle mense dei poveri e alle strutture di accoglienza che offrono aiuti alimentari alle fasce più fragili dei nostri concittadini.

Il dono è frutto della collaborazione tra l’Allevamento Quaglia di Busca, in provincia di Cuneo, e la Macelleria Vergani di Inverigo. Una collaborazione decennale, un vero e proprio sodalizio in nome della qualità, che lega Angelo Vergani e Ivano Quaglia.
Uno dei nostri obiettivi è il benessere animale e pertanto, insieme alla famiglia Vergani, abbiamo deciso di recintare una vasta area di pascolo – spiega Ivano Quaglia -. Il nostro territorio presenta infatti le condizioni ideali per l’allevamento dei bovini di razza piemontese”.
I capi allevati nel cuneese dai Quaglia sono tutti destinati alla clientela della Macelleria Vergani, che raggiunge anche la città di Como e alcuni noti ristoranti. Ma questa è la attività commerciale di ordinaria amministrazione.
La cosa straordinaria è lo slancio di generosità che ha spinto Angelo Vergani e Ivano Quaglia a destinare una fornitura di ben 2.500 hamburger alle tavole dei bisognosi di Como.
Tutto è iniziato durante il lockdown della scorsa primavera, quando il Consorzio COALVI per le carni di qualità, di cui fa parte anche l’allevamento Quaglia, lanciò l’iniziativa dell’hamburger sospeso – ricorda Angelo Vergani -. Aderimmo subito e la nostra clientela rispose molto bene alla richiesta di destinare al Banco Alimentare un hamburger preparato da noi, con un solo euro in più aggiunto alla spesa in negozio. Decidemmo così di proseguire anche dopo la conclusione dell’iniziativa, visto che i nostri clienti continuavano a donare volentieri. In questi mesi i furgoncini di Siticibo Como, inviati dal Banco Alimentare della Lombardia al nostro negozio, hanno prelevato circa un migliaio di pezzi donati. Ora, in questa seconda fase dell’emergenza, abbiamo pensato insieme alla famiglia Quaglia di fare qualcosa in più, perchè ci pare che il bisogno stia crescendo e la situazione sia molto più difficile per chi è fragile. Forse anche un gesto semplice, come può essere poter gustare un buon piatto di qualità, potrà contribuire ad alleviare qualche sofferenza.”

“Ringraziamo col cuore Angelo Vergani e Ivano Quaglia per questo importante dono – afferma Marco Magnelli, direttore del Banco Alimentare della Lombardia -. Grazie a questo gesto di generosità è una grande gioia anche per noi far arrivare sulle tavole delle persone meno fortunate un piatto selezionato e fresco, ricco di proteine necessarie per una dieta completa e regalare un momento di piacevolezza con un cibo di qualità e gustoso.”

L’Associazione Banco Alimentare della Lombardia “Danilo Fossati” Onlus fa parte della Rete Banco Alimentare composta da 21 organizzazioni sul territorio nazionale e da Fondazione Banco Alimentare Onlus. La mission è il recupero delle eccedenze dalla filiera agroalimentare (produttori agricoli, industriali, distribuzione e ristorazione) per distribuirle gratuitamente alle strutture caritative partner impegnate nel sostegno delle persone in condizioni di povertà alimentare. Nel 2019 il Banco Alimentare della Lombardia ha aiutato, attraverso l’assistenza a 1.148 strutture caritative, 204.458 persone bisognose distribuendo gratuitamente 16.939 tonnellate di prodotti alimentari equivalenti a 92.800 pasti al giorno.

A Como è presente dal 2007 con il programma Siticibo (dedicato al recupero di eccedenze di alimenti freschi dalla GDO e dalla ristorazione collettiva attraverso camioncini refirigerati). Recentemente l’attività è stata implementata e riorganizzata attraverso l’impianto di un magazzino, che funge da Hub di raccolta, selezione e ridistribuzione di prodotti, ubicato a Lipomo in via G. Grassi 361. Si sta così avviando un processo di rete che coinvolge direttamente le strutture di assistenza e carità che ricevono le donazioni di alimenti, per offrire un sostegno alimentare più completo ed efficace, basato sulle esigenze degli assistiti e in grado rispondere con tempestività ad emergenze e mutamenti dei bisogni.

L’obiettivo del nuovo Hub è quello di attivare una rete territoriale che promuova una ritessitura sociale, sensibilizzando la cittadinanza sui problemi della povertà, non solo alimentare, e aiuti le persone ad uscire dallo stato di indigenza per tornare ad essere autosufficienti.
L’Hub di Como-Lipomo è stato reso possibile grazie al “Bando Volontariato” della Regione Lombardia.

Più informazioni su