LOCKDOWN COUNTDOWN – 24 Nicoletta e la pet-therapy

di Sabrina Sigon

lockdown countdown

In vigore dal 6 novembre fino al 3 dicembre, il nuovo Dpcm impone una serie di restrizioni necessarie a contenere la pandemia ormai ben nota a tutti. Nella speranza, che è anche una convinzione visti i precedenti risultati, che nelle prossime settimane si possa assistere a un miglioramento della situazione, perché non trascorrere questo nuovo “tempo sospeso” restando in contatto con chi, in diversi settori e professionalità, ha animato o si apprestava a farlo, il tempo della quotidianità fino a ieri condivisa? Nel nostro “conto alla rovescia” vogliamo incontrarci – anche se virtualmente – raccontarci, condividere e occupare questo spazio per viverlo, nonostante le difficoltà, in modi diversi e interessanti, ascoltando insieme opinioni, consigli e curiosità.

Secondo la Smorfia, il numero 24 è un mix fra due e quattro. Del due prende equilibrio e dualità, relazioni, cooperazione, diplomazia e scopo e missione dell’anima. Del numero quattro prende la praticità, l’onestà, l’organizzazione, l’integrità, la responsabilità, l’impulso, la passione, l’affidabilità e la saggezza interiore.

lockdown countdown

Ma bando alle chiacchiere, che il tempo passa, e cominciamo quindi con la nostra quinta ospite che, vista la sua professionalità, potrà darci da subito ottimi consigli.

Nicoletta Teso, psicologa, Responsabile di Attività Assistita con gli Animali presso Ministero della Salute, Presidente dell’Associazione Doctor Dog Pet Therapy & Pet Education – Associazione di Promozione Sociale.

Cominciamo con il conoscere Sandy, una coniglietta di razza Ariete. Una coniglietta dolcissima che ama particolarmente le coccole e le piace molto essere presa in braccio.

È adorata da tutti i nonnini delle case di riposo, proprio perché possono prenderla in braccio e lei è un pelouche. Questo è proprio uno dei principi della Pet Therapy”.

Subito dopo conosciamo anche Freud, il gatto. “Gli animali, naturalmente, devono seguire un percorso formativo – ci racconta la Dott.ssa Teso – e superare degli esami attitudinali”.

Le caratteristiche per avere l’idoneità sia per l’attività sia per la cura

Gli animali possono essere utilizzati, in base alle loro caratteristiche, sia per le attività educative – per le quali si lavora molto con bambini e ragazzi nelle scuole – sia per vere e proprie terapie con persone che presentano problematiche di vario tipo, che vanno dalla riabilitazione alle patologie psichiatriche. Devono essere animali molto socievoli, caratterialmente predisposti alla relazione con l’uomo e amare le coccole. Seguono, inoltre, un percorso che li abitua a non reagire a rumori improvvisi, a situazioni che, normalmente, possono mettere a disagio un animale”.

Gli interventi di Pet Therapy erano molto diffusi nelle Rsa, e torneranno a esserlo quando l’emergenza sarà passata, ma intanto ci spieghi: come si agevola l’incontro animale e anziano, e quali benefici apporta?

Ci si basa principalmente sulla relazione spontanea, quindi è l’animale che comincia ad avvicinarsi alla persona; soprattutto per gli anziani che soffrono della patologia del morbo di Alzheimer, attraverso le coccole e le cure agli animali riescono a recuperare una sorta di memoria che riguarda, per esempio, l’accudimento dei loro figli; questo ce lo dice il fatto che, spesso, li chiamano addirittura con il loro nome, che non pronunciavano più da anni. Si risvegliano, così, attraverso le emozioni, i ricordi sopiti”.

Quali i benefici fisiologici

Gli animali abbassano il livello del cortisolo, l’ormone dello stress nel sangue. Questo fa in modo che le persone siano più aperte al dialogo, a socializzare; la mediazione dell’animale, in Rsa, favorisce anche la relazione fra gli ospiti stessi”.

Gli interventi in studio sono consentiti in questo periodo?

L’Ordine Nazionale degli Psicologi ha emanato un’ordinanza in cui, per il momento, si dice che le terapie psicologiche sono consentite, non solo con modalità online – modalità che ci sta aiutando tantissimo -, ma anche in presenza”.

Per quanto riguarda i cani

Noi lavoriamo prevalentemente con i Labrador perché si tratta di una tipologia di razza particolarmente predisposta per questa attività, però si può lavorare con qualsiasi tipo di animale. Su tutto, la parte importante è l’aspetto caratteriale e comportamentale dell’animale”.

La vostra sede

Noi siamo a Lanzo d’Intelvi. Una cosa importante da dire è che, per avere un’equipe di Pet Therapy, è necessaria la presenza di un educatore cinofilo, figura che, da noi, viene ricoperta dal Vicepresidente dell’Associazione”.

Le tipologie di animali riconosciute dal ministero

Il cane, il gatto, il coniglio, l’asino e il cavallo, anche se l’Istituto Zooprofilattico si sta aprendo a nuove razze; si è visto che ci sono tantissime altre tipologie di animale che possono davvero aiutare”.

La storia di Devon

Devon è un cagnolino in convalescenza, perché quest’estate ha subito un importante intervento chirurgico, purtroppo non ha più una zampa. Un esempio di coraggio e, per come sta reagendo, farà parte di importanti progetti di riabilitazione motoria. Una forza di volontà strepitosa e prodigiosa. Noi abbiamo tantissimo da imparare dagli animali”.

Doctor Dog Pet Therapy & Pet Education ha profili su Facebook, Instagram Youtube e Linkedin. Sul sito internet www.doctordogpetherapy.it si possono trovare tutte le informazioni e le attività proposte.