Parolario 31 ottobre in streaming: #marecoccodrilli #poesia #vittorionessi #saluteemalattia foto

Più informazioni su

Penultimo giorno del festival della letteratura Parolario; la ventesima edizione si è tenuta, quasi completamente, online mantenendo gli impegni con il pubblico dei lettori comaschi.   Oggi, sabato 31 ottobre, giornata intensa sia per il programma di Villa Bernasconi fruibile sul profilo facebook del museo cernobbiese, che quello originariamente previsto a Villa Olmo che andrà in streaming sulla pagina di Parolario.

Il secondo sabato di Parolario si aprirà con il nuovo romanzo di Vittorio Nessi che vede protagonista il pubblico ministero Bruno Ferretti, alter ego dell’autore, questa volta impegnato in tre nuovi casi. La mattinata proseguirà con Giangiacomo Schiavi e il suo romanzo “Il mistero della «Notte». Una diagnosi per Michelangelo”, che racconta l’enigma di una statua che racconta un segreto. L’incontro con Giorgio Cosmacini avrà come tema la diversa percezione dei concetti di salute e malattia con l’avvento del Covid-19. Seguirà un incontro dedicato al coraggio di fare poesia con Maurizio Cucchi, Marco Pelliccioli, Mario Santagostini, Wolfango Testoni e Fabrizio Bernini. Conclude la giornata Fabio Geda che tornerà a raccontare dopo dieci anni, con “Storia di un figlio”, la storia di Enaiatollah Akbari dopo il successo de “Nel mare ci sono i coccodrilli” (Baldini e Castoldi).

Qualche appuntamento del programma è, purtroppo, saltato come il concerto dell’arpista Valerio Lisci previsto per le 21.00 in collaborazione con Fondazione Società dei Concerti, mentre la mostra fotografica “Acque amate” di Delia Biele e Giulia Caminada, che doveva essere allestita per tutto il periodo del Festival a Villa Olmo, è stata sostituita da una mostra virtuale, disponibile sul sito di Parolario.

 

Ecco nel dettaglio quello che avverrà sabato 31 ottobre:

Alle 10.30 tornerà Vittorio Nessi con il nuovo romanzo “Non sono io” (Daniela Piazza Editore, 2019), che vede protagonista il pubblico ministero Bruno Ferretti. Il PM, alter ego dell’autore, è tornato per risolvere tre casi, che sono anche tre storie che affondano le loro radici nella realtà.
Il primo vede implicato uno stupratore seriale che viene fermato a Torino e poi arrestato dopo il confronto all’americana con le vittime. Ma la presenza di un sosia e un alibi di ferro fanno saltare il banco. Il nuovo indagato viene di nuovo riconosciuto dalle vittime e messo in cella. Il pubblico ministero è pronto a procedere, ma un nuovo inaudito colpo di scena rovescia la situazione: una storia vera, un pubblico ministero disorientato, mentre la città assisteva incredula a ciò che era al limite dell’assurdo. Il secondo caso rende visibile al lettore la difficile strada del processo indiziario. All’origine c’è la scomparsa nel nulla di un lavoratore di colore, operaio dell’azienda che lo ha licenziato quel giorno stesso. La vicenda sembra chiusa, ma il pubblico ministero Bruno Ferretti vuole vederci chiaro, e in una seduta fiume, torrida e inesorabile, innalza un edificio processuale ai limiti dell’umano, per ottenere giustizia. Nel terzo caso, un uomo viene fermato dai carabinieri per una banale infrazione automobilistica. Sta per essere rilasciato senza gravi conseguenze quando confessa spontaneamente numerosi omicidi commessi per finanziare la dipendenza dal gioco d’azzardo. Perché lo ha fatto? Ferretti è di nuovo di fronte a un enigma umano, oltre che processuale.
Vittorio Nessi dialoga con Mauro Migliavada.
L’incontro sarà disponibile sulla pagina Facebook di Villa Bernasconi.

 

Alle 11.30 Giangiacomo Schiavi, ispirato dalla figura dell’oncologo Gianni Bonadonna, racconterà “Il mistero della «Notte». Una diagnosi per Michelangelo” (La Nave di Teseo, 2020), un romanzo appassionante sull’enigma di una statua che nasconde un segreto: la storia di una lotta in nome della vita, delle donne e di una medicina più umana.
Un medico di fama internazionale, alla vigilia di un convegno di studi che chiude una carriera luminosa, decide di affrontare la sfida che lo appassiona da decenni. Da quando ha visto la statua della Notte di Michelangelo nelle Tombe Medicee a Firenze: quella donna disegnata nel marmo presenta un’anomalia, un seno asimmetrico, forse malato, che restituisce alla figura un aspetto inconsueto per la perfezione del maestro del Rinascimento. In una lunga notte tra sogni e ricordi, il medico tira le fila della sua ossessione: con il rigore dello scienziato e l’intuito dell’investigatore, passa in rassegna le testimonianze raccolte in una intera vita da psicologi, critici d’arte, chirurghi, filosofi, per arrivare a scoprire la natura di quella traccia lasciata da Michelangelo sul corpo, altrimenti perfetto, della sua modella.
Giangiacomo Schiavi dialoga con Katia Trinca Colonel.
L’incontro sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook di Parolario.

 

Alle 18.00 Giorgio Cosmacini presenterà “Concetti di salute e malattia fino al tempo del coronavirus” (Pantarei, 2020). Questo libro, scritto in gran parte prima della irruzione sulla scena mondiale della pandemia dovuta al coronavirus, è stato in ultimo aggiornato estendendo fino al tempo del coronavirus la ricognizione dei concetti di salute e malattia con riflessione ulteriore sugli ostacoli, frapposti da natura e società, che impediscono a ogni essere umano, come i “longevi di oggi e di domani”, di completare il suo naturale ciclo vitale. È quindi il risultato di un progetto che il sottotitolo dispiega appieno: “Manoscritti medico-filosofici per longevi di oggi e di domani”. L’autore affronta il tema della longevità avendo contezza della sua attualità. Mai nella storia della specie l’aspettativa di vita si è così allungata come oggi avviene in modo ormai pressoché generalizzato. Le popolazioni umane invecchiano progressivamente intrecciando multiple tendenze che includono il risultato dei progressi della medicina e della sanità pubblica e la contraddizione bruciante del calo della natalità. L’inverno demografico, da solo, già dimostra i limiti intrinseci del modello sociale contemporaneo.
Giorgio Cosmacini dialoga con Giovanni Ferrari e Giovanni Corrado.
In collaborazione con Comocuore Onlus.
L’incontro sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook di Parolario.

 

Alle 18.30 Maurizio Cucchi, Marco Pelliccioli, Mario Santagostini e Wolfango Testoni con Fabrizio Bernini racconteranno “Il coraggio di fare poesia. 20 anni + 1 di “Collana””. Ci vuole coraggio per puntare tutto sulla poesia per una piccola casa editrice e anche per condurre un’operazione rigorosa di ricerca e cernita, che ha portato a comporre uno dei cataloghi più completi e interessanti della poesia italiana del Terzo Millennio. Partita nel 1999 con le “Trascurate” di Giancarlo Majorino, “La collana” di “Stampa 2009”, creata da Maurizio Cucchi e Mauro Maconi (scomparso nel 2001), ha accolto in ventuno anni oltre 60 titoli di poesia, ospitando poeti affermati ed esordienti, suggerendo così un dialogo intergenerazionale. Con il curatore intervengono tre autori rappresentativi di generazioni differenti, nati tra gli anni Cinquanta e Ottanta.
Modera Pietro Berra.
L’incontro sarà disponibile sulla pagina Facebook di Villa Bernasconi.

 

Alle 20.30 Fabio Geda con “Storia di un figlio. Andata e ritorno” (Baldini e Castoldi, 2020), tornerà a raccontare la storia di Enaiatollah Akbari, già protagonista del successo editoriale internazionale “Nel mare ci sono i coccodrilli” (Baldini e Castoldi, 2010). Il bestseller, amato e letto in tutto il mondo, termina nel 2008, quando Enaiat parla al telefono con la madre per la prima volta dopo il lungo e avventuroso viaggio che dall’Afghanistan l’ha condotto in Italia, a Torino. Fabio Geda racconta quello che è successo alla famiglia di Enaiat prima di quella telefonata: in quali modi è rimasta coinvolta dalla “guerra al terrore” iniziata nel 2001 e com’è cambiata la loro vita da quando si sono ritrovati fino a oggi, al 2020. Ora che non è più un bambino, Enaiat accompagna il lettore attraverso la sua vita e non solo, lungo un pezzo di storia che riguarda tutti. Il rapporto a distanza con la madre; la violenza del fondamentalismo; l’amore e le amicizie italiane; il ritorno in Pakistan; un secondo ritorno in Italia; una nuova casa; un dolore lancinante, e la gioia enorme, inaspettata dell’incontro con Fazila. Una storia vera, capace di ricordare come su tutto vinca la solidità degli affetti, la persistenza della nostalgia e del desiderio, ma capace anche di superare le distanze.
Fabio Geda e Enaiatollah Akbari dialogano con Lorenzo Canali.
L’incontro sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook di Parolario.

parolario 2020

Mostra fotografica “Acque amate”
Per cause di forza maggiore legate al diffondersi del contagio da Covid 19, la mostra espositiva in presenza “Acque amate” è sostituita dalla messa in onda di un audiovisivo di 10′ che ha il medesimo contenuto culturale: 36 foto, accompagnate dalle 12 poesie recitate in sincrono e da un sottofondo musicale, con inserti vocali di Delia Biele, Giulia Caminada e Giovanni Gastel.
La mostra propone allo spettatore un dialogo sulla natura dell’elemento acqua. Le due autrici, stilisticamente differenti, sono unite da questo elemento, che caratterizza i rispettivi luoghi di dimora: il mare per Delia, mentre il lago per Giulia. Le due interpretazioni dell’acqua mettono a confronto la propensione al caos generata dal mare e la calma che invece ispira il lago.
Il link alla mostra virtuale è disponibile sul sito www.parolario.it.

parolario 2020

Charity Partner
Charity Partner di Parolario quest’anno sarà COMOCUORE ONLUS, nata nel 1985 con lo scopo di promuovere iniziative di informazione e prevenzione volte a ridurre la mortalità per malattia coronarica nella nostra città e nel territorio circostante. L’associazione svolge la sua attività nel campo dell’educazione sanitaria e della ricerca epidemiologica per l’identificazione degli individui a rischio coronarico elevato, suggerisce e promuove l’organizzazione di interventi di pronto soccorso cardiologico in collaborazione con le strutture pubbliche cittadine. Ogni attività è garantita e supervisionata dal comitato scientifico dell’associazione, formato da personalità del campo medico e amministrativo.

Card Amici di Parolario

Durante Parolario – ma anche prima e dopo presso le librerie Feltrinelli e Plinio il Vecchio di Como – sarà possibile sottoscrivere la Card Amici di Parolario 2020/2021: un modo per contribuire a tenere in vita non solo il festival ma anche le altre iniziative che si spera di organizzare durante il 2021. La Card potrà essere anche un regalo utile da fare ad un amico o a un famigliare: infatti sono state ampliate le tipologie e il numero delle convenzioni. I possessori della Card avranno dunque la possibilità di usufruire di diverse interessanti e nuove convenzioni che vengono costantemente aggiornate sul sito www.parolario.it.

Info utili

A seguito del Dpcm del 24 ottobre 2020, tutti gli incontri in programma sono confermati e saranno visibili in diretta sulla nostra pagina Facebook. Tutti gli appuntamenti in programma a Villa Olmo saranno trasmessi in live streaming sulla pagina Facebook di Parolario (@parolario). Invece gli appuntamenti in programma a Villa Bernasconi saranno disponibili sulla pagina Facebook di Villa Bernasconi (@lavillabernasconi).

Per informazioni

Segreteria organizzativa: tel. +39.031.301037 – info@parolario.it 

Sito internet (con il programma completo della manifestazione, gli aggiornamenti e i dettagli dei singoli appuntamenti): www.parolario.it

Facebook: facebook.com/Parolario

Instagram: @Parolario

 

Parolario è realizzato dall’Associazione Culturale Parolario

Sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura (Cepell)

Soggetto di rilevanza regionale: Regione Lombardia

Con il patrocinio e il contributo di: Comune di Como, Camera di Commercio Como – Lecco.

Con il patrocinio e il sostegno di: Fondazione Cariplo, Confcooperative Insubria, Confindustria Como, Fondazione Alessandro Volta.

Con il contributo di: Bellavite, Enerxenia, Tessabit, BCC Brianza e Laghi, BCC Cassa Rurale e Artigiana di Cantù, Banca Generali Private.

Con il contributo tecnico di: Aboca Edizioni, Clerici Auto, Compos Center, Lario Hotels, Picone Pianoforti, TVM, Valverde, Unipol Sai.

Con la collaborazione di: Comune di Brunate, Città di Cernobbio, Museo di Villa Bernasconi, Amadeus Arte, Fondazione La Società dei Concerti, Teatro Sociale di Como As.Li.Co.

E con la collaborazione di: Albergo Firenze, Associazione Bottega Volante, Associazione Culturale Caracol, Associazione Villa del Grumello, Associazione Sentiero dei Sogni, CLIO Circolo dei Lettori di Como, DISAT dell’Università dell’Insubria, NEL Fare Arte Nel Nostro Tempo, Passeggiate Creative, PiazzaParola, Premio Internazionale di Letteratura Alda Merini, Società Ortofloricola Comense.

Un ringraziamento particolare all’arch. Corrado Tagliabue.

Media partner: La Provincia, L’Ordine, Ciaocomo Radio, Vivere.

Charity Partner: COMOCUORE ONLUS.

 

 

 

Più informazioni su