Quantcast
Home

Stefano Panzeri è Vincenzo Rabito in “Terra Matta”. In Sala Bianca

Sabato 3 ottobre alle ore 21 nella Sala Bianca del Teatro Sociale, il festival di teatro di strada “Balosso” presenta “Terra Matta (1899-1918) – La bella vita che ho fatto” di e con Stefano Panzeri, un’intenso monologo che è la prima tappa di una teatralogia basata sulla vita del protagonista, Vincenzo Rabito, dal 1899 al 1981.

Singolare la storia di Rabito, nato nel 1899 a Chiaramonte Gulfi (allora provincia di Siracusa): a partire dalla fine degli anni sessanta iniziò a scrivere migliaia e migliaia di pagine con una Olivetti lettera 22 lasciata a casa da Giovanni, il terzo dei suoi figli andato a Bologna per frequentare l’Università. Vincenzo Rabito non era invece mai andato a scuola. Da autodidatta assoluto aveva imparato a leggere e si era inventato una scrittura piena di punti e virgola, con parole tutte attaccate. In una lingua né italiano né dialetto, del tutto simile a quella di quanti parlano solo in vernacolo ma tentano di esprimersi in italiano. In quegli scritti incerti raccontò la sua avventura umana che si intrecciava, in molti tratti, con la storia con la “S” maiuscola.

TERRA MATTA affascina chiunque abbia la pazienza di resistere allo shock del lessico e della grammatica strana, all’inizio quasi incomprensibile; coinvolge come un diario personale e al contempo come un grande documentario, restituendo la sensazione di vivere il “dietro le quinte “ di avvenimenti che segnano con la loro importanza la nostra storia, ma che proprio per la loro grandezza, spesso vediamo come lontani, isolati in un tempo che non è più, che non ci appartiene. Il protagonista non solo cattura con la bellezza della sua storia, ma arriva a sfidare chi ascolta con le sue parole e la sua “presenza”, con una lingua che spesso diventa grammelot, e con racconti straordinariamente avvincenti in cui si ride e ci si commuove, che regalano immagini vive e già teatrali sulla carta e mostrano, con la franca saggezza popolare, l’essenza dell’italiano, il suo rapporto con lo Stato e con il bene comune, quel misto di eroismo e menefreghismo che ci contraddistingue ancora come popolo ( secondo me…)

Per assistere allo spettacolo gratuitamente, il link é
https://www.eventbrite.it/…/biglietti-terra-matta-1899…
(Foto di Michele Masullo)
commenta