Biglietteria Como San Giovanni, dal 25 settembre orari più lunghi e servizio migliore

Grande soddisfazione da parte della Fit Cisl dei Laghi. Il segretario generale Filippo Ghibaudi: "Servizio qualitativamente migliore all'utenza"

Chiusa dalla metà di marzo, la biglietteria della stazione di Como San Giovanni è tornata attiva lo scorso 25 settembre, con un orario prolungato rispetto a quello precedente, che copre l’intera giornata e offre un servizio migliore, a vantaggio di turisti, studenti e pendolari. «La riapertura della biglietteria della stazione di Como S. Giovanni, con un orario più esteso rispetto al passato – ha affermato Filippo Ghibaudi, segretario generale della Fit Cisl presidio di Como – è un traguardo importante raggiunto anche grazie all’impegno profuso in questi anni dalla FIT Cisl dei Laghi, che più volte ha rimarcato la necessità di investire in un servizio che permettesse l’accesso ad un’utenza vasta».

Stazione San Giovanni Como - servizio migliore

«La biglietteria della stazione di Como S. Giovanni è rimasta chiusa da metà marzo fino allo scorso 25 settembre. In precedenza gli orari di apertura, con gestione Trenitalia, erano dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 17, e chiusura il sabato e la domenica, con comprensibili disagi anche per chi aveva necessità di mettersi in viaggio nel weekend. Ad esserne particolarmente penalizzata era l’utenza straniera, costretta non senza difficoltà, e a volte senza riuscirci, a stamparsi il biglietto alle macchinette, in barba alla città turistica! L’attuale gestione di Trenord, che ha ascoltato le istanze che da tempo sosteniamo, permette invece l’apertura della biglietteria tutti i giorni dalle 6 alle 20, con evidenti vantaggi per i viaggiatori».

«A scanso di equivoci ‐ ha aggiunto Ghibaudi ‐ va detto che nonostante la gestione sia oggi in capo a Trenord, presso la biglietteria di Como San Giovanni dal 25 settembre sono acquistabili, secondo gli orari indicati, titoli di viaggio regionali, nazionali e transfrontalieri, dunque: biglietti Trenord, Trenitalia e Tilo. Plaudiamo alla gestione regionale del servizio che confidiamo potrà dare maggiore seguito alle sollecitazioni poste dalle organizzazioni sindacali a favore di una sempre migliore qualità».