Scuola di Como in difficoltà:”Ci manca tanto personale”. Ed un bimbo positivo al nido foto segui la diretta

Alessandra Bonduri chiede un aiutoi immediato al Governo:"Altrimenti siamo in sofferenza". Quarantena in via Giussani

Una scuola che riparte in affanno. Con le già importanti limitazione per il Covid, ed ora – dopo pochi giorni dal via delle lezjioni – scoppia il caso della carenza di personale. NOn solo docente, ma anche quello che collabora a fare andare avanti le strutture: mense e pulizie. Ce lo ha confermato poco fa l’assessore alle politiche educative di Como Alessandra Bonduri nella nostra presa diretta dal Comune (video allegato). Non solo la carenza di personale, ma anche i protocolli anti-virus che hanno portato in queste ore ad una nuova quarantena dopo quelle di Giovio e media di Valmorea dei giorni scorsi: un alunno del nido di via Giussano risultato positivo come ha confermato proprio l’assessore poco fa.

 

L’istituto comprensivo di Albate, intanto, ha comunicato alle famiglie che da oggi l’orario di scuola dovrà subire una riduzione.

– scuola dell’infanzia: uscita dopo pranzo (ore 14.00)

– scuole primarie: uscita dopo pranzo (ore 14-14.30)

– scuola secondaria: uscita ore 13

– sospensione di tutte le attività pomeridiane

Di conseguenza il doposcuola dovrà essere sospeso. La riduzione oraria è stata necessaria per poter garantire la sorveglianza degli alunni e la pulizia degli ambienti dopo che negli ultimi giorni alcuni collaboratori scolastici, prevalentemente in servizio nella scuola di piazza IV Novembre, hanno comunicato che sarebbero andati a ricoprire altri incarichi.