Le rubriche di CiaoComo - 5 cose su Lario e dintorni

Como e dintorni: quel museo che non ti aspetti. Cinque visite sorprendenti

Dai fossili ai giocattoli, dalle bussole ai minerali, CiaoComo vi racconta cinque esperienze inusuali al museo, tra storia, fascino e desiderio di scoperta

Per gli amanti della cultura a tutto tondo, per i curiosi e quelli alla costante ricerca di cose nuove da conoscere e raccontare, il museo è sempre un luogo dalle straordinarie scoperte. Oltre alle meraviglie proposte dai musei civici (Museo Archeologico Paolo Giovio, Museo Storico Giuseppe Garibaldi, Pinacoteca Civica e Tempio Voltiano) dal Museo didattico della Seta e dal Museo del Ciclismo al Ghisallo, CiaoComo propone altri cinque piccoli musei, gioielli che arricchiscono il nostro territorio e possono essere meta di visite inusuali ma certamente imperdibili.

Museo del cavallo giocattolo - Grandate

Museo del Cavallo Giocattolo (Grandate)

È il primo e ad oggi unico museo al mondo dedicato al cavallo giocattolo. Il Museo del Cavallo Giocattolo ha sede in via Tornese 10 a Grandate, in quella che un tempo era la scuderia del famoso trottatore Tornese che negli anni Cinquanta fu più volte campione del mondo. Nel 1969 il Cavalier del Lavoro Pietro Catelli, fondatore di Artsana Group, acquistò l’edificio e i terreni circostanti e ne fece il quartier generale di Artsana. Il 14 aprile 2000, in occasione del suo ottantesimo compleanno, volendo lasciare un regalo unico alla sua azienda e al territorio comasco, inaugurò il museo, esponendo la sua collezione di cavalli giocattolo nella storica scuderia di Tornese. Il museo occupa una superficie di 400 mq2 ed espone una collezione unica al mondo: più di 650 cavalli giocattolo realizzati dal Settecento fino ad oggi provenienti da tutto il mondo. A dondolo o su triciclo, a bastone o a molla, di legno o di cartapesta, di latta o di stoffa, ogni cavallo giocattolo è opera unica di ingegno e di fantasia. La collezione è in costante aumento grazie alle frequenti donazioni che il museo riceve. Dal 2004 la raccolta del Museo si è arricchita grazie alla collezione Lehmann, 41 giocattoli a molla di latta serigrafata prodotti in Germania da fine Ottocento.

Orari di apertura: martedi – venerdì 15-19,  sabato 10-13 e 15-19, chiuso domenica e lunedi

Contatti: +39 031 382 038 – infomuseo@artsana.com

Museo etnografico e dell'acqua - Albese

Museo Etnografico e dell’Acqua (Albese con Cassano)

L’edificio in cui ha sede il Museo Etnografico e dell’Acqua risale al 1822 e si trova ad Albese con Cassano, in via Roma 23. Originariamente costituito da un lavatoio porticato al piano terra e dalla scuola elementare al primo piano, è caduto in disuso fino al 2004, quando è stato scelto come sede del Museo. Lo spazio espositivo è organizzato secondo criteri tematici che mostrano l’uso dell’acqua nelle comunità rurali, attraverso strumenti, oggetti e contenitori che testimoniano le tecniche manuali di lavaggio dei panni e attingimento dell’acqua, il trasporto e l’uso in casa e in campagna. Tra gli oggetti più significativi c’è una macchina dei pompieri della seconda metà del XIX secolo, perfettamente funzionante. Il Museo propone alcuni percorsi di visita a carattere storico-naturalistico, che conducono alla scoperta delle architetture dell’acqua ancora presenti nel territorio: vecchie fontane, lavatoi di roggia, pozzi, ghiacciaie, antichi acquedotti e serbatoi, testimonianze di una realtà apparentemente lontana, ma che induce a riflettere sui problemi odierni legati allo sfruttamento di questa preziosa risorsa.

Orari di apertura: su appuntamento per visite guidate e scolastiche

Contatti: ufficio segreteria 031426122, da lunedì al sabato dalle ore 8.30 alle ore 13

Museo Intelvese dei Fossili  - Alta Valle Intelvi

Museo Intelvese dei Fossili (Alta Valle Intelvi)

Nella piazzetta del grazioso borgo di Scaria, nel Comune di Alta Valle Intelvi,  si trova il Museo Intelvese dei Fossili, nato il 16 luglio 1993 per volontà del Comune di Lanzo d’Intelvi e del Museo di Storia Naturale di Milano allo scopo di promuovere la conoscenza e la valorizzazione del sito fossilifero Osteno Intelvi, uno dei più importanti del mondo, che custodisce resti di organismi marini vissuti 190 milioni di anni fa nel golfo dell’oceano continentale (Tetide). Dopo alcuni anni di chiusura, il museo é stato riaperto nel 2014 e, ad oggi, ospita una sessantina di reperti provenienti da varie zone del mondo, per la maggior parte proprietà del Museo di Storia Naturale di Milano oppure messi a disposizione da privati. Oltre ai reperti di Osteno, sono esposti pezzi provenienti dal Marocco, dalla Val Sanagra, dal Brasile, dal monte San Giorgio (sia lato italiano che svizzero), dall’Arizona, dalla Val Vigezzo e dal monte Generoso, che raccontano l’evoluzione da 505 milioni a 36 mila anni fa.

Orari di apertura: visite solo su appuntamento (max 5 persone per volta), il venerdì pomeriggio alle 16.30-17.15-17.40. oppure domenica mattina alle 10.30-11.15-11.40

Contatti: 031 035 3864 – per prenotazioni su whatsapp 338 386 5709

museo strumenti navigazione - Bellagio

Museo degli Strumenti per la Navigazione (Bellagio)

Il museo degli Strumenti per la Navigazione, che si trova in Piazza Don Miotti, nella frazione di San Giovanni a Bellagio, é stato inaugurato il 21 giugno 2001, ma la sua storia inizia molto tempo prima. Nel 1968, infatti, lo scrittore ed esperto navigatore Gianni Gini acquistò, mentre si trovava in vacanza a Cannes, un grafometro veneziano, che veniva utilizzato per la rilevazione delle carte nautiche, con il quale diede inizio alla sua collezione di strumenti di marina. Da allora, la sua passione l’ha portato a raccogliere oltre 600 strumenti nautici, da quelli più antichi a quelli costruiti nei primi anni del ‘900, come gli ottanti, i cannocchiali e le bussole, senza dimenticare i diari di bordo, preziosi manoscritti che testimoniano la vita a bordo di velieri e navi mercantili che hanno fatto la storia della navigazione.

Orari di apertura: da giovedì a domenica dalle 10 alle 13

Contatti: 031 950309

Museo delle Grigne - Esino Lario

Museo delle Grigne (Esino Lario – Lc)

Il Museo delle Grigne si trova in Via Montefiori 19, nel Parco di Villa Clotilde a Esino Lario e ospita più di dieci sezioni di grande interesse, tra cui un percorso dedicato alla storia naturale, con grotte, fossili, minerali, ambientazioni naturalistiche delle fasce climatiche dal lago alla Grigna e la collezione di farfalle e di insetti presente nell’adiacente Villa Clotilde. Da non perdere sono certamente la ricca sezione archeologica, che documenta la presenza umana sul territorio, con particolare attenzione agli insediamenti celtici e romani, e le due aree tematiche, una dedicata alla storia e alle attività legate alla presenza del ferro in Valsassina e l’altra alla vita quotidiana e al lavoro a Esino fino ai primi del Novecento.

Orari di apertura: solo su prenotazione sabato e domenica dalle 10 alle 12

Contatti: per prenotare, contattare i numeri 3482838438 (Catherine de Senarclens), 3427533018 (Marco Petruzzella) oppure 0341860111 (Comune di Esino Lario)