La fotonotizia di CiaoComo

Gli “infermieri anti-Covid” in udienza dal Papa

Una giornata che resterà scolpita nei nostri cuori….Così il post di Valerio Mautone dopo essere stato ricevuto da Papa Francesco con le sorelle Maria e Stefania e il fratello Raffaele, gli “infermieri anti-Covid” come sono stati battezzati per il loro impegno in prima linea durante l’emergenza. Valerio e Maria all’ospedale Sant’Anna di Como, Raffaele  al Cardio Centro di Lugano e Stefania a Napoli, la loro città d’origine, all’Ospedale dei Pellegrini.

Il Papa ha voluto esprimere la sua vicinanza agli infermieri e a chi lavora nella sanità. Ha detto che comprende le nostre sofferenze e che ha pregato e prega per noi – racconta Maria – Papa Francesco ha avuto parole di enorme stima per il ruolo degli infermieri,  ha detto che è consapevole del fatto che siamo il tramite diretto con i pazienti e che spesso siamo anche dei mediatori tra le sofferenze di chi soffre e il resto del mondo”. 

Il Pontefice ha ascoltato i racconti e le testimonianze dei Mautone e ricevuto le lettere che i quattro fratelli hanno raccolto da pazienti, colleghi personale sanitario indirizzati espressamente al Papa.

“Il primo pensiero è per chi non c’è più, a partire dall’infermiere dell’Ospedale Valduce Javier Chunga, morto pochi giorni fa dopo mesi di sofferenza” dice Valerio Mautone, che di Coronavirus si è pure ammalato e ha passato 40 giorni in isolamento, ha voluto raggiungere Roma a piedi, percorrendo l’ultimo tratto della via Francigena fino alla Città del Vaticano: “È stato un incontro emozionantissimo. Durante la pandemia noi abbiamo avvertito la presenza del Papa. E attraverso questa presenza sentivamo che Dio era con noi”.

valerio mautone

I fratelli Mautone hanno consegnato al Papa anche due divise da infermieri, decorata a mano con l’effige del Pontefice quella del Sant’Anna, più sobria quella dell’ospedale svizzero dove lavora Raffaele: “Sono oggetti che rappresenta il sudore e l’amore per la vita. Amore per la vita che è stato più contagioso del virus” hanno sottolineato i Mautone.

All’incontro in Vaticano erano presenti anche i figli e i genitori dei fratelli Mautone, papà Giorgio è stato il primo infermiere in famiglia e a lui si sono ispirati nello loro scelte di vita Raffaele, Stefania, Valerio e Maria.