Quantcast
La paura

Un Lombardia da ricordare anche per i brividi: Remco e Maximilian, stagione conclusasegui la diretta

I due ciclisti protagonisti sfortunati: il belga vola nella discesa di Sormano, il tedesco buttato a terra da una donna in auto

Si, certo, poteva andare decisamente peggio a Remco Evenepoel. Ma la stagione del 20enne ciclista belga, dopo la bruttissima caduta di ieri sulla discesa del Muro di Sormano, si può considerare conclusa. In base ai primi accertamenti effettuati all’ospedale Sant’Anna di Como ha accusato la frattura del bacino e una contusione al polmone destro. Remco dovrà restare in ospedale anche per oggi almeno, poi si inizierà a pensare al suo recupero. Ma la sua stagione, come ha ammesso il suo team manager Patrick Lefevere, “è praticamente finita”. Per il fenomeno belga anche diverse contusioni e un dolore all’osso sacro e alla gamba destra. Esclusa la frattura del femore. Remco non ha mai perso i sensi, ha subito risposto alle domande dei soccorritori e prima di entrare in ospedale ha parlato con il suo team manager. In seguito anche coi familiari grazie ad un video-collegamento.

 

E se Evenepoel può considerarsi fortunato – per come si è svolta la dinamica dell’incidente (e poteva andare davvero molto peggio), altratteto si può dire per Maximilian Schachmann. Il tedesco è stato buttato a terra da una manovra sconsiderata di una donna che ha attraversato la strada mentre la gara era ancora in corso. Lui si è rialzato dopo il brutto volo ed ha concluso sul lungolago. Poi, dopo la visita in ospedale, la conferma: fratteura della clavicola e stagione compromessa per lui. Insomma, un Lombardia con brividi. L’aspetto sportivo (del quale riferiamo a parte) ha visto il successo in solitaria del danese Fuglsang dopo uno scatto bruciante sulla Valfresca.

 

Le foto tratte dalla diretta Rai del pomeriggio

 

commenta