Imballaggio alimenti: quale soluzione sostenibile adottare foto

Il consumo di prodotti biologici ha subito un forte incremento negli ultimi anni grazie ad una maggiore attenzione dei consumatori per le tematiche ambientali. Questa maggiore attenzione è la scintilla che ha rivoluzionato il packaging dei prodotti e alimenta sempre di più il settore green, portando la maggior parte dei settori industriali a valutare prodotti più sani e rispettosi dell’ambiente.

 

Gli alimenti bio sono facilmente riconoscibili nei supermercati, grazie ai packaging che si distinguono dai competitors e svolgono una precisa funzione: comunicare ai consumatori i vantaggi e le caratteristiche degli ingredienti biologici.

 

Il settore alimentare si evolve e concentra le sue attenzioni anche verso il packaging sostenibile, capace di proteggere gli alimenti e ridurre al tempo stesso l’impatto ambientale.

 

Nuove forme del packaging sostenibile alimentare

 

Gli imballaggi alimentari sono oggetto di profonde ricerche volte a rendere sempre più sostenibili le varie fasi di produzione del packaging: ci sono diverse aziende che propongono soluzioni alternative ai classici imballaggi per alimenti, proponendo alle aziende una nuova tipologia di packaging realizzati con materiali sostenibili e biodegradabili, come https://www.celvil.it/ .

 

Negli ultimi anni le aziende produttrici di film, bobine e imballaggi, hanno effettuano numerose ricerche e hanno realizzato pellicole per alimenti create con sostanze naturali o prodotti di recupero, capaci di proteggere gli alimenti e ridurre l’impatto ambientale.

 

Gli imballaggi biodegradabili, oltre ad apportare vantaggi ambientali, sono benefici anche per gli alimenti: grazie ai materiali con cui vengono realizzati svolgono anche un’azione antibatterica e sono capaci di proteggere gli alimenti da diversi agenti patogeni, preservando tutte le caratteristiche e le qualità dei prodotti alimentari.

 

 

Obiettivi del packaging sostenibile per gli alimenti

 

Tra gli obiettivi del packaging sostenibile alimentare troviamo la protezione degli alimenti attraverso involucri biodegradabili e capaci di conservare al 100% i prodotti.  Grazie alle numerose ricerche scientifiche, sono sempre di più le forme e le sostanze naturali da utilizzare per realizzare pellicole, buste e rivestimenti sostenibili per gli alimenti.

 

Alcuni esempi di imballaggi sostenibili utilizzati per i prodotti alimentari sono i contenitori a base di funghi, le pellicole alimentari al chitosano, a base di alghe e gli imballaggi compostabili.

 

Tra le soluzioni più adottate ci sono le nuove tipologie di film plastici biodegradabili e riciclabili, come:

 

  • Il PLA, ottenuto da risorse vegetali come l’amido di mais.
  • I polipropileni e i materiali multistrato, facilmente riciclabili e caratterizzati dalla presenza poliammidi o polietilene tereftalato.

 

Grazie alla tecnologia è possibile ottenere soluzioni di packaging più innovative, come le pellicole solubili che si sciolgono in acqua e il packaging commestibile che prende sempre più piede nel settore food.

 

Ridurre gli imballaggi in plastica apporta notevoli vantaggi per le aziende alimentari, da un lato è possibile ridurre il volume di plastica, di smaltimento dei materiali e il consume energetico, dall’altro è possibile dimostrare al proprio pubblico di riferimento di avere una responsabilità sociale e di tenere all’ambiente.

Il consumo energetico è determinato dalla tipologia di materiale utilizzato e i materiali sostenibili permettono di ridurre del 70% il consumo di energia durante la fase di produzione del packaging.