Il pompiere erbese ferito in Valmalenco: affetto a piene mani per la sua generosità foto

Davide Rizzi, volontario del distaccamento di Erba, ferito mentre cercava a mani nudi di dare aiuto alle pertsone bloccate dalla frana.

E’ ancora ricoverato all’ospedale Manzoni di Lecco in serie condizioni, non in pericolo di vita. Davide Rizzi, 49enne di Pontelambro, abita a Rogeno (Lecco) con moglie e figli. E’ un Vigile del Fuoco volontario al distaccamento di Erba e mercoledì si trovava in montagna con la famiglia per una breve vacanza in Valmalenco. Proprio quando la frana ha travolto l’auto con tre persone a bordo – tra cui una bambina di 10 anni – uccidendoli

tragedia valmalenco, auto sepolta dal fango le vittime varesine da varesenews

Davide stava rientrando a casa con la famiglia quando si è trovato bloccato nel traffico: qualcosa non permetteva di proseguire. Era la frana che stava già sommergendo l’auto in cui hanno perso la vita i coniugi di Comabbio (Varese) e la bimba di 10 anni, figlia di una coppia di amici che li seguiva con un altro veicolo, e che ha ferito in modo grave il figlio dei varesotti, un bimbo di 5 anni che lotta per la vita all’ospedale di Bergamo. Rizzi, volontario ad Erba come detto, non ci ha pensato su due volte: è sceso dall’auto ed ha proseguito a piedi fino alla frana dove poi ha cominciato a scavare. E’ rimasto ferito in modo serio, travolto da una seconda frana. Ora è in ospedale.

 

Rizzi ha scavato tra il fango a mani nude per diversi minuti primna di essere ferito. Ora è ricoveratop in ospedale con diverse ferite anche se non in pericolo di vita. A lui ed alla famiglia, in queste ore, decine di testimonianze di affetto e di vicinanza per il suo gesto eroico.