Lite per gelosia a Mozzate: l’aggressore in carcere, la ricostruzione dei carabinieri foto

I militari ricostruiscono quello che è accaduto giovedì sera. La vittima raggiunta da diverse coltellate, il suo feritore accusato di omicidio.

Caso chiuso. I carabinieri della compagnia di Cantù e della Stazione di Mozzate hanno arrestato Flavio Briancesco, classe 1970, residente a Mozzate. E’ accusato di omicidio, è rinchiuso al Bassone. Secondo le indagini dei militari è stato lui – giovedì sera – a ferire mortalmente, dopo una feroce discussione, Lorenzo Borsani. Tutto nasce dopo che Briancesco, dopo una riparazione fatta a casa di un conoscente della zona, si è ritrovato le gomme della sua auto tagliate. Da qui alla discussione con la vittima (Borsani appunto) il passo è stato breve.

 

Li vicino abita la moglie (in fase di separazione) di Borsani. Forse il sospetto di una amicizia tra la donna e Briancesco può avere innescato la discussione (dopo il danneggiamento dell’auto). Durante la discussione la vittima è stata coloita da diverse coltellate sferrate da Briancesco che poi, dopo essersi allontanato a piedi, ha pure gettato via il coltello (rinvenuto in una casa disabitata). I vestiti del fermato erano sporchi di sangue quando i militari lo hanno fermato. Ora è in carcere con una pesantissima accusa