Osteria del Governo 1801 porta a sette i Locali Storici di Como e del lago nella guida 2020 foto

Osteria del Governo 1801 di Lezzeno, è questa la novità che il nostro territorio può vantare nella Guida ai “Locali Storici d’Italia”, un viaggio dietro i banconi più iconici di bar, caffetterie, pasticcerie, ristoranti e alberghi del Belpaese alla scoperta dei luoghi chiave della storia, della cultura e dell’ospitalità italica.

Il locale in frazione Rozzo di Lezzeno porta a sette il numero di segnalazioni lariane aggiungendosi a Villa Serbelloni a Bellagio,  il Crotto dei Platani a Brienno, la Trattoria del Vapore e Villa d’Este a Cernobbio, il Grand Hotel Tremezzo a Tremezzina e Il Crotto del Sergente nella frazione Lora di Como, presenti nella guida già gli scorsi anni

locali storici d'italia guida

Le quattro cifre dell’anno 1801 sono ancora incise nel granito del portone d’ingresso dell’Osteria del Governo e accanto ci sono le iniziali di Francesco Bazzoni, oste di oltre due secoli fa. Da allora le mura magiche dell’Osteria il Governo raccontano la storia di un’epoca lontana, fatta di carbonai e moti libertari. Qui Silvio Pellico passò la sua ultima notte di libertà, tra i sogni di grandi uomini che volevano fare l’Italia. Qualche anno fa Pietro Giuseppe Bazzoni, settimo discendente diretto del fondatore, ha riscoperto la storia di questo luogo dove ogni cassetto e ogni fotografia ci parlano più di un libro di storia. E qui, oggi come allora, si può godere della semplicità di un tagliere di salumi e formaggi sotto il pergolato del giardino, oppure gustare il menù sempre rinnovato dello chef Roberto. Un angolo di paradiso rilassante e familiare dove ammirare la bellezza del nostro lago sorseggiando i  vini custoditi accuratamente nello scrigno della cantina settecentesca.

locali storici d'italia 2020

Un viaggio nel tempo tra le pietre miliari del turismo culturale nel nostro Paese, un tour tra i pionieri dello stile e del gusto Made in Italy che raccontano, concretamente, la nostra storia. Enrico Magenes, presidente dell’Associazione Locali storici d’Italia, definisce così la “44ª Guida ai “Locali storici d’Italia” in uscita lunedì 27 luglio tutta dedicata all’arte dell’accoglienza e del gusto, che premia ben 7 attività lariane (a Varese una sola segnalzione e nessuna a Lecco), un riconoscimento alla storia, ma anche alla qualità e alla capacità degli imprenditori che ne sono alla guida di mantenerla nel tempo e, se possibile migliorarla continuamente.

Quest’anno il fil-rouge della guida è la creatività della miscelazione, con un itinerario da Nord a Sud tra santuari del cocktail e pietre miliari dell’alchimia in bicchiere, in 213 locali-simbolo che mixano aneddoti, ricette segrete, tradizioni di famiglia e personaggi storici e famosi nazionali e internazionali, dal Caffè Camparino a Milano, il tempio del Campari Seltz frequentato da Verdi e Puccini e dai futuristi Marinetti e Boccioni, al Caffè Gilli di Firenze con il suo mitico Negroni, dal cocktail bar Ch 18 87 del Ristorante Checchino di Roma al Grand Hotel Sitea di Torino, dove Louis Armstrong sorseggiava americano, dal Caffè Dante Bistrot di Verona allo storico caffè Florian di Venezia. Ecco, per il nostro territorio è un piccolo dispiacere non avere nessun bar o caffè segnalato nella guida anche se caffè storici ce ne sono in città.

Nella guida, in uscita il 27 luglio, con 37 Locali recensiti il Veneto è la Regione più rappresentata, seguita da Lombardia (34), Toscana (26), Piemonte (22), Liguria (21) e Campania (18), tra alberghi, ristoranti, pasticcerie, confetterie, caffè letterari e fiaschetterie segnalati dalla Guida – senza scopo di lucro e patrocinata dal ministero per i Beni e le attività culturali e per il turismo – tutelati e valorizzati da 44 anni dall’Associazione Locali Storici d’Italia, a patto che abbiano almeno 70 anni di storia e che conservino ambienti e arredi originali (o comunque che testimonino le origini del locale), ma anche che presentino cimeli, ricordi e documentazione storica sugli avvenimenti e sulle frequentazioni illustri.

locali storici d'italia 2020

L’Hotel Cavalletto e Doge Orseolo di Venezia e il Ristorante Oste Scuro Finsterwirt di Bressanone, entrambi del 1200, sono i più anziani tra gli storici locali recensiti mentre Villa d’Este ha un primato di mondanità, qui il fotoreporter Fedele Toscani (padre di Oliviero), nel 1933, con astuti e pazienti appostamenti, riuscì a fotografare l’idillio tra Bessie Wallis Warfield, più nota come Wallis Simpson, ed Edoardo VIII che, di lì a poco, avrebbe rinunciato al trono di Inghilterra per poterla sposare. Queste ed altre curiosità nella “44ª Guida ai “Locali storici d’Italia”.

La Guida è gratuita. Se si desidera che venga recapitata a domicilio l’ Associazione culturale  chiediamo un modesto contributo per le spese di spedizione, pari a 6 euro per ogni Guida richiesta da inviare con bonifico alle seguenti coordinate IBAN IT 95 T 02008 09427 000600014351 specificando con una email  al seguente indirizzo info@localistorici.it l’indirizzo a cui spedire la Guida.

Per consultare on line la guida https://www.localistorici.it/