Le rubriche di CiaoComo - 5 cose su Lario e dintorni

Tra lago e cielo, 5 rifugi, trattorie e ristoranti con terrazza oltre 600 metri – Basso Lario e Tremezzina foto

Raccontiamo il territorio con 5 cose

Più informazioni su

Agosto se ne va, ma l’estate ancora non è finita anche se per gli esperti meteo settembre sarà piovoso. Noi siamo ottimisti e chiudiamo la nostra piccola guida ai tavoli con vista lago dall’alto scendendo nel basso Lario e in Tremezzina, dopo aver indicato i ristoranti, baite e rifugi nel Triangolo Lariano e in Alto Lago.

Ancora una volta cercheremo di stare sopra i 600 metri d’altitudine scegliendo locali dotati di terrazze o verande in cui sedersi a tavola ammirando il lago.

Carate Urio

&nbsp

ristoranti rifugi con terrazza

Sul declivio del Monte Colmegnone a 1,350 metri c’è l’Agriturismo Roccolo San Bernardo che si raggiunge con una bella e facile passeggiate sul sentiero che porta dal Monte Bisbino alla Valle d’Intelvi. I più allenati possono salire da Germanello superando un notevole dislivello. Pur se posto su un poggio dominante, da nessun tavolo è possibile guardare il lago (la stessa cosa per i vicini rifugi Murelli e Bugone dove è stato scelto di posizionare i tavoli verso il monte anzichè verso valle). Comunque basta alzarsi, fare pochi passi e…ecco il lago,  poi si fa dietrofront, altri 10 passi, ed ecco un altro lago. Si, molti ci cascano, quello che si vede dal Roccolo San Bernardo è sempre e solo il Lario che curva attorno al Poncione di Laglio dando a chi guarda, l’illusione di vedere due laghi diversi. La prospettiva è straniante perciò, sediamoci a tavola per gustare una cucina genuina con piatti tipici caserecci inspirati alla tradizione locale. La proprietaria prepara tutto con fantasia e creatività, utilizzando in modo prevalente i propri prodotti. Formaggi, salumi e miele vengono dall’attività agricola e di allevamento, nelle stalle ci sono capre, maiali, bovini, oche e galline. www.roccolosanbernardo.it  

Schignano

&nbsp

ristoranti rifugi con terrazza

Una delle pizzerie più “alte” della provincia di Como è la Bellavista di via Roma a Schignano e, come dice il nome,  offre un panorama da cartolina oltre ottime pizze. Di fronte alla sala da pranzo e alla veranda del locale si apre un cannocchiale con al centro la penisola del Balbianello e, più in fondo, Bellagio. Ovviamente per arrivare al ristorante pizzeria Bellavista basta guidare fino a Schignano  e c’è pure un ampio parcheggio, Oltre le pizze i piatti della casa sono tagliatelle paglia e fieno con gamberetti e salsa al curry, pappardelle al ragu’ di cinghiale, misultin, polenta e cervo o con funghi porcini e tante altre piatti tutti da gustare in un ambiente famigliare ed elegante nello stesso tempo. Pagina facebook del Bellavista 

Lenno

&nbsp

ristoranti rifugi con terrazza

Per ammirare la Tremezzina dall’alto non c’è niente di meglio del Rifugio Venini, 1576 metri sul Monte Galbiga. Pranzando o cenando sotto la veranda si gode un panorama incantevole e da qui si possono iniziare svariate passeggiate: verso il Monte Crocione tra le trincee e le piazzole d’artiglieria della linea Cadorna o verso il Galbiga dalla cui vetta si dominano i laghi di Como e Lugano. Per arrivare al Rifugio Venini ci sono diversi modi, anche in auto salendo dalla Valle d’Intelvi e seguendo una sterrata per gli ultimi chilometri. Noi consigliamo di lasciare l’auto ad Argegno, salire fino a Pigra in 10 min con la funicolare che parte ogni 30 min, per poi camminare fino al rifugio passando dall’Alpe di Colonno e dal rifugio Boffalora. Come in quasi tutti i rifugi delle nostre zone, anche al Venini si trovano i piatti tipici con polenta, dagli affettati ai formaggi nostrani alla selvaggina. www.rifugiovenini.it

Colonno

&nbsp

ristoranti rifugi con terrazza

Molto simile al Venini, ma più rustica è l‘Alpe di Colonno che da qualche anno è stata riaperta anche alla ristorazione. Il rifugio è situato sui monti che dividono il Lago di Como da quello di Lugano. Dietro il rifugio, salendo verso un colle, si incontra dapprima una chiesetta e più avanti una croce.
Il rifugio è raggiungibile in auto da Argegno, oppure con alcuni sentieri che partono da Pigra, Colonno, Ponna e Ossuccio, consigliamo quest’ultimo anche per una visita al Santuario della Madonna del Soccorso e la sua Via Crucis. Con una camminata di 2 ore e30 e un dislivello di poco oltre i 1.000 metri si arriva all’alpe, stanchi ed affamati giusto in tempo per provare un’ottima cucina tradizionale. Il locale è immerso nel verde con una veranda esterna da cui si può mangiare con vista sul lago. Ottime carni alla griglia e selvaggina, squisiti formaggi e salumi e un’eccellente polenta sono i punti di forza del ristorante. Da giugno a ottobre l’alpe è aperta tutti i giorni. www.alpedicolonno.it 

Lanzo d’Intelvi

&nbsp

ristoranti rifugi con terrazza

L’ultimo tavolo vista lago è un deciso cambio di prospettiva, non solo perchè il lago è quello di Lugano, ma anche perchè il ristorante, paninoteca, gelateria bar Da Buffa a Lanzo d’Intelvi è un rimasuglio di belle epoque della Valle e sembra davvero un luogo fuori contesto. Qui, in un piazzale sospesa sopra la Svizzera, sorge l’ex albergo Funicolare , un ex negozio di souvenir, un piccolo bazar, quella che è, o doveva essere, una discoteca…  insomma, un passato che fu abbastanza glorioso, cancellato da quando la funicolare che collegava questo balcone d’Italia con il borgo di Santa Margherita di Valsolda, sul sottostante lago di Lugano, ha smesso di funzionare nel 1977. A fianco dell’imponente edificio dell’albergo c’è la stazione d’arrivo della funicolare ed è un bel documento di archeologia industriale. Detto questo il panorama è mozzafiato dai tavoli della terrazza Buffa, con un precipizio si arriva dagli 884 metri alla sponda italiana del Ceresio, confine blù con la Confederazione Elvetica di cui si ammira Lugano, Paradiso, Morcote, la Collina d’Oro…tutto davanti agli occhi. Come si mangi da Buffa non è dato sapersi, noi abbiamo ordinato solo un prosecco,

 

 

Più informazioni su