Albese, si indaga sulla festa finita con l’incendio del tetto a Villa Campari: che paura! foto

Una ventina di giovani, molti dei quali minorenni, all'interno. Nessun ferito, ma apprensione. Coisa è successo ?

Il sindaco, Carlo Ballabio, è chiarissimo:”Non ne sapevo niente: ora facciamo le adeguate valutazioni”. Dopo la grande paura – e per fortuna solo danni materiali e nessun intossicato – di ieri sera a Villa Campari di Albese, è il momento degli accertamenti. Serata finita con un grande spavento per almeno una ventina di ragazzi, in gran parte minorenni e alcuni accompagnatori nella zona tra il paese ed Albavilla, ingresso dalla via Veneto. Durante la festa si è incendiato – per cause da accertare – il tetto e parte della mansarda della prestigiosa dimora voluta ad Albese dal fondatore della storica azienda che produce la nota bevanda.

Sul posto i vigili del fuoco di Erba e Como, i carabinieri di Erba, le ambulanze del Lariosoccorso e della Cri di Lipomo. I protagonisti della festa sono usciti tutti anche se con spavento. Resta da accertare (anche con il supporto di pompieri e carabinieri) cosa è accaduto ieri sera prima della mezzanotte. Una distrazione oppure un corto circuito che poi ha provocato il rogo e l’intensa mobilitazione di tutta la zona. Come detto, nessun intossicato an che se lo spavento è stato notevole.