Le note notturne di Orazio Sciortino aprono il Festival Como Città della Musica

A Villa Olmo si inaugura il Festival Como Città della Musica "Note in Villa". Due concerti alle 19 e alle 21

Si avvicina il XIII  Festival Como Città della Musica, edizione speciale, Note in Villa, che vedrà tre prestigiose location – Villa Olmo, Villa del Grumello, Villa Erba – protagoniste di eventi musicali di altrettanto prestigio. Dal 28 giugno al 12 luglio una 15 giorni non-stop con 36 spettacoli in cartellone, a cadenza quotidiana, che abbracciano molteplici generi musicali destinati a target di pubblico differenti, con una programmazione nelle corde del Teatro Sociale di Como/AsLiCo, grazie al Comune di Como, al Comune di Cernobbio, all’Associazione Villa del Grumello e a Villa Erba.

Ad aprire le danze, domenica 28 giungo alle ore 19.00, con un secondo set alle ore 21.00, sarà il pianista di fama internazionale Orazio Sciortino, con un programma dedicato alla notte nella bella cornice di Villa Olmo. Un repertorio all’insegna delle suggestioni notturne che apre con i quattro Nachtstücke op. 23 (Notturni) di Robert Schumann: Trauerzug (Processione funebre), Mehr langsam, oft zuruckhaltend – Lento, molto trattenuto in Do maggiore, Kuriose Gesellschaft, (Compagnia bizzarra), Markirt und lebhaft – Marcato e vivace in Fa maggiore, Nächtliches Gelage, (Abbuffata notturna), Mit grosser Lebhaftigkeit – Con grande vivacità in Re bemolle maggiore, Rundgesang mit Solostimmen, (Canto in tondo con voci soliste), Einfach – Semplice in Fa maggiore.

Quattro notturni influenzati dalle letture di autori molto amati (Friedrich Von Schiller e E.T.A. Hoffmann) e scritti, nel presagio di una lugubre premonizione quando, nella Vienna del 1839, Schumann apprese delle precarie condizioni di salute del fratello, che di lì a poco lo avrebbero portato alla morte.

Poi, sempre nella notte, un sogno, un brutto sogno o un’irrequieta visione notturna, tema che in Gioachino Rossini presenta anche aspetti ironici, talvolta velati di cinismo ma allo stesso tempo malinconici. In questo passaggio dal Romanticismo più struggente a un ‘peccato di vecchiaia’, negli anni del buen ritiro francese, di Gioachino Rossini (1792 – 1868), Un cauchemar (da … Volume VII – Album de chaumière per pianoforte): “Aleggia in questa musica uno spirito visionario da un lato, fantastico dall’altro, in cui ironia e malinconia sono due facce dello stesso autore” afferma Sciortino.

festival como città della musica 2020

E sarà lo stesso Sciortino a portarci, dalle suggestioni romantiche della metà dell’800, fino ai giorni nostri, attraverso la sua composizione del 2019, A midsummer night’s fox: “Per me la notte è sinonimo di ‘molteplice’, di multiforme: quel momento ideale all’interno del quale prendono vita, prendono forma i nostri sogni, le nostre proiezioni, le nostre paure. Così ho scritto il brano A midsummer night’s fox, un pezzo pianistico caratterizzato da una trama polifonica piuttosto fitta, dalla quale vengono fuori dei frammenti di un foxtrot: questi vengono ripetuti ossessivamente, e tendono a ricostruirsi come in un gioco, in un inganno della nostra memoria che, nell’oscurità della notte, in quello stato – possiamo dire – di semi-coscienza, tenta di ricostruire quel motivo che ci è sembrato di aver sentito da qualche parte ma che del quale non riconosciamo le origini. A midsummer night’s fox è, quindi, un brano che è continuamente sospeso tra l’idea di danza e una sorta di fascinazione onirica notturna.”

L’ultima parte del programma è dedicata al genio pianistico di Franz Liszt, che soggiornò più volte sul lago di Como con la compagna Marie d’Agoult, tra la sponda di Bellagio e Como. Hymne à la nuit, del 1847, un Inno alla notte, sarà poi seguito da un tributo che il compositore ungherese rese all’opera Roméo et Juliette di Charles Gounod (Les Adieux. Rêverie sur un motif de l’opéra Roméo et Juliette, S. 409 del 1867). Il concerto terminerà con una delle parafrasi operistiche più note: Parafrasi sul Rigoletto (1859).

Liszt rielaborò entrambi i drammi, tratteggiati con forti tinte notturne, con ritmi ora languidi, ora drammatici, per pianoforte solo; il grande pianista Orazio Sciortino ce li restituirà con naturalezza e sensibilità, e quella tecnica agile e attenta che lo contraddistingue.

villa olmo

Sempre a Villa Olmo, lunedì 29 giugno ore 19.00 e ore 21.00, Musica e Danza Dancing on Bach, con Elena Ajani che danzerà su musiche di Johann Sebastian Bach, accompagnata dal violoncello di Federico Toffano.

Gli eventi di Villa del Grumello per il Festival Como Città della Musica partiranno da martedì 30 giugno – ore 19.00 e ore 21.00 – con un’ospite d’eccezione: la musicista Fatoumata Diawara, con un concerto di chitarra e voce. A seguire un ricco programma che vedrà Lirica, Jazz, Opera, Musica Classica e un risveglio molto atteso, l’Alba di Musica e Poesia, con l’attore Stefano Dragone e Giuseppe Califano al pianoforte. Per Villa Erba gli eventi sono previsti a partire da martedì 7 luglio con Opera Kids, cui seguiranno Musica e Poesia, Jazz, Opera per Tutti e Opera Baby, Musica Classica fino alla giornata del 12 luglio, che vedrà un’altra Alba con il concerto Note al sorgere del sole, Opera e Sogno, su musiche di Claude Debussy, Ruggero Leoncavallo, Enrique Granados, Pietro Mascagni e Giacomo Puccini, al pianoforte il musicista Giorgio Martano.

La conclusione del Festival domenica 12 luglio ore 19.00 e ore 21.00, con il concerto di Musica Classica Pour invoquer Pan, con Mattia Petrilli al flauto e André Gallo al pianoforte, per salutare gli amici del Festival con le musiche di Pëtr Il’ič Čajkovskij, Claude Debussy, Francis Poulenc, Richard Wagner.

 

Ricordiamo che tutti gli spettacoli sono a ingresso gratuito ma con prenotazione obbligatoria, per ottemperare alle norme dall’ordinanza della regione Lombardia n. 556 del 12/06/2020. Le prenotazioni potranno essere registrate a partire da martedì 23 giugno online www.teatrosocialecomo.com o presso la biglietteria del teatro Sociale di Como (entrata piazza Verdi) con i seguenti orari: dal martedì al sabato dalle 10.00 alle 13.00. Sarà possibile prenotare un massimo di due biglietti fino a un massimo di tre spettacoli. In caso di pioggia gli eventi programmati nel parco di Villa Olmo si terranno all’interno di Villa Olmo, mentre quelli programmati nei parchi di Villa del Grumello e Villa Erba avranno luogo presso la Sala Bianca, Teatro Sociale di Como; verranno invece annullati, in caso di maltempo, i concerti all’alba. Inoltre, in caso di condizioni meteo favorevoli, altri posti potranno essere resi disponibili sia online sia presso la biglietteria, il giorno stesso degli spettacoli, sempre nel rispetto delle norme previste. Gli orari di infoline rimangono invariati, dal martedì al venerdì dalle ore 14.30 alle 16.30, tel: 031.270170.

Sabrina Sigon