Festival della Luce 2020: il clima che non ti aspetti con Andrea Giuliacci

Andrea Giuliacci ospite del Festival della Luce 2020

 

festival della luce 2020

Il Festival della Luce 2020, quest’anno, è stato tutto in streaming; ma per il 21 giugno – giorno del Solstizio d’estate – avremo la trasmissione finale su Espansione TV. Fra gli ospiti della serata Andrea Giuliacci, climatologo e meteorologo, volto molto conosciuto in televisione.

La persona tanto amata quando dice che ci saranno belle giornate; un pochino meno quando prevede brutto tempo. 

Bisognerebbe sempre ricordare il famoso detto: Ambasciator non porta pena”, dice Andrea Giuliacci ai microfoni di Ciao Como durante l’intervista; “il meteorologo prevede il tempo ma, ahimè, non lo può ancora modificare. Però è vero: la gente vede ancora nel meteorologo la responsabilità del tempo”.

La meteorologia, una scienza ancora molto difficile e precisa; quando ha pensato di dedicarsi a questi studi?

Quando ero piccolo non pensavo ancora di intraprendere questa professione, anche se mio padre mi ha trasmesso la passione per le materie scientifiche. Mi sono poi trovato alla Facoltà di Fisica ed è venuto naturale andare a vedere cosa fosse questa fisica dell’atmosfera, questa scienza che seguiva mio padre. Lì ho scoperto una disciplina davvero affascinante, che è diventata il mio lavoro ma non solo: anche una delle mie grandi passioni”.

Uno scienziato non smette mai di studiare

È vero, e per questo mi ritengo un grande privilegiato; perché, quando la mattina mi sveglio per andare a lavorare, e spesso capita anche molto presto al mattino, mi sveglio comunque contento. Non ne sento il peso, sto andando a fare qualcosa che mi piace. Un mestiere che mi spinge, ancora adesso dopo tanti anni, a studiare, a cercare di scoprire le tante cose nuove e affascinanti di questa materia”.

La sua ultima pubblicazione: Il clima che non ti aspetti – Editore Ronca

Un libro che tratta l’argomento principale della meteorologia di questi tempi, quello del cambiamento climatico: quello con cui dobbiamo fare i conti in ogni stagione. Questi violenti temporali che, a ogni passaggio, portano grandine e nubifragi; i lunghi periodi di siccità alternati a fasi estremamente piovose; le stagioni estive che sono sempre più calde. In questo libro cerco di spiegare come è cambiato il clima, per quale motivo e cosa ci aspetta in futuro. Cerco anche di aprire una finestra su come il clima e il cambiamento climatico abbiano influenzato la nostra vita di tutti i giorni. Anche quei piccoli aspetti che mai penseremmo esserne influenzati. Il clima e la meteorologia mettono davvero lo zampino in ogni aspetto della vita”.

festival della luce 2020

Figlio del meteorologo umbro Mario Giuliacci, Andrea Giuliacci si è laureato in Fisica presso l’Università degli Studi di Milano con una tesi sull’influenza del fenomeno ENSO sul clima in Italia; successivamente ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Scienze della Terra presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. Ha pubblicato diversi libri su meteorologia e climatologia. Dal 2007 tiene il corso di Fisica dell’atmosfera presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Attualmente è docente di meteorologia presso l’Istituto Aeronavale Antonio Locatelli di Grottammare.

Durante l’intervista Andrea Giuliacci ci ha raccontato, inoltre, di come il clima influisca anche su aspetti che investono la sfera sociale, come ad esempio la criminalità; quando aumentano le temperature l’organismo, per tenere la temperatura corporea entro livelli accettabili, produce diverse sostanze fra cui due ormoni: testosterone e adrenalina, che sono notoriamente ormoni che ci rendono più aggressivi. Questi e molti altri saranno gli argomenti di cui parlerà

il 21 giugno alle ore 21.00, giorno in cui il Festival della Luce culminerà con la trasmissione speciale in onda su Espansione TV, in prima serata, intitolata “Festival della Luce 2020 – Streaming edition”.

La trasmissione si aprirà con un video emozionale, prodotto da Studio Antimateria, sul tema del Sole nell’arte attraverso l’animazione di opere di grandi pittori come Van Gogh.

Tra gli ospiti in studio ci sarà, oltre al meteorologo e climatologo Andrea Giuliacci, il divulgatore scientifico e conduttore Alessandro Cecchi Paone. Collegati on line ci regaleranno la loro testimonianza il Premio Nobel Michel Mayor e il fotografo dei più maestosi ghiacciai del mondo Fabiano Ventura.

 

Il Festival è realizzato con il Patrocinio del Comune di Como e della Regione Lombardia, sotto l’egida dell’UNESCO, promosso dalla Fondazione Alessandro Volta e la collaborazione del comitato scientifico del Festival della Luce LAKE COMO.