Interrogato il giovane Nikolai, risponde alle domande del giudice: presto ai domiciliari fotogallery

Il 24enne di Moltrasio apparso sotto choc per l'accaduto. Attesa per l'autopsia sul corpo dell'amica morta nell'auto finita nel lago

Anche il legale di Nikolai Saldarini, 24enne di Moltrasio, ha chiesto oggi al giudice di Como – durante l’interrogatorio in carcere – la concessione degli arresti domiciliari per il ragazzo arrestato dalla Polizia stradale per omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza dopo l’incidente, nella notte tra martedì e mercoledì, costato la vita alla coetanea Tatiana Ortelli, morta nell’auto condotta dal giovane e finita nel lago in via per Cernobbio dopo un violento impatto con il muro che costeggia l’arteria. Nikolai oggi, sia pure provato e sotto choc, avrebbe risposto alle domande del giudice nell’interrogatorio di convalida.

Schianto in via per Cernobbio, auto nel lago: il recupero dei pompieri

 

Arresto convalidato, ora si attende di capire se il giudice – accogliendo anche la richiesta del Pm di turno Pavan – concederà al ragazzo i domiciliari nella casa di Moltrasio dei genitori. Al giovane contestata anche la guida in stato di ebbrezza perchè il tasso alcolico nel suo sangue era superiore al consentito. La ricostruzione dello schianto non ancora completata da parte della polizia: sono stati fatti numerosi accertamenti anche sulla sede stradale. La vettura di Nikolai, dopo l’impatto con il muro, ha sfondato la ringhiera ed è volata nel lago. In quel punto non è la prima volta che succedono simili incidenti. In quel tratto di strada il limite è molto basso proprio per la presenza della ringhiera-

 

La procura di Como ha anche disposto l’autopsia sul corpo di Tatiana Ortelli, morta nell’abitacolo della Fiat Panda sulla quale viaggiava con l’amico. I due giovani stavano tornando verso Moltrasio quando è avvenuto il tragico incidente nel cuore della notte.