Il presidente dei medici Spata ad Ats Insubria:”Dateci ascolto per evitare altre criticità” foto

Lettera aperta per sollecitare collaborazione in questa fase due "Cruciale il ruolo dei medici di base"

Dopo aver scritto all’assessore regionale Gallera ecco la lettera ai vertici di Ats Insubria. Il presidente dell’ordine dei medici di Como – Gianluigi Spata – torna a chiedere di essere ascoltato in rappresentanza di tutta la categoria. E lo fa con una lettera aperta al presidente di Ats Insubria Gutierrez chiedendo di affrontare assieme questa fase due dell’emergenza sanitaria. Ecco il testo completo

 

 

 

Egr. Dr. Gutierrez,

questa epidemia è stata devastante non solo per la nostra popolazione ma anche per tutti i sanitari a partire dai medici, dagli infermieri e da tutti gli operatori sanitari che non finirò mai di ringraziare per la dedizione e la professionalità profusa ogni giorno negli ospedali e sul territorio anche a costo della propria incolumità e in molti casi, purtroppo, della vita.

Ma gli operatori più penalizzati da questo tsunami che è calato su tutti noi sono stati i MMG, i PLS e i medici di continuità assistenziale, insomma tutta la medicina del territorio.

Mentre gli ospedali sono riusciti a far fronte all’emergenza coinvolgendo tutto il personale e stravolgendo con merito anche le dinamiche interne trasformando interi reparti in reparti Covid, comunque attrezzati con DPI adeguati alla situazione, non si può certo dire la stessa cosa per il territorio che si è trovato inspiegabilmente non protetto e soprattutto non messo nelle condizioni idonee per un’adeguata assistenza ai propri pazienti come avrebbe voluto e potuto fare.

Si continua a dire che la medicina generale è il vero fulcro attorno al quale ruota l’assistenza sanitaria e l’unico reale filtro per la sostenibilità dell’assistenza ospedaliera. Ebbene ultimamente non mi sono sentito, e credo di poter parlare anche al plurale, né filtro né fulcro; però punto di riferimento per i miei pazienti sì e lo dico con orgoglio altrimenti non avrei scelto e fatto questo bellissimo lavoro e non avrei valutato la possibilità di continuare a farlo fino a 70 anni.

La FROMCeO ha scritto più volte all’assessorato al Welfare e i contenuti delle nostre lettere sono noti a tutti in quanto sono state inviate per conoscenza anche a tutte le Direzioni delle ATS, lettere che hanno evidenziato non solo le criticità ma che hanno offerto anche piena collaborazione.

Lasciando alle spalle la Fase 1 dell’epidemia, senza dimenticarla, stiamo affrontando la Fase 2, quella della sorveglianza territoriale molto importante per l’individuazione e l’isolamento dei casi positivi e di eventuali piccoli focolai e che vede la medicina del territorio pienamente coinvolta.

Ebbene Egr. Direttore come Presidente di un Ente Pubblico sussidiario dello Stato, di natura non economica, rappresentativo di tutta le professionalità mediche e odontoiatriche che operano sul nostro territorio provinciale e che agisce nell’interesse del cittadino oltre che della professione, Le propongo, per quanto mi compete,  la nostra collaborazione perché questa fase sia affrontata nei migliori dei modi ascoltando e valutando tutte le eventuali criticità che dovessero essere segnalate da chi ogni giorno lavora con impegno e dedizione sul territorio.

Restando a disposizione per una fattiva e costruttiva collaborazione, porgo distinti saluti

 

Il Presidente

dott. Gianluigi Spata