Canton Ticino: un’estate senza festival musicali foto

La cancellazione era nell’aria e purtroppo oggi c’è la conferma, il virus fa altre vittime tra gli appuntamenti classici dell’estate ticinese che sono sempre meta di molti comaschi amanti della buona musica. Tre festival si prendono un anno di pausa rimandando al 2021. La Quairmesse, ROAM Festival e Blues to bop Lugano non avranno luogo quest’anno. Nei giorni scorsi anche Estival Jazz, la più storica delle manifestazioni estive in riva al Ceresio, ha rimandato a data da destinarsi l’edizione numero 42. Gli organizzatori Jacky Marti e Andreas Wyden non hanno escluso che qualche cosa si possa fare in inverno, ma la piazza Riforma che balla sotto le stelle per quest’anno ce la scordiamo. Altre manifestazioni che caratterizzano l’estate oltre frontiera hanno dovuto dire addio al calendario 2020: Festate di Chiasso, Vallemaggia Magic Blues, Castle on Air di Bellinzona e gli Swiss Harley Days.

Maledetto Virus, il particolare contesto venutosi a creare negli ultimi mesi ha portato la Divisione eventi e congressi a decidere l’annullamento delle edizioni 2020 dei tre festival musicali che organizza in prima persona: La Quairmesse (prevista il 30 e 31 maggio), ROAM Festival (23-25 luglio) e Blues to Bop (27-30 agosto). Basate sull’energia aggregativa che solo la grande musica all’aperto sa infondere, le tre manifestazioni non avrebbero potuto trovare una declinazione organizzativa compatibile con le norme in vigore, indispensabili per garantire uno svolgimento in sicurezza.

Roberto Badaracco, capo Dicastero cultura sport ed eventi: “Non è senza rammarico che è stata presa la decisione di rimandare di un anno i grandi festival musicali della stagione all’aperto di Lugano. L’estate luganese sarà diversa ma vogliamo comunque offrire al pubblico altre occasioni di svago e di divertimento. Il pensiero va a tutti gli artisti coinvolti, agli addetti ai lavori, ai partner e naturalmente a tutto l’affezionato pubblico. Ci saranno presto altre occasioni per ritrovarsi più uniti di prima!”

Al fine di proseguire anche in queste circostanze il proprio percorso di valorizzazione della musica svizzera di qualità, La Quairmesse, che per l’edizione 2020 ha ricevuto più di 400 candidature, sta nel frattempo preparando La Quairmesse Web nella quale  verranno presentati artisti e brani in forma di playlist, grazie al supporto di Rete Tre, Couleur3, SRF3, RTR e MX3. Alcuni musicisti saranno inoltre protagonisti di The Doorbell, fresco progetto del FOCE che entra nelle case degli artisti attraverso una serie di contributi video.

Seppur profondamente diversa l’edizione 2020 di LongLake Lugano, il contenitore estivo che, oltre ai festival musicali contiene un’infinita serie di proposte per vivere la città nelle strade e nelle piazze,  ci sarà. Come sarà lo comunicheranno gli organizzatori a inizio giugno.