Le rubriche di CiaoComo - Le api dell'invisibile

Attraverso lo specchio, di fronte alla soglia: la raccolta di Massimo Del Prete

Le poesie di Massimo Del Prete

Più informazioni su

    Cosa ci aspetta oltre la soglia e come si sta in bilico tra il dentro e il fuori? Ce lo racconta Massimo Del Prete in questa puntata de Le Api dell’Invisibile, ma anche e soprattutto nella sua raccolta d’esordio “Soglie” edita per Giuliano Ladolfi Edizione [Gennaio 2018, collana Perle Poesia].

    Massimo è nato nel 1993 a Taranto, oggi però vive a Milano e sta per conseguire una laurea in Lettere Moderne, dopo ben due triennali nei campi della chimica e della letteratura. “Soglie” al plurale è una scelta di titolo ben più che consapevole: la raccolta di Massimo è infatti –ironicamente – una strada che si snoda all’interno, cercando una via d’uscita, un modo di andare oltre, fino ad arrivare a quel liminare che pare invalicabile. La soglia appunto, che è separazione dall’altro, ma anche luogo verso cui guardare dal sé all’altro, attraversando lo specchio del nostro riflesso solitario. E la strada che porta alla soglia, senza mai superarla, si rivela variegata, accidentata, densa di novità e svolte, così come lo è la lingua in cui è raccontata.

    Il linguaggio poetico di Massimo, un po’ come la sua esperienza di vita, è un linguaggio in bilico tra due poli, posizionato sul punto d’osservazione più alto e pronto a gettarsi nella profondità di una ricerca della parola che lascia poco al caso. Il valore aggiunto della sua raccolta è duplice: una lingua da assaporare e un racconto da seguire. Di verso in verso, di sezione in sezione, il lettore è invitato a sbirciare furtivamente oltre la pagina, dentro alla parola che diventa viva testimonianza della vita dietro alla poesia. Forse la soglia è la poesia stessa, luogo ambiguo per eccellenza dove vita e sogno si riflettono, mentre quotidianità e illusione giocano a rincorrersi con gli enjambement e a farsi eco tra i versi. Una raccolta di poesie in cui specchiarsi per ricordarsi delle proprie soglie mai valicate o per gioire di quei ritorni al di qua della soglia, che spesso sono anche nuovi inizi.

    Questa è una rubrica dedicata a tutti coloro che scrivono, in particolare poesie. Se  volete venire a raccontarmi il vostro progetto, la vostra scrittura e le vostre parole, scrivete a martinatoppi43@gmail.com: “Le api dell’invisibile” vi aspettano!

    &nbsp

    «…il nostro compito è quello di compenetrarci così profondamente, così dolorosamente e appassionatamente con questa terra provvisoria e precaria, che la sua essenza rinasca invisibilmente in noi. Noi siamo le api dell’invisibile. Noi raccogliamo incessantemente il miele del visibile per accumularlo nel grande alveare d’oro dell’Invisibile.»  R. M. Rilke

    &nbsp
    A cura di Martina Toppi
    podcast api dell'invisibile

     

    Poesie di Massimo Del Prete

    IN SALA DA PRANZO

    Il tuo castello, fata antica,

    è tutto un prezioso, museale

    polverio che vibra al mio saluto

    e poi si ricompone, in pace.

    Ma questo odore di pane stantio,

    di pellicce resuscitate e macchie

    d’umido negli angoli invisibili

    infine ha colto te

    persino te, Morgana bionda?

    “È il peso del tempo, piccino mio”

    mi sorridi all’orecchio, sotto

    i plaid polposi e scoloriti

    e sento che minaccia solo me,

    che risparmia i tuoi acciacchi,

    la tua mente e qualche artrosi.

    E allora tu parlami ancora,

    tenera ma indomita mangiatrice di mondi,

    e sciogli tutta la tua storia

    ch’io sgrani in zucchero questo tremore giovane

    e lo abissi nel nostro caffè

    che ieri m’hai fatto, che oggi rifai:

    e se t’ascolto sempre

    e sempre rido negli occhi imbellettati,

    da qualche parte so

    che non svaniamo mai.

     

     

    ABRACADABRA

    ‘Non puoi pensare il tempo prima

    del Big Bang’ dissero in tv. Ebbero torto.

    Sta lì l’ultima, l’estrema ritorsione

    del gomitolo, del tempo che visse se stesso,

    prima, della parola che sapeva dire veramente

    la parola che nel canto fece il mondo

    lo esplose in un acuto e glissò le nostre

    vite – continuammo noi ma poi

    dimenticammo e i nomi si dispersero.

    Oggi esistiamo nel dopo, nell’inverso del processo

    in una vita che si è fatta letteratura

    disfatta in virgole, grafemi, stanghette

    senza autorità che fingono d’immaginarla

    questa vita non più vissuta non ricordata

    – come me e te, i nostri sogni che

    non osammo dire né creare

    e il loro canto breve in balìa

    dei pronomi di un condizionale.

    PRIMA VOLTA?

    Nacqui nel 2011, in settembre,

    piuttosto lontano da qui, solo

    una strada tra il grano tagliato

    piegava sensuosa i suoi lombi…

    …ma dopo il tramonto, le piazze

    urlanti, un clamore folkloristico

    di vicoli, goliardi, segnali

    non captati dai miei radiofari,

    sguardi non colti ancora,

    colori troppo vivi, voci scalmanate

    nelle parole tue, di tutti,

    incomprese sempre.

    Oggi, un po’ di tempo dopo,

    non ho che cinque anni

    e ho gattonato in là, di là,

    più oltre ancora eppure

    è presto, è troppo presto… e

    non nel sogno non

    nel ricordo è varcata

    Più informazioni su