Come richiedere i buoni pasto del comune di Como: tutti i numeri da chiamare

Come richiedere i buoni pasto del comune di Como: tutti i numeri da chiamare

Più informazioni su

La Giunta del Comune di Como  ha deliberato in merito alle modalità di erogazione delle risorse per fronteggiare l’emergenza alimentare di cui all’ordinanza della Protezione Civile n. 658 del 30 marzo 2020.
Coloro che intendono presentare domanda per l’assegnazione dei buoni spesa, possedendo i requisiti di accesso previsti nell’avviso pubblicato sul sito istituzionale dell’ente, devono compilare l’apposito modulo e inoltrarlo al Comune.
È possibile inviare la domanda via email all’indirizzo buoni2020@comune.como.it oppure tramite l’applicazione Whatsapp al numero 3475889102. Tale modalità rende più agevole l’inoltro in questo periodo di forte limitazione degli spostamenti. Per chi non è dotato di strumenti informatici, il Comune consente di presentare la domanda contattando i Servizi Sociali ai seguenti numeri: 031.252228 o 031.252061 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00.
Scarica qui il modulo da compilare e l’avviso avvisomodulo SOLIDARIETA’ ALIMENTARE
– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
Sono pervenute in queste settimane diverse manifestazioni di interesse da parte di cittadine, cittadini e associazioni di categoria, finalizzate a sostenere le attività comunali per la gestione dell’emergenza coronavirus. L’Amministrazione ha registrato con grande piacere questa testimonianza di vicinanza, espressione di grande e tangibile solidarietà nei confronti di quanti sono purtroppo già in grande difficoltà oppure potranno esserlo in futuro. In questo senso sta già operando con provvedimenti di concreto sostegno anche nei confronti dei soggetti più bisognosi.
Ferma restando quindi l’attenzione che in questo momento meritano innanzitutto gli ospedali e l’intero settore della Sanità, le strutture e le organizzazioni che ospitano e gestiscono le persone fragili, le residenze socio assistenziali e tutto il sistema del volontariato, anche il Comune di Como si propone di intercettare donazioni di denaro o di beni da dedicare a questa emergenza.
Per poter contribuire concretamente è già possibile versare sul CC n. 12946224 intestato a Comune di Como- Servizio Tesoreria indicando nella causale: emergenza covid-19.
IBAN: IT 96 M 07601 10900 000012946224  – Poste Italiane Spa
In questo caso, a secondo dei progressivi bisogni, gli introiti saranno destinati a discrezione dell’Amministrazione in base alle necessità contingenti al Settore Servizi Sociali o al Settore Protezione Civile.
Se si volesse finalizzare più espressamente il proprio versamento (ordinanza della Protezione Civile 658 del 2020) è prevista anche un’altra opzione ed in tal caso sarà necessario indicare nella causale: emergenza covid-19 per solidarietà alimentare.
Le donazioni beneficiano delle agevolazioni fiscali previste dall’art. 66 del DL 18/2020.
Per le donazioni di beni e generi di consumo contattare il Centro Operativo Comunale via mail: coc.como@comune.como.it

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Il settore Ambiente del Comune di Como, in collaborazione con Aprica Spa, effettuerà un servizio di raccolta degli scarti vegetali che risultano dalla pulizia dei giardini o dal taglio dell’erba, escluse le potature di alberi. Il servizio, gratuito e a domicilio, è rivolto esclusivamente ai cittadini che hanno l’esigenza di smaltire gli sfalci del proprio giardino e non possono recarsi in piattaforma ecologica, chiusa per emergenza epidemiologica.

I cittadini che desiderano prenotare il ritiro possono fare richiesta chiamando il numero 031 252367 dalle ore 9:00 alle ore 14:00 dal lunedì al sabato.

Gli sfalci o scarti vegetali dovranno essere collocati, a scelta dei cittadini, dentro sacchi a perdere di qualsiasi colore di capacità massima litri 110 (pari alle dimensioni degli attuali sacchi gialli per la plastica e trasparenti per l’indifferenziato) oppure all’interno dei bidoni carrellati normalmente utilizzati per la carta e per il vetro.
Il servizio è garantito fino al raggiungimento del limite di capacità organizzative e di capienza dei mezzi di Aprica; eventuali richieste ulteriori saranno messe in coda in ordine cronologico di arrivo.
– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
La Giunta comunale ha deliberato di esonerare i nuclei familiari dal pagamento delle rette nei nove asili nido comunali per il mese di marzo 2020. Il provvedimento interessa le famiglie di 318 bambini iscritti. L’iniziativa è stata proposta dagli assessori alle Politiche educative Alessandra Bonduri e al Bilancio Adriano Caldara, in accordo con il sindaco Mario Landriscina, per contribuire a sgravare economicamente le famiglie in questo momento di difficoltà per tutti. Le restanti decisioni verranno prese successivamente, con l’evolversi della situazione sanitaria.
– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Più informazioni su