Un sacco di truffatori ancora in agguato in piena emergenza: metteteli alla porta! foto

Ultimo tentativo di raggiro oggi ad Albese. Ma anche a Lomazzo, Albate e Colverde hanno cercato di colpire. Anche in tuta bianca.

L’ultima segnalazione arriva dal centro di Albese questa mattina. Una persona con mascherina in volto ha cercato di farsi aprire la casa di una pensiuonata con la scusa di effettuare dei tamponi per il coronavirus. Scusa, ecco il termine giusto. Perchè – e lo ripetiamo a chiare lettere – nessuno è autorizzato a fare una cosa simile se non dopo avere chiamato il 112 o il numero regionale di riferimento per questa emergenza sanitaria. IN caso contrario nessuna persona – anche se si spaccia per medico, infermiere o appartenente a qualsiasi associazione di volonatariato e nopn – può bussare a casa vostra e chiedere di fare questo controllo. NOn è previsto. E chi lo fa è chiaramente un truffatore o cerca di raggirare la persone che si trova di fronte.

 

Dicevamo, l’ultimo caso stamane ad Albese dove il truffaldino è stato messo alla porta. La figlia della malcapitata presa di mira non ha aperto e lo ha fatto ben presto desistere. Lui se n’è andato quando ha capito che non avrebbe potuto entrare in alcun modo. Brava la figlia della proprietaria che lo ha allontanato con fermezza. Ma questo non è il solo episodio di questo periodo. In un paio di occasioni segnalati anche truffatori con tuta bianca e mascherina. Gli episodi tra Lomazzo, Albate e Colverde. A quanto risulta, nessuno è riuscito ad entrare in casa. Rabbia e tanto sconcerto perchè in questo periodo i loro modi diventano davvero odiosi. Voi siste avvisati ed allertati anche i vostri genitori: NESSUNO PUO’ BUSSARE ALLA VOSTRA PORTA PER FARE IL TAMPONE PER IL COVID 19.