Vede i poliziotti e scappa dalla finestra: abbandona la droga e si frattura il tallone foto

La disavventura di un 26enne. E' stato arrestato dopo qualche giorni, trovato a casa di un amico dolorante. In manette anche la compagna.

Blitz della polizia di Como che ha eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di M. G., cittadino italiano di 26 anni residente in provincia: è accusato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio in concorso. Nei giorni scorsi, nell’ambito di specifici servizi di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, il personale della Squadra Mobile della Questura di Como ha effettuato, di iniziativa una perquisizione a casa dell’uomo riscontrando, nella circostanza, che la compagna, accortasi della presenza degli agenti nelle scale del condominio, ha urlato al compagno di scappare. Il ragazzo, chiusa la porta d’ingresso e lanciandosi da una finestra prima che gli operanti potessero bloccarlo,  è riuscito a darsi alla fuga e a far perdere le proprie tracce.

Nel corso della perquisizione, i poliziotti hanno rinvenuto, occultato in un vano ricavato in una scala in legno che collega i due livelli dell’appartamento, un borsone con all’interno quasi 6 chili di hashish, oltre a materiale per il confezionamento delle dosi e un bilancino di precisione. Gli agenti hanno, dunque, tratto in arresto la compagna del fuggitivo proseguendo incessantemente le ricerche di lui: nei suoi confronti, nel frattempo, era stata emessa la misura della custodia cautelare in carcere.

Nella giornata di ieri, i poliziotti lo hanno trovato in un appartamento a Como, dove aveva trovato rifugio aiutato da un suo conoscente, anche questo noto pregiudicato, a sua volta denunciato in stato di libertà per il reato di favoreggiamento personale.

La fuga dalla finestra non è stata priva di conseguenze per l’arrestato in quanto, nell’impatto con il suolo, ha riportato una importante frattura del tallone destro per la quale, prima di essere portato alla casa circondariale di Como, è stato condotto all’ospedale per le cure del caso. Ora è in cella.