Quantcast

Pedaggio a sorpresa sulla Pedemontana, la denuncia di Striscia la notizia

Il conto può arrivare a casa anche per gli utenti del Telepass – Il gestore: nessuna maggiorazione

La Pedemontana – autostrada che fa capo alla Milano-Serravalle – ha mandato in archivio il pagamento al casello e si è inventata un sistema più moderno che si chiama “free flow”. Quasi sempre funziona benissimo, ma è sul quel “quasi” che c’è ancora da lavorare. Così Striscia la notizia, il popolarissimo programma di Canale 5, ha colto al volo l’occasione ed è andata a vedere in diretta quello che succede tra Varese e Bergamo, mettendo alla prova i sistemi dell’autostrada che devono leggere la targa dell’auto oppure connettersi con il Telepass.  E si è resa conto dell’inconveniente che molti automobilisti che viaggiano in questa zona già conoscono.

 

Il sistema “free flow” permette di rilevare automaticamente il numero di targa del veicolo oppure la presenza del Telepass in modo che l’utente possa poi decidere di pagare il pedaggio come preferisce: online, tramite app, attraverso addebito sul conto bancario. Non ci sono più le barriere tradizionali sull’autostrada: invece dei caselli, questo sofisticato sistema di telecamere effettua le rilevazioni e consente di attivare queste diverse modalità di pagamento.

Tutto bene allora? Fino a un certo punto perché può anche succedere che qualcosa in questo sistema così tecnologico si inceppi, e l’automobilista che, ad esempio, pensa di aver e già pagato con il Telepass riceve poi una richiesta di pagamento del pedaggio da parte di Pedemontana, per giunta con una maggiorazione di 3,5 euro per mancato addebito. Insomma, oltre al danno anche la beffa.

Sugli altri 6.000 chilometri di reti autostradali nel resto d’Italia, il Telepass non dà alcun problema e viene utilizzato regolarmente, da anni, dai vari gestori come sistema di pagamento del pedaggio. Sulla Pedemontana la precisione del “free flow” è costantemente migliorata e gli intoppi colpiscono percentuali sempre minori di utenti. Per quei pochi che senza colpa si ritrovano coinvolti, comunque, il gestore dell’autostrada ha dichiarato a Striscia che è possibile effettuare il pagamento senza la maggiorazione e che il problema è in corso di soluzione.