Comonuoto Recoaro, non basta super-Pellegatta per fermare la capolista Metanopoli foto

Il capitano ne fa sei, ma i lariani non riescono a fermare la prima della classe. La loro partenza davvero bruciante

Comonuoto Recoaro – Metanopoli   13-15

(parziali 2-5, 2-4, 5-4, 4-2)

Como Nuoto: Viola, Bet, M. Bianchi, Lepore, Zanetic 1, A. Bianchi, Beretta 1, Gennari 1, Cardoni, Pellegatta 6, Bulgheroni, Fusi 2, Cassano 2. All. Zimonjic.
Metanopoli: F. Ferrari, Ciardi 1, A. Brambilla 2, Susak 2, A. Di Somma 1, Baldineti 4, A. Caliogna 2, F. Brambilla 1, Caravita, Busilacchi 1, Gobbi, N. Gitto 1, Mellina Gottardo. All. Mammarella.
Arbitri: Giacchini e Licari.
Superiorità numeriche: Como Nuoto 6/14 + due rigori, Metanopoli 5/8 + un rigore.
Note: espulso per proteste Zanetic (C) nel quarto tempo. Usciti per limite di falli Susak (M), Di Somma (M) e Gitto (M) nel terzo tempo.
Continua la corsa a punteggio pieno della San Donato Metanopoli Sport (pallanuoto maschile A2) che, sempre avanti, nel punteggio supera la Como Nuoto Recoaro 15-13 dopo una gara intensa. Parte forte la Metanopoli: al cambio campo (grazie ad un break di +6 a cavallo fra fine primo e inizio secondo quarto) il tabellone segna 9-4. Le formazioni avanzano punto a punto fino al 14-9 di inizio ultima frazione, quando Pellegatta e Fusi avvicinano i lariani con il -3. Baldineti firma la quindicesima rete per gli ospiti, Pelegatta – con una doppietta – chiude l’incontro 15-13.
Bella prova di carattere dei ragazzi del presidente Bulgheroni contro una avversaria molto forte. Non è bastata la prestazione super del capitano Pellegatta (sei reti) per cercare di fermare la capolista. Si è giocato alla piscina di Monza per l’ormai nota indisponibilità di quella di Muggiò