Quantcast

Tutte gli appuntamenti per il Giorno della Memoria

Più informazioni su

Molte le iniziative che il Comune di Como ha organizzato per il Giorno della Memoria 2020 di lunedì 27 gennaio, già ieri nell’auditorium del Conservatorio Giuseppe Verdi, Enzo Fiano, presidente del Conservatorio e figlio di un sopravvissuto deportato ad Auschwitz ha tenuto un incontro/testimonianza.

La celebrazione ufficiale della “Giornata della Memoria” a Como avverrà domani, alle ore 10, presso la biblioteca comunale Paolo Borsellino (piazzetta Venosto Lucati 1), con la partecipazione delle autorità e il contributo dell’Istituto di Storia Contemporanea Pier Amato Perretta, del Centro Studi Schiavi di Hitler, dell’I.T.I.S. Magistri Cumacini e della Consulta Provinciale degli studenti. Nel corso della cerimonia, Il Sindaco Mario Landriscina consegnerà una “pietra d’inciampo” nelle mani del nipote del cittadino comasco Aldo Raffaello Pacifici, deportato e morto ad Auschwitz nel 1944.

Sempre in biblioteca, ma alle ore 15.30, “L’eccidio di Cefalonia e il contributo dei militari italiani alla Resistenza”, incontro con Giuseppe Calzati, presidente dell’Istituto di Storia contemporanea Pier Amato Perretta e Costantino Ruscigno, presidente della Fondazione europea Cefalonia Corfù.

L’eccidio di Cefalonia fu un crimine di guerra compiuto da reparti dell’esercito tedesco a danno dei soldati italiani presenti su quelle isole alla data dell’8 settembre 1943, giorno in cui fu annunciato l’armistizio di Cassibile che sanciva la cessazione delle ostilità tra l’Italia e gli anglo-americani. .I soldati italiani si opposero al tentativo tedesco di disarmarli. I combattimenti, durati diversi giorni, si conclusero con la resa incondizionata alla quale i tedeschi risposero con un massacro di massa..

Altri momenti di ricordo e riflessione a 75 anni dall’abbattimento dei cancelli di Auschwitz sono in programma in città:

i sindacati dei pensionati di Como, unitariamente, hanno organizzato la proiezione gratuita del film “Un sacchetto di biglie”. L’appuntamento è lunedì 27 alle 15  a La Lucernetta in piazza Medaglie d’Oro.  L’ingresso è libero. La visione del film sarà preceduta da un intervento di Grazia Villa, esponente dell’associazione “La rosa bianca”. Saranno presente i segretari provinciali dei sindacati pensionati.

Il film, prodotto nel 2017,  racconta il sorprendente viaggio di due fratellini di origine ebrea, attraverso la Francia degli anni Quaranta,
occupata dai nazisti.  Il film segue i due bambini nella loro fuga da Parigi alla ricerca di un rifugio definitivo, mostra senza filtri le insormontabili difficoltà che affrontano lungo il percorso e come, con un’incredibile dose di astuzia, coraggio e ingegno riescono a sopravvivere alle barbarie naziste e a ricongiungersi finalmente alla loro famiglia.
Una nuova opera utile ma anche abile che racconta gli orrori della guerra, il razzismo, l’oppressione, l’Olocausto, dal punto di vista dei bambini.
Sempre lunedì  circa 200 studenti del Liceo classico e scientifico Volta di Como assisteranno a un doppio reading, ideato dall’attore e regista teatrale Christian Poggioni col contributo storico e filosofico del prof. Mario Porro.
I due reading sono pensati per due fasce di pubblico: gli studenti del primo biennio ascolteranno la voce di Elie Wiesel attraverso la lettura di passi del memoriale “La Notte”, mentre il triennio approfondirà la conoscenza della problematica dell’assenza di Dio nei lager, seguendo il percorso di Primo Levi.

Più informazioni su