Parodi+Casella: grandi manovre in Officina della Musica.Presentato un programma caldissimo foto

Musica, batti un colpo se ci sei…a Como. Tante volte invocata e mai veramente arrivata buona, abbondante e, soprattutto continuativa. Sembra che il 2020 parta aprendo i rubinetti, ma che dico, le chiuse (da tempo immemore chiuse), dei concerti di qualità, e quello di sabato sera dei GANG a L’Officina della Musica è solo il primo colpo di una stagione che porterà sul palco del locale di via Giulini una bella squadra di cantautori italiani: Bobo Rondelli, Baccini, Garbo, giusto per citarne alcuni, e una robusta rappresentanza di artisti internazionali, su ttutti James Maddock, Doug Seegers, Jono Manson e Jason Crosby.

E tutto questo nei prossimi quattro mesi. Mai visto un programma così, merito del matrimonio, artistico, tra Cecilia Casella, direttrice artistica de l’Officina, e Andrea Parodi, musicista, discografico e promoter con anni di esperienza alle spalle. Non temo smentite nell’affermare che a Como città non si è mai visto un’offerta così qualificata e varia che, oltretutto, si affianca al già corposo calendario del locale che comprende jazz, pop, storytelling oltre a presentazioni librarie e altro ancora.

La  stagione 2020 de L’Officina della Musica è stata presentata oggi e parte, appunto dai GANG e non solo per il concerto di sabato 11 gennaio, ma anche dal titolo di un loro disco “Storie d’Italia” che dà il nome ad una rassegna che abbina le città ai cantautori, le canoni alla cucina. Dopo la serata marchigiana, infatti toccherà all’inedita coppia Bobo Rondelli e Igor Protti (sabato 25 gennaio) rendere omaggio alla città di Livorno. Una serata che si preannuncia tra le più attese e che conquisterà i fortunati spettatori con il caciucco, le canzoni, la comicità di Bobo Rondelli e le storie epiche di Protti, calciatore entrato nella leggenda e soprattutto nei cuori di tutti i livornesi. Racconta Parodi: “Igor Protti mi ha detto: Sei sicuro di volerla fare proprio a Como? Mi odiano lì. E non è solo una rivalità calcistica, c’è molto altro dietro, con la benzina gettata sul fuoco da un altro livornese, Paolo Virzì nel film il Capitale Umano in cui si denunciava la chiusura del Cinema Astra come paradigma dell’impoverimento delle coscienze delle persone”.

Dopo Livorno le Storie d’Italia proseguiranno tra Genova, Modena, Milano e con tappe al Sud ancora da costruire, tra i nomi già confermati c’è anche quello di Francesco Baccini che si esibirà in un concerto esclusivo pianoforte e voce venerdì 28 febbraio. Francesco Baccini è stato ospite di eventi organizzati da Parodi, già direttore artistico di importanti festival di successo come il Buscadero Day, il Townes Van Zandt International Festival e Storie di Cortile, che chissà non arrivi finalmente a Como la prossima estate anche grazie a questo nuovo percorso. “Lavorare su un cartellone di eventi così importanti a Como è una sfida molto stimolante – dice Andrea – L’Officina della Musica è un locale importante, con un bel palco, un meraviglioso pianoforte e l’acustica è ottima. In autunno abbiamo fatto due esperimenti prima di lanciarci in questa grande avventura. Il concerto di Eric Andersen con Scarlet Rivera è stato un grande successo e anche i musicisti erano felicissimi. Credo che il pubblico per la musica di qualità esista già, dobbiamo solo compattarlo, dargli un’identità, fidelizzarlo, rafforzare la scena. E questa è una sfida che va oltre la musica, per questo mi affascina ulteriormente. Sono orgoglioso di portare la mia esperienza e il mio entusiasmo in un locale che ogni mese ospita l’associazione di Welcome Refugees. La musica può aiutare a muovere le coscienze e i primi tre concerti del 2020 non sono casuali. Si parte coi Gang, che sono il più coerente gruppo di protesta di sempre in Italia e canteranno in anteprima una canzone che si chiama “Natale a Como”, un grido di lotta contro le discriminazioni, che racconta della chiusura dei dormitori in città e del divieto di elemosinare nel periodo natalizio per motivi di decoro.  Tutto questo ha un senso ben preciso, vogliamo rispondere con la cultura e la sensibilizzazione a quello che ci sta succedendo intorno. Particolarmente significativo è il terzo concerto di gennaio, che ospiterà un vero homeless di Nashville, diventato una star in Svezia. La meravigliosa favola di Cindarella Man”.

Doug Seegers, Cindarella Man, si esibirà lunedì 27 gennaio in versione full band e inaugurerà un’altra rassegna, quella appunto dei lunedì internazionali in collaborazione con la storica rivista Buscadero e con l’etichetta discografica Appaloosa specializzata in folk e rock americano che ad ogni concerto metterà in palio una lotteria di cd per il pubblico. Quando Doug Seegers è stato scoperto per caso dalla TV svedese, viveva sotto un ponte di Nashville. La sua
canzone Going Down to The River è balzata in vetta a tutte le classifiche e ha altre 5 milioni di visualizzazioni su Youtube. La data di Como è l’ultima del tour italiano di Seegers che si aprirà a Roma in diretta da Radio Rai con Luca Barbarossa.

“L’appuntamento con Doug Seegers è sicuramente tra i più prestigiosi dell’anno – commenta Cecilia Casella de L’Officina della MusicaAvevo seguito la sua storia sui quotidiani nazionali e avevo visto anche un servizio su Sky. Sarà un concerto molto emozionante. E’ straordinario  ospitare  personaggi  di  questo  calibro,  penso  anche  a  Scarlet  Rivera,  violinista  leggendaria di Bob Dylan, ma credo che Como si meriti questo. Cercheremo di trovare sinergie con gli hotel più importanti per intercettare anche i turisti, questa rassegna internazionale ci offre una grande opportunità in questo senso”.

Ai  lunedì  internazionali  dell’Officina  della  Musica  farà  capolinea  anche  Bocephus  King  (10  febbraio) che presenterà il suo nuovo disco The Infinite & The Autogrill accompagnato da tutta la band e dal grande polistrumentista Mario Arcari (Ivano Fossati, Fabrizio De Andrè). Lunedì 17 febbraio sarà il turno invece di Jono Manson, musicista e produttore che arriva da Santa Fe, cugino dei fratelli Coen (Il Grande Lebowsly, Non è un Paese per Vecchi). Anche Jono arriverà con un disco nuovo, bellissimo, Silver Moon, in cui suonano personaggi del calibro di Warren  Haynes,  Joan  Osborne,  Terry  Allen  e  Jason  Crosby,  fisarmonicista  e  violinista  dei  Grateful Dead che troveremo con lui sul palco di Como.

Il cartellone dei lunedì internazionali è molto ricco e si aggiungeranno altri appuntamenti, ma da  segnare  subito  in  agenda  sono  il  9  marzo  con  Thom  Chacon  e  il  20  aprile  con  James  Maddock che sarà accompagnato da Brian Mitchell, Alex Valle, chitarrista di Francesco De Gregori e dalla star David Immerglück, membro fondatore dei Counting Crows.

officina della musica

Queste sono le novità portate dalla collaborazione con Andrea Parodi che vanno a completare un cartellone già di altissimo livello del quale segnaliamo il doppio concerto dei Sulutumana il  20  e  il  21  di  gennaio,  l’omaggio  a  Gaber  di  Federico  Sirianni  (1  febbraio)  oltre  alle  rassegne già consolidate, come la Young Jazz Room, che va in scena un giovedì al mese e lo straordinario percorso su Fabrizio De Andrè a cura del giornalista e critico musicale Alessio Brunialti: Tutto Faber, disco per disco ogni primo mercoledì del mese, dalle Nuvole barocche degli esordi alla Smisurata preghiera dell’ultimo album. Siamo arrivati alla take 6, Storie di un impiegato, in programma mercoledì 15 gennaio. Sempre Alessio Brunialti un mercoledì al mese cura la rassegna Serata d’onore, dove i cantautori si raccontano, non soltanto attraverso la musica. Il prossimo appuntamento è il 22 gennaio con Garbo.

officina della musica

Trovo  sia  molto  importante  lavorare  non  solo  sui  contenuti  ma  anche  sulle  idee  e  sulle  rassegne – aggiunge Andrea Parodi – Questo aiuta a rafforzare l’identità del pubblico, a farlo affezionare  a  un  percorso  e  non  al  solo  concerto  o  artista.  Ho  conosciuto  cantautori  meravigliosi in giro per l’Italia e voglio che trovino un pubblico speciale quando verranno qui a  suonare.  Questa  cosa  va  costruita  e  l’Officina  della  Musica  è  un  locale  versatile  e  aperto  a  queste  idee,  capace  di  accogliere  la  grande  musica  interazionale  ma  anche  quella  dei cantautori, il jazz e poi c’è questo valore aggiunto della cucina che mi entusiasma”. 
IL PROGRAMMA:
STORIE D’ITALIA
Viaggio nella canzone d’autore e nella cucina italiana

sabato 11 gennaio THE GANG
sabato 25 gennaio BELLA LIVORNO con BOBO RONDELLI e IGOR PROTTI
domenica 23 febbraio GENOVA PER NOI con MAX MANFREDI e NICOLA ROLLANDO venerdì 28 febbraio LE DONNE DI MODENA con FRANCESCO BACCINI

BUSCADERO LIVE
I lunedì internazionali in collaborazione con BUSCADERO e APPALOOSA RECORDS

Lunedì 27 gennaio DOUG SEEGERS BAND Lunedì 10 febbraio BOCEPHUS KING BAND
Lunedì 17 febbraio JONO MANSON + JASON CROSBY Lunedì 2 marzo CHRIS BUHALIS
Lunedì 9 marzo THOM CHACON
Lunedì 20 aprile JAMES MADDOCK + DAVID IMMERGLUCK (COUNTING CROWS) + BRIAN MITCHELL + ALEX VALLE
Lunedì 25 maggio LEVI PARHAM

RASSEGNA YOUNG JAZZ ROOM
UN GIOVEDI’ AL MESE

SERATA D’ONORE
A CURA DI ALESSIO BRUNIALTI UN MERCOLEDI AL MESE

mercoledì 22 gennaio GARBO

Lunedì 20 gennaio e martedì 21 gennaio i SULUTUMANA

Sabato 1 febbraio FEDERICO SIRIANNI canta GABER

Sabato 4 aprile LUCA MACCIACHINI – musica e cabaret milanese