Quantcast
71° CONCORSO ASLICO: la storia, i semifinalisti, la giuria, in attesa della finale di domani - CiaoComo
Como

71° CONCORSO ASLICO: la storia, i semifinalisti, la giuria, in attesa della finale di domani

concorso aslico
&nbsp

Al Teatro Sociale è in corso da qualche giorno il 71° Concorso AsLiCo per giovani cantanti lirici. Lo scopo di As.Li.Co., Associazione Lirica e Concertistica, è di selezionare giovani cantanti europei emergenti, fornendo un percorso di formazione di alto livello, e l’opportunità di debuttare nei più importanti teatri Italiani. Ogni anno vengono selezionati centinaia di giovani cantanti provenienti da tutta l’Europa che giungono a Como dove una qualificatissima giuria li valuterà per accedere alla fase finale del concorso che, tradizionalmente, è nel giorno dell’Epifania. Ai vincitori verranno assegnati i ruoli principali della stagione lirica e in altri progetti di AsLiCo così che ciascun cantante avrà modo di arricchire la propria esperienza cantando nei piu importanti teatri della Lombardia: Como, Cremona, Bergamo, Brescia e Pavia. Nel 2019, ad esempio,  gli artisti scelti hanno debuttato ne L’elisir d’amore di Donizetti, La Traviata di Verdi, nel Guglielmo Tell di Gioachino Rossini e ne La Sonnambula di Vincenzo Bellini.

&nbsp

Il Concorso AsLiCo è tra i più antichi e prestigiosi in Europa, fondato nel 1949 dal senatore Giovanni Treccani degli Alfieri con il preciso compito di «aprire la via ai giovani studiosi forniti di adeguate doti naturali a mezzo del Teatro sperimentale», è presieduto da una giuria internazionale che annovera sovrintendenti e direttori artistici di tutta Europa, negli ultimi 70 anni ha consacrato da Carlo Bergonzi ad Anita Cerquetti, da Angelo Loforese a Renata Scotto, da Luigi Alva a Piero Capuccilli, da Mirella Freni a Maria Chiara, da Giorgio Zancanaro a Katia Ricciarelli, da Carlo Colombara a Giuseppe Sabbatini, per citare solo alcuni dei tanti nomi, che videro, con il concorso AsLiCo, l’avvio di una carriera brillante.

&nbsp

concorso aslico

&nbsp

La giuria di quest’anno annovera: Dominique Meyer (Presidente), Direttore Wiener Staatsoper (Vienna) e Sovrintendente Teatro alla Scala di Milano; Fiorenzo Grassi, Direttore Artistico Fondazione Teatro Fraschini (Pavia); Giovanna Lomazzi, Vicepresidente Teatro Sociale di Como/ AsLiCo; Eleonora Pacetti, Direttore Young Artist Program Teatro dell’Opera di Roma; Paolo Pinamonti, Direttore Artistico Teatro di San Carlo, Napoli; Susanne Schmidt, Direttore Artistico e Casting Manager Bregenzer Festspiele; Alberto Triola, Direttore Artistico Festival della Valle d’Itria di Martina Franca; Giovanni Vegeto, Direttore Generale Teatro Sociale di Como/ AsLiCo; Stefano Vizioli, Direttore Artistico Fondazione Teatro Verdi di Pisa.

La giuria non solo è chiamata a valutare il talento dei giovani partecipanti, ma nei mesi a seguire sovente offre a finalisti e vincitori opportunità importanti, debutti in vari teatri internazionali e in ruoli consoni alle loro caratteristiche vocali.

Bello ascoltare i ricordi toccanti di ogni commissario: “Sono stato chiamato membro della commissione giudicatrice del Concorso AsLiCo negli anni Novanta.” Afferma Dominique Meyer, Sovrintendente del Teatro alla Scala di Milano “All’epoca il concorso si svolgeva a Milano – tra il conservatorio e il Ridotto dei Palchi del Teatro alla Scala. Vi sono tornato quasi ogni anno, il primo periodo come membro e successivamente come presidente della giuria. Il trasferimento del concorso a Como ebbe un effetto molto positivo: Il Sociale è un posto meraviglioso ed ha un’acustica di grande qualità. Inoltre, in una grande città come Milano la giuria aveva la tendenza a disperdersi dopo le prove: per assistere a recite, incontrare amici e colleghi ecc. Invece a Como la giuria rimane quasi sempre riunita. In questo modo si è sviluppata nel corso degli anni un’atmosfera familiare. Bruno Dal Bon, Carlo Peruchetti, Giovanna Lomazzi, Barbara Minghetti, Giovanni Vegeto e Fedora Sorrentino sono diventati carissimi amici. E poi ho avuto la fortuna di conoscere tanti colleghi italiani e stranieri che fanno parte della commissione. Il concorso, che peraltro ritengo essere ottimamente organizzato, mi ha permesso di conoscere tanti cantanti di alto livello. Non posso dimenticare, per esempio, la prima apparizione di Ambrogio Maestri o di Valentina Naforniţă, con i quali ho successivamente lavorato spesso. Non vi è nulla che dia più soddisfazione, nel nostro mestiere, che scoprire un interprete nuovo di cui si può scommettere che porterà avanti l’arte lirica che ci è tanto cara ed importante. In questo senso, e non solo, l’AsLiCo è un’organizzazione molto importante perché ci permette di scoprire questi giovani talenti. E oltre a ciò consente loro nell’ambito delle recite organizzate dai teatri del circuito lombardo la possibilità di fare i primi passi della difficile carriera da cantante lirico.”

“Dal 2003, per molti anni sono stato in giuria al Concorso AsLiCo, sino al 2008, e quest’anno, dopo 12 anni, sono felice di tornarvi.” Afferma Alberto Triola, Direttore Artistico del Festival della Valle d’Itria “Il concorso è adesso ancora più internazionale ed articolato: i giovani vengono valorizzati, a loro viene offerto più spazio e hanno molte più chances. La grande novità che mi ha colpito è la sezione voci emergenti, non legata a ruoli specifici, ed è significativo che numerosi siano i candidati provenienti da Paesi extra europei, e ciò avviene per un prestigio internazionale e un’autorevolezza, consolidatisi nel tempo e nei 70 anni di storia dell’AsLiCo. Ascolto ogni voce con grande attenzione, anche per poter capire quali possano essere i talenti da invitare all’Accademia del Belcanto Rodolfo Celletti di Martina Franca, promossa e organizzata dalla Fondazione Paolo Grassi, in collaborazione con il Festival della Valle d’Itria, nata con l’obiettivo di fornire un’alta formazione ai giovani cantanti lirici, nell’interpretazione del repertorio barocco e belcantistico. Mi farebbe piacere poter dare ad alcuni dei partecipanti della 71sima edizione del Concorso AsLiCo, questa opportunità.”

“Centinaia sono i giovani cantanti, provenienti da tutto il mondo, che si sono presentati alle selezioni per questa 71sima edizione del Concorso AsLiCo.” Afferma Eleonora Pacetti, Direttore Young Artist Program Teatro dell’Opera di Roma “È emozionante vedere come tutti i partecipanti siano estremamente determinati a voler fare nella vita, ciò per cui hanno studiato. Sono come degli atleti che si preparano alle Olimpiadi. E questo concorso è per loro come una competizione sportiva: vincere può dare una svolta alla loro carriera. La loro grinta e la loro determinazione
dimostrano come la lirica non sia morta, anzi! Come sia un’industria molto attiva e sempre più viva. Lo dimostrano i numeri al di là della poetica. Basti pensare che per le ultime selezioni, che svolgo a Roma ogni due anni, per Fabbrica Young Artist Program Teatro dell’Opera di Roma, per soli 15 posti quasi 700 sono stati i candidati. Il clima del Concorso AsLiCo è sempre molto bello, dato sia dalla sintonia che si instaura tra noi giurati, sia dall’emozione e dalla speranza che queste giovani voci trasmettono.”

“Per il secondo anno consecutivo sono tra i giurati del concorso AsLiCo” Afferma Paolo Pinamonti, Direttore Artistico del Teatro di San Carlo di Napoli “un concorso che ha acquisito e consolidato un posizionamento internazionale, sia per come è composta la giuria sia per i partecipanti, che provengono da tutto il mondo. La qualità dei giovani cantanti è oggi una qualità sicuramente alta ed è arduo selezionare chi far avanzare in questi giorni di eliminatorie. La caratteristica che trovo essere nelle corde di AsLiCo, e tra le più innovative, è la selezione delle voci per le produzioni di Opera domani, una sezione del concorso volutamente legata ai giovani interpreti, che così possono iniziare una carriera non facile.”

“È la seconda volta che il Festival di Bregenz co-produce un allestimento di Opera domani con il Teatro Sociale di Como / AsLiCo.” Afferma Susanne Schmidt, Direttore Artistico e Casting Manager Bregenzer Festspiele “La prima volta avvenne due anni fa con Carmen, la stella del circo, ora avviene con Rigoletto. I misteri del teatro, che debutterà il prossimo 15 febbraio a Como. Inutile dire che per Carmen fu un successo, con le scuole, i bambini, la stampa, con la nostra orchestra regionale che ha seguito la produzione e aiutato a svolgere la didattica nelle scuole. Si tratta di
una piattaforma con idee e approcci sempre innovativi e la reazione del pubblico fu sorprendente. È  la quarta volta che mi trovo a far parte della giuria del concorso AsLiCo. Il livello è misto ma buono ed è interessante poter ascoltare tante voci italiane, cosa che non avviene sovente. Spero di poter trovare dei giovani non solo per le produzioni di Opera domani, ma anche per altri nostri progetti.”

“Per la quindicesima volta faccio parte della Commissione del Concorso Aslico.” Afferma Giovanni Vegeto, Direttore Generale del Teatro Sociale di Como / AsLiCo “In questi tre lustri, dei quasi 3.000 cantanti che si sono presentati, molti frequentano abitualmente i maggiori teatri del mondo. La nostra piccola e grande soddisfazione è aver contribuito a sostenere questi talenti nella fase più delicata e incerta della loro carriera, quella iniziale, dando loro fiducia e la possibilità di esprimere le loro qualità. Le qualità artistiche che ogni anno ritroviamo nei giovani cantanti che si presentano al concorso (quest’anno quasi 200), rafforzano in noi la certezza e infondono nuova speranza che la lirica, e l’arte del belcanto in particolare, verranno traghettate, con sempre nuova linfa vitale, in buone mani.”

“Il livello del concorso AsLiCo è cresciuto nel tempo e continua a crescere. Sovente alle selezioni si presentano cantanti che già hanno cantato nel coro o hanno seguito i Teatri del circuito di OperaLombardia-” Afferma Fiorenzo Grassi, Direttore Artistico Fondazione Teatro Fraschini di Pavia “è una grande soddisfazione vederli crescere e presentarsi a questa competizione internazionale.
Essere in giuria è un’esperienza faticosa, soprattutto nel corso degli anni, ma a dir poco esaltante: si ascolta tanta musica, repertori diversi, tante voci giovani, cariche di entusiasmo.
Oggi, in tutto il mondo, in tante programmazioni, ci si imbatte in finalisti o vincitori dell’AsLiCo; proprio per questo, per il successo che ha arriso a molti di loro dopo questo primo passo, possiamo affermare che i nostri Teatri, quelli del circuito di OperaLombardia, sono Teatri che portano fortuna!”

“Da tempo immemore sono commissaria nella giuria del Concorso AsLiCo” Afferma Giovanna Lomazzi, Vicepresidente del Teatro Sociale di Como/ AsLiCo, memoria storica del Concorso “posso dire di aver visto davvero tante voci emergere e iniziare una brillante carriera da qui. Ma è un compito difficile essere in giuria ed emettere un parere in così poco tempo, ascoltando appena poche arie, il pericolo è di sbagliare, di eliminare chi potrebbe meritare. Il pregio della nostra commissione è che ciascuno di noi esprime giudizi e votazioni assolutamente diversi l’uno dall’altro, per gusti musicali, per conoscenza, cultura, provenienza, e questo è un fatto positivo. Nel corso degli anni
il Concorso è mutato, si è evoluto, ha consolidato una grande autorevolezza e prestigio, ma anche i cantanti sono cambiati: ora si presentano molto più curati rispetto ad un tempo, stanno attenti ad avere presenza scenica, a curare fattori estetici che al giorno d’oggi non possono essere trascurati, anche in vista di esigenze televisive, delle agenzie pubblicitarie, di tanti fattori, non in ultimo necessità registiche, che pretendono veridicità nell’interpretare determinati personaggi.”

“Per più di vent’anni ho svolto la mia gavetta, da giovane, qui al Teatro Sociale di Como / AsLiCo, facendo davvero di tutto, dal 1981 in poi affrontando ogni mestiere: dal ruolo di comparsa all’assistente alla regia” Afferma Stefano Vizioli, Direttore Artistico Fondazione Teatro Verdi di Pisa “ho avuto dei maestri incredibili, grandi interpreti, basti pensare a Leyla Gencer, e ora, trovarmi nella giuria, ‘dall’altra parte’, è un’ emozione indescrivibile, è tornare a casa, ed il cuore rivive le palpitazioni che provavo quasi quarant’anni fa….”

Il concorso per giovani cantanti lirici AsLiCo, giunto quest’anno alla 71a edizione, tra i più antichi e prestigiosi in Europa (fondato nel 1949 dal senatore Giovanni Treccani degli Alfieri con il preciso compito di «aprire la via ai giovani studiosi forniti di adeguate doti naturali a mezzo del Teatro sperimentale» e fare «dell’attività didattica e sperimentale, teatrale e artistica, non un mestiere ma una vocazione»), negli ultimi 70 anni ha consacrato da Carlo Bergonzi ad Anita Cerquetti, da Angelo Loforese a Renata Scotto, da Luigi Alva a Piero Cappuccilli, da Mirella Freni
a Maria Chiara, da Giorgio Zancanaro a Katia Ricciarelli, da Carlo Colombara a Giuseppe Sabbatini, per citare solo alcuni dei tanti nomi, che videro, con la manifestazione AsLiCo, l’avvio di una carriera brillante.

“I numeri e le tappe di quest’anno” afferma Fedora Sorrentino, Presidente del Teatro Sociale di Como / AsLiCo “dimostrano come il concorso sia sempre più ambito dai giovani cantanti e stia consolidando un posizionamento internazionale, oltre i confini europei. A dicembre si sono concluse le preselezioni, da Como a San Pietroburgo. A questo proposito desidero ringraziare tutti i Teatri e le Iche hanno ci hanno ospitato: l’Accademia Musicale Elena Obraztsova di San Pietroburgo, il Mozarteum di Salisburgo, l’Accademia Filarmonica Romana, Sequenda a Lussemburgo, il Teatro di San Carlo di Napoli, il Teatro Massimo di Palermo, Teatri Kombëtar i Operas, Baletit dhe Ansambli Popullor di Tirana.
193 gli iscritti in tutte queste sedi (90 soprani, 49 mezzosoprani, 17 tenori, 29 baritoni, 8 bassi buffi), con un incremento del 20% rispetto alle passate edizioni.
Circa 80, coloro che sono stati ammessi alle fasi eliminatorie del concorso, che termineranno con la finale, lunedì 6 gennaio. È stato emozionante, di sede in sede, percepire l’emozione di ogni candidato, che affidava all’audizione il proprio futuro e la speranza di arrivare a Como a gennaio.”

I 34 Cantanti che hanno passato le prime fasi eliminatorie e accedono alla semifinale di oggi:

1. ANTONINI CAMILLA
2. AVAKYAN OGNAES
3. BARDERA ANTEM JAN
4. BOCKOVA LADA
5. BORGIONI VALERIO
6. BOZZO SERENA
7. CHARREL ELISE
8. CICCARONE RITA
9. COLLIA CHRISTIAN
10. COMBATTELLI MARIA RITA
11. COMES ALBERTO
12. COOLS LOES
13. DAZZINI GUIDO
14. DEMUROVA KARINA
15. DI CAPRIO RAFFAELLA
16. GALLIFOCO GESUA
17. GAUDENZI MARA
18. GERVASONI ANDREA
19. GIUGA GIANNI LUCA
20. GU WENMENG
21. MANGNARELLO VITTORIA
22. MANCINI OMAR DOMENICO CARLO
23. MARTELLA PIERPAOLO
24. MELDOLESI CATERINA
25. MIATTO ALBELDAS ARLENE
26. MOLLICA MATTEO ANDREA
27. MUNGUÍA GILLEN
28. PLUDA MARTA
29. ROTONDO FILIPPO
30. SANZA SABRINA
31. SAVINI DIEGO
32. SEGHERS VERONIKA
33. TIROTTA CHIARA
34. VERNA ALESSIO
Ricordiamo che i vincitori del concorso saranno seguiti da AsLiCo per tutto un anno, fino al debutto nei rispettivi ruoli, con masterclass di canto tenute dall’AsLiCo Academy.

Finale: 6 gennaio, ore 15.30. Ingresso libero con ritiro obbligatorio del biglietto omaggio presso la Biglietteria del teatro

La manifestazione si svolge d’intesa con il circuito di Opera Lombardia (a Fondazione Donizetti di Bergamo, il Teatro Grande di Brescia, il Sociale di Como, il Ponchielli di Cremona e il Fraschini di Pavia) e la Fondazione Teatro alla Scala di Milano, con il patrocinio del Ministero per i Beni Culturali, Regione Lombardia e Fondazione Cariplo.

commenta