Lotta alla prostituzione sulle strade, anche Castelnuovo in prima fila: controlli e multe foto

Cartelli, telecamere, più agenti di polizia locale: scatta l'offensiva di questo centro dell'olgiatese, da sempre alle prese con questo fenomeno.

Più informazioni su

L’annuncio è in bella evidenza sulla pagina del sito comunale e di Facebook. In evidenza come i cartelli che ora vengono affissi in tutte le strade del paese. La segnalazione ci arriva – e lo ringraziamo per la sua attenzione alla nostra realtà web – dal consigliere comunale Gabriele Bosetti che ha deleghe alla sicurezza ed alla polizia locale. Anche a Castelnuovo Bozzente, uno dei paesi della zona dell’olgiatese da sempre alle prese con questo fenomeno, lotta serrata alla prostituzione in strada. Con multe severe in arrivo per i clienti della ragazze che si appartano ai lati delle strade comunali.

Ecco qui, di seguito, l’annuncio che è comparso online in queste ore e che ci ha segnalato Bosetti

 

L’Amministrazione comunale è stata ricevuta in Prefettura, in occasione della riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, per un incontro riservato, alla presenza di Prefetto, Questore e Ufficiali responsabili provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

Abbiamo così avuto l’occasione di discutere con le più alte autorità provinciali dedicate alla sicurezza, dei principali temi che coinvolgono il nostro territorio, con particolare attenzione su prostituzione, spaccio e consumo di sostanze stupefacenti, e illustrare quanto dal nostro Comune già posto in essere per arginare tali fenomeni: dal potenziamento dei corpi illuminanti di alcune aree pubbliche come il posteggio di Via Aliverti, all’aumento delle ore di servizio della Polizia Locale, con l’entrata in servizio di più agenti, dall’installazione di moderne telecamere per la sorveglianza del territorio comunale e delle auto in transito, a capienti dispositivi di immagazzinamento dati delle riprese ottenute, all’ordinanza, di recente emissione, per ostacolare il fenomeno della prostituzione.


Particolare approfondimento è stato dedicato proprio a questa ordinanza, introdotta con l’intento di impedire l’esercizio della prostituzione attraverso l’istituzione del divieto di fermata o sosta delle autovetture sulla carreggiata stradale lungo le aree maggiormente interessate al fenomeno, allo scopo di impedire la trattativa di prestazioni sessuali a pagamento e, di conseguenza, contrastare attivamente l’illecita attività di sfruttamento della prostituzione. L’ordinanza, già pubblicata sull’albo pretorio, sarà resa operativa mediante la posa nelle zone incriminate di apposizione segnaletica dedicata.


Prefetto e autorità presenti hanno garantito il fattivo supporto dei loro uffici e delle forze dell’ordine presenti sul territorio nel contrasto, anche con azioni mirate, di tali attività criminose e dei fenomeni di degrado che ne conseguono, convenendo di proseguire nel proficuo lavoro di collaborazione e informazione reciproca.
Ringraziamo il signor Prefetto e le Autorità presenti per l’opportunità offertaci e la disponibilità manifestata: un ottimo segnale di vicinanza alle necessità del territorio e di ascolto delle esigenze della nostra comunità, e un importante momento di condivisione delle migliori strategie attraverso le quali garantire la sicurezza di tutti noi cittadini.

 

Più informazioni su