Quantcast

Libertas Cantù eAlbesevolley vanno di pari passo: ecco qui gli ultimi acquisti foto

Un centrale dalla A1 per i brianzoli, una ragazza con esperienza per la formazione di Mucciolo. Presentazione ed immagini.

Curiosamente vanno avanti di pari passo. Le due formazioni di riferimento del volley lariano – Pool Libertas nel maschile ed Albesevolley nel femminile – annunciano in queste ore i loro ultimi acquisti. Ancora elementi di spessore e di esperienza per entrambe le formazioni.

POOL LIBERTAS CANTU’

Dopo Poey e Motzo, un altro rinforzo per la prossima stagione della Libertas. Il volto nuovo chiamato a puntellare il reparto centrali, peraltro, proviene dalla SuperLega, dove a giocato fino a qualche settimana fa: dal Vero Volley Monza, infatti, sbarca a Cantù il nigeriano di passaporto italiano Martins Arasomwan, che nel corso dell’ultimo campionato ha giocato spesso nella massima serie nazionale. Ora la sida di Cantù e della A2: Arasomwan, classe 1995, vanta una buona esperienza alle spalle. Partito da Bergamo nella stagione 2012-2013 in Serie B1, il centrale di due metri d’altezza ha giocato al Vero Volley in B dal 2013 al 2015, per poi trasferirsi a Rimini in B (2015-2017) e rientrare a Monza, tra B e A1.

 

TECNOTEAM ALBESEVOLLEY

Prima Facchinetti, poi Zanotto. Ed ora ecco il terzo acquisto che la Tecnoteam Albesevolley ufficializza in questa campagna di rafforzamento in vista del nuovo campionato di serie B1 di volley femminile: da Pisogne, dove nell’ultima stagione ha giocato molto bene arrivando fino ai play-off finali, arriva Elena Rolando, libero, due stagioni anche in serie A2 con Mondovì. Classe 99, piemontese di Alba, ha indossato le casacche della formazione della sua città e di Mondovì prima di passare – la scorsa stagione – al Pisogne volley. Ora la nuova sfida di Albese.  La ragazza si è detta subito entusiasta di questa avventura proposta dal Ds Mozzanica e dal coach Mucciolo. “Sono molto contenta, si. Fin da subito il loro progetto mi è interessato con obiettivo play-off e poi si vedrà in futuro. Sono affiancata da ragazze esperte come Facchinetti e Zanotto, giocatrici che – ne sono certa – mi daranno una grossa mano per imparare e crescere sia tecnicamente che di testa, in particolare su come gestire il campo e le partite”